#afammocc

Dopo i tormentoni lanciati nel recente successo sanremese, il gruppo di comici partenopei The Jackal è entrato a modo suo nel momento sportivo che sta vivendo il Napoli Calcio, lanciando una proposta di esultanza per il bomber della squadra, Lorenzo Insigne, che mira a diventare virale: afammocc per l’appunto.

Non traduciamo, ma a Napoli si può dire.

Napoli è in questo momento protagonista in diversi settori, dalla cultura allo spettacolo, dalla mobilità all’economia del turismo.

Passeggiando per il centro storico, patrimonio dell’Umanità, riesci a cogliere le anime della città, quella artistica e religiosa nella via dei Presepi e nelle numerose Chiese e Cappelle, su tutte quella di Sansevero con il celebre Cristo Velato, quella culturale e filosofica nelle librerie che si fanno locali alla moda e nelle massime sui muri, quella superstiziosa nei cornetti venduti a ogni angolo, perché come diceva Eduardo “Essere superstiziosi è da ignoranti, non esserlo porta male”.

E quella profana che idolatra Maradona e oggi Insigne al pari di divinità, in una perenne rincorsa al riscatto sociale. “Perché se al nord hai bisogno di soldi” mi dice un ragazzo incontrato nei vicoli del centro “chiedi ai tuoi genitori e te li danno. Qui se hai bisogno di soldi ti rispondono Hai da lavorà o Hai da rubà”.

Ma è proprio dalla necessità che nasce il genio. Napoli è una città geniale.

È anche una città moderna e dinamica con un sistema metropolitano tra i più grandi in Italia e la Stazione di Toledo definita migliore d’Europa per la sua architettura.

È internazionale ma con i piedi per terra nei suoi ambasciatori; come Gino Sorbillo, primo di 21 fratelli, la cui celebre Pizzeria Sorbillo, tra le migliori al mondo, con aperture a New York e Milano, ogni giorno ha file chilometriche di turisti in attesa di un tavolo, con prezzi alla portata di tutti.

Sarà per tutto questo che quando The Sun ha inserito Napoli tra le 10 città più pericolose al mondo al pari di Raqqa e Mogadiscio si è levata un’alzata di scudi che ha costretto il quotidiano britannico a ritrattare. Intanto afammocc pure a loro verrebbe da dire.

Napoli, volente o nolente, rappresenta più di questo. Rappresenta il faro di un’intera area geografica, quella del mezzogiorno.

Eppure non si capisce come mai, guardando al turismo, la media occupazione camere al sud sia del 26%, contro una già bassa media del centro nord del 56% rispetto a una Francia che viaggia al 74%.

Tra le soluzioni, il congressuale rappresenta un’àncora sicura per portare un turismo di qualità che domani si trasformerà in  vacanziero. Napoli lo sta facendo con successo con il Convention Bureau cittadino in prima linea.

CBN che sarà in prima linea anche alla Borsa Mediterranea del Turismo il prossimo venerdì 23 marzo nel corso del seminario “Destinazione Mezzogiorno: sinergie operative per il Mice” dove, con la moderazione di Qualitytravel, si discuterà di risultati conseguiti attraverso sinergie interregionali e obiettivi a medio e lungo termine.

Giunta alla sua 22esima edizione la BMT si svolgerà presso il quartiere fieristico della Mostra d’Oltremare dal 24 al 25 marzo prossimo. Un week end di cui tutti possono approfittare.

Articolo consigliato
7 mosse per vendere sale meeting d’hotel

Per i meeting aziendali negli ultimi anni si registra un’inversione di tendenza con le grandi...