Emirates Group: fatturato record di 29,8 miliardi

Emirates Group ha annunciato oggi il 31esimo anno consecutivo di profitti e costante espansione. Pubblicato oggi nel suo report annuale 2018/2019, il Gruppo Emirates ha registrato un utile netto di 2,3 miliardi di Dirham (631 milioni di Dollari USA) nell’ultimo anno fiscale, che finisce il 31 marzo 2019. Un risultato in calo del 44% rispetto allo scorso anno. Il fatturato del gruppo ha raggiunto 109,3 miliardi di Dirham (29,8 miliardi di dollari), con un aumento del 7% rispetto ai risultati dello scorso anno. Il saldo di cassa del gruppo è stato di 22,2 miliardi di Dirham (6 miliardi di dollari), un calo del 13% rispetto allo scorso anno, principalmente a causa degli ingenti investimenti nel business, incluse importanti acquisizioni e il pagamento del dividendo dello scorso anno di 2 miliardi di Dirham (545 milioni di dollari).

Sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum

In linea con l’utile complessivo, il Gruppo ha dichiarato un dividendo di 500 milioni di Dirham (136 milioni di dollari) alla Investment Corporation of Dubai per il 2018/2019.

Sua Altezza lo Sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman and Chief Executive di Emirates Airline e del Gruppo, ha dichiarato: “Il 2018/2019 è stato un anno difficile e le nostre performance non sono state quelle che speravamo. L’aumento dei prezzi del petrolio e il rafforzamento del dollaro hanno intaccato i nostri profitti, nonostante la concorrenza si sia intensificata nei nostri mercati chiave. L’aumento della domanda mondiale del trasporto aereo di merci rispetto all’anno precedente sembra aver avuto una battuta d’arresto e abbiamo anche visto indebolirsi la domanda di viaggi, in particolare nella nostra regione, con conseguenze sia su dnata che su Emirates.

Ogni ciclo aziendale è diverso e continuiamo a lavorare sodo per affrontare le sfide e sfruttare le opportunità. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare un business redditizio, sostenibile e responsabile a Dubai e questi sono i principi che continuano a guidare le nostre decisioni e investimenti. Nel 2018/2019, Emirates e dnata hanno visto concretizzarsi il trentunesimo anno consecutivo di profitti, con una crescita in tutto il loro business e hanno investito in iniziative e infrastrutture che garantiranno il nostro successo futuro.”

Nel 2018/2019, il Gruppo ha investito complessivamente 14,6 miliardi di Dirham (3,9 miliardi di dollari) in nuovi aeromobili e attrezzature, nell’acquisizione di società, in strutture moderne, nelle ultime tecnologie e iniziative dello staff, il che implica un aumento significativo della spesa di investimento rispetto allo scorso anno pari a 9,0 miliardi di Dirham (2,5 miliardi di dollari).

A febbraio, Emirates ha annunciato l’acquisto di 40 A330-900 e 30 A350-900 per un valore di 21,4 miliardi di dollari a prezzi di listino in un accordo firmato con Airbus, rispettivamente per il 2021 e il 2024. La compagnia aerea riceverà, inoltre, altri 14 A380 dal 2019 fino alla fine del 2021, portando il suo portafoglio ordini A380 a 123 unità.

I principali investimenti di dnata nel corso dell’anno includono: le acquisizioni di Q Catering e Snap Fresh in Australia e 121 Inflight Catering negli Stati Uniti; l’acquisizione di azioni per diventare proprietario di Dubai Express, Freightworks LLC; l’acquisizione del 51% delle quote di maggioranza di Bolloré Logistics LLC, Emirati Arabi Uniti; la costruzione di nuovi impianti di movimentazione di merci e di farmaci in Belgio, Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi, Australia, Singapore e Pakistan; l’acquisizione del tour operator tedesco Tropo e una partecipazione di maggioranza in BD4travel, una società che fornisce soluzioni IT basate sull’intelligenza artificiale nel settore dei viaggi.

Tra le oltre 120 controllate, la forza lavoro totale del Gruppo è aumentata del 2% a 105.286 unità totali, composta da oltre 160 nazionalità diverse, principalmente influenzata dalle nuove acquisizioni di dnata e dalla sua espansione commerciale internazionale.

Lo Sceicco Ahmed ha dichiarato: “Nel 2018/2019, siamo stati decisi e determinati con la nostra disciplina dei costi, espandendo al contempo la nostra attività e aumentando i ricavi. Riducendo il recruiting di ruoli non operativi e implementando nuovi sistemi tecnologici e nuove strutture di lavoro, abbiamo migliorato la produttività e rallentato l’incremento dei costi di manodopera “.

“È difficile fare previsioni sul prossimo anno, ma sia Emirates che dnata hanno delle posizioni solide per affrontare le sfide future, oltre che per competere e avere successo nel mercato globale. Dobbiamo continuamente migliorare la nostra strategia ed è per questo che investiamo nelle persone, nella tecnologia e nelle infrastrutture, proprio per riuscire a mantenere il nostro vantaggio competitivo. Come azienda responsabile, investiamo risorse per sostenere le comunità, le iniziative ambientali, oltre all’incubazione di talenti che porteranno avanti la nostra compagnia in futuro “, ha concluso.

La performance di Emirates

La capacità totale passeggeri e cargo di Emirates ha superato i 63 miliardi, arrivando a 63,3 miliardi di Tonnellate Disponibili per Kilometro alla fine del 2018-19, consolidando la sua posizione di compagnia aerea più grande al mondo. Emirates ha moderatamente incrementato la capacità rispetto all’anno fiscale 2017-18, registrando un +3%.

Emirates ha ricevuto 13 nuovi velivoli durante l’ultimo anno fiscale: 7 A380 e 6 Boeing 777-300ER, tra cui l’ultimo 777-300ER compreso nell’ultimo ordine. La prossima consegna di 777 è prevista nel 2020, quando Emirates riceverà il primo 777X.

Durante il 2018-19, Emirates ha dismesso 11 aeromobili più vecchi, portando il numero totale di velivoli in flotta a 270 alla fine di marzo. Questo roll-over della flotta che coinvolge 24 velivoli è stato uno dei più grandi gestiti in un anno e ha contribuito a mantenere l’età media della flotta di Emirates a 6,1 anni.

Questo rispecchia la strategia di Emirates di volare con una flotta giovane e moderna, come promesso dal nuovo slogan “Fly Better”. Emirates può contare su velivoli moderni e meno impattanti sull’ambiente, migliori per i collegamenti e per i clienti.

Nel corso dell’anno, Emirates ha lanciato tre nuove destinazioni: Londra Stansted (Regno Unito), Santiago (Cile) ed Edimburgo (Scozia), e ha ripristinato i servizi per il Sabiha Gokcen (Turchia). Inoltre, ha aggiunto capacità di volo a 14 destinazioni esistenti e potenziato la capacità verso sei città, offrendo ai clienti più scelta di orari e di connessioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *