Alla Bit Federcongressi&eventi e Convention Bureau Italia riportano l’attenzione delle istituzioni sulla meeting industry

Dalla Bit il settore dei congressi e degli eventi porta a casa un risultato che da tempo mancava. Nel corso della Borsa Internazionale del Turismo di Milano l’associazione della meeting industry italiana Federcongressi&eventi e Convention Bureau Italia hanno riaperto il tavolo pubblico di confronto tra gli stakeholder del settore e le istituzioni con l’Italian Meeting Industry Politicians Forum svoltosi domenica 11 febbraio.

Moderato dal presidente di Ediman Marco Biamonti, l’evento dal titolo Modelli di governance di oggi a confronto per delineare strategie competitive di domani ha visto confrontarsi sul palco un panel significativo dei rappresentanti delle principali destinazioni italiane per eventi: Anna Paola Concia, Assessore Cooperazione e Relazioni Internazionali, Fiere, Congressi, Marketing Territoriale, Attrazione di Investimenti, Turismo, Comune di Firenze; Roberta Guaineri, Assessore Turismo, Sport e Qualità della Vita, Comune di Milano; Adriano Meloni, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro, Comune di Roma; Federico Caner, Assessore alla programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Regione del Veneto e Aldredo De Liguori, Marketing Manager di Pugliapromozione. Presente al tavolo anche Gianni Bastianelli, il Direttore Esecutivo di Enit che ha concluso i lavori mettendo in evidenza la necessità di un intervento di coordinamento con le destinazioni-città per promuovere il settore.

Mentre i rappresentanti di città e regioni hanno illustrato le rispettive azioni di marketing territoriale attuate e in programma per dare impulso al settore e attrarre eventi e congressi le Presidenti di Federcongressi&eventi e Convention Bureau Italia Alessandra Albarelli e Carlotta Ferrari hanno rimarcato alle istituzioni il valore della meeting industry italiana e le sue istanze per acquisire maggiore competitività negli scenari internazionali.

“Il nostro è un settore produttivo di grande rilevanza per l’intero sistema Paese; contribuisce infatti in maniera decisiva non solo al Pil e al livello occupazionale dell’Italia ma anche alla sua capacità di essere promotrice di innovazione, scienza, cultura e formazione”, ha sottolineato la Presidente di Federcongressi&eventi Alessandra Albarelli. “Pensiamo solo all’apporto della meeting industry all’innalzamento del livello di qualità del Sistema sanitario nazionale: Federcongressi&eventi riunisce quasi 100 provider, aziende accreditate per attuare il piano di Educazione Continua in Medicina stabilito dal Ministero della Salute attraverso simposi, congressi e seminari”.

La meeting industry, dunque, settore industriale decisivo ma non sufficientemente attenzionato dalle istituzioni e che, proprio per questo, rischia di far perdere terreno all’Italia nel mercato internazionale dei congressi e degli eventi. A mancare, ha evidenziato la Presidente di Convention Bureau Italia Carlotta Ferrari: “è chiarezza sulla governance, sui ruoli dei singoli enti e dei privati. Noi vogliamo risposte concrete, vogliamo sapere chi e come deve regolare questo comparto, vogliamo essere chiamati ai tavoli di lavoro perché noi sappiamo come funziona, noi sappiamo cosa facciamo ogni giorno e noi siamo abituati, per vocazione personale e professionale, a mettere a disposizione il nostro know-how, le nostre risorse economiche e le nostre energie a servizio del pubblico. Non ci tireremo mai indietro ma vogliamo essere riconosciuti e sostenuti come avviene in quei Paesi che prendiamo ad esempio ma che non tentiamo mai di raggiungere”.

More 95 posts in Formazione ed Eventi
Articolo consigliato
Il ROI di Brand USA: 5,4 milioni di visitatori in più e 38,4 miliardi di impatto economico in 5 anni

La legge fortemente voluta dall’ex presidente Obama che finanziava con una delega diretta Brand Usa...