Federcongressi: esperienza e futuro i temi dell’undicesima Convention Nazionale

Paolo Iabichino, Chief Creative Officer di Ogilvy & Mather Italia e Sebastiano Zanolli, scrittore e speaker motivazionale saranno gli ospiti speciali dell’undicesima Convention Nazionale di Federcongressi in programma dall’1 al 3 marzo al centro congressi MiCo di Milano.

“Experience: a challenge for the future” è  il titolo e il mood del ritrovo annuale della meeting industry italiana, un evento che unisce al networking  momenti di ispirazione, di formazione e di aggiornamento professionale. “L’undicesima Convention sarà un’esperienza che gli operatori della meeting industry non possono perdere – spiega Alessandra Albarelli, presidente di Federcongressi&Eventi – In questa occasione lanceremo due nuove sfide: crescere e consolidare. Ma sarà anche un momento di scambio di esperienze per connettere competenze, professionalità e servizi con l’obiettivo di affrontare le sfide del futuro con concretezza e competitività, per riprendere il mantra che abbiamo coniato qualche tempo fa”.

La convention si aprirà giovedì primo marzo al Mico con una sessione di Q&A per PCO e provider Ecm, seguita dal consueto deb-brief di benvenuto ai nuovi partecipanti. La sera il Get Together Party allo Starhotel Rosa Grand, a due passi dal Duomo.

Venerdì 2 marzo invece si apre la convention vera e propria con la vision lecture di Paolo Iabichino “Il futuro che non ci aspetta” in cui l’autore si concentrerà su come l’atteggiamento progettuale debba essere  rapidamente modificato per evitare che siano ”pochi, anzi pochissimi, a poter  vedere quella cosa che continuiamo ancora a chiamare futuro”. “Quando si parla di futuro – spiega Iabichino nell’abstract del suo intervento – il rischio è che lo sguardo si sposti in  avanti, che non si senta l’urgenza, l’obbligatorietà, il pericolo che oggi caratterizza  tutte le professioni che non sono pronte a cambiare con la stessa velocità con la quale evolve il contesto socio-economico. Questo vale anche per tutti coloro che operano  nel settore dei congressi e degli eventi. Perché il nostro è un mestiere di  mediazione, e la maggior parte dei mestieri di mediazione non sembra stare sul  mercato con allegra disinvoltura. Anzi”.

Il pomeriggio sarà dedicato a tavole rotonde e seminari di approfondimento prima della Award Dinner al museo storico dell’Alfa Romeo di Arese, una location che avevamo consigliato nel nostro articolo dedicato alle sedi per eventi per l’automotive ma che ben si adatta a tutti gli ambienti #concretiecompetitivi: http://www.qualitytravel.it/7-idee-location-eventi-automotive/55798

Il 3 marzo Good Morning Session con Sebastiano Zanolli che parlerà di “Orgoglio e Pregiudizio in una società liquida” in cui si darà una visione delle doti fondamentali per rendere noi e i nostri collaboratori adeguati alle nuove sfide, fornendo una chiave di lettura pratica e pragmatica sul come e perché farlo.

Dopo un’altra sessione di seminari formativi il gran finale della Convention, in plenaria, spiegherà il dietro le quinte delle candidature per i Grandi eventi insieme a due ospiti fautori di altrettanti successi italiani: Paolo Verri, deus ex machina di Matera 2019, capitale europea della cultura, e Roberto Daneo, direttore del comitato di candidatura di Expo 2015.

Il programma completo della convention è disponibile a questo link in pdf:
http://www.federcongressi.it/uploads/PagineWE/Programma%20preliminare%20avanzato%20XI%20Convention%202018.pdf