Federcongressi&eventi: confermata alla presidenza Alessandra Albarelli

SQUADRA VINCENTE NON SI CAMBIA

Alessandra Albarelli è stata riconfermata alla presidenza di Federcongressi&eventi. L’elezione, all’unanimità, è avvenuta durante la dodicesima Convention nazionale di Federcongressi&eventi che si è conclusa sabato al Vicenza Convention Centre-VICC di IEG.

Albarelli, che vanta una consolidata esperienza nell’ambito del marketing di destinazioni e di centri congressi, dal 2012 è Congress Manager di Riva del Garda Fierecongress, Project Manager del Trentino Convention Bureau e del Club di Prodotto Riva del Garda MICE.

Il suo primo mandato è stato segnato da importanti tappe quali il contributo di Federcongressi&eventi alla fondazione del Convention Bureau Roma & Lazio, il rinnovo dell’accordo con FISMFederazione Italiana delle Società Medico-Scientifiche e l’inserimento del progetto di recupero del cibo non consumato durante gli eventi Food for Good tra le best practice europee in tema di lotta allo spreco alimentare.

Contestualmente alla Presidente i soci hanno eletto anche i Consiglieri esecutivi per il triennio 2019-2022. Sono: Carla Sibilla, Convention Bureau Genova per la categoria Destinazioni e sedi; Giulio Ferratini, Centro Congressi Internazionale per la categoria Organizzazione congressi ed eventi; Paolo Novi, Integrare per la categoria Servizi e consulenze e Alberto Iotti, Runtimes, Responsabile Provider ECM-Educazione Continua in Medicina e, senza vincolo di rappresentanza, Nazzareno Giarola di Veronafiere, Marica Motta di AIM Group International e Pietro Piccinetti di Fiera Roma.

PLAY DIFFERENT

Titolo provocatorio di questa edizione è “Play Different” per imparare ad agire al meglio e re-agire a uno scenario in continua evoluzione in cui è fondamentale un cambio di mentalità ma è anche importante capire i nuovi scenari e conoscere meglio i nuovi strumenti.

La Basilica Palladiana

Testimonial” involontario ma presente ovunque nel territorio dell’evento quell’Andrea Palladio che da apprendista scalpellino ha saputo trasformare il suo metodo di lavoro, solo sostenuto dal motto “think different”, per diventare il creatore di uno stile inconfondibile che ha stravolto le basi dell’architettura moderna.

EFFETTO WOW

È stata un’edizione ricca di spunti interessanti e di sorprese – a parte la riconferma di Albarelli che terrà la carica per il triennio – soprattutto per quello che riguarda le splendide location delle due serate. Effetto WOW garantito!

La Fondazione Bisazza

La serata di benvenuto si è svolta alla Fondazione Bisazza, l’ex complesso manifatturiero delle celebri tesserine di mosaico ora trasformato in una fondazione ricca di opere d’arte contemporanea, tutte create da artisti del calibro di Fabio Novembre, Alessandro Mendini, Emilio Pucci o Marcel Wanders.

Il cocktail di benvenuto alla Fondazione Bisazza

Altrettanto strepitosa la location della cena di gala che si è tenuta alla Basilica Palladiana in Piazza dei Signori, l’antico palazzo della Ragione che mostra il genio architettonico del Palladio in tutta la sua grandezza. La cena è stata preceduta da una visita ugualmente sorprendente al Teatro Olimpico, con le sue quinte decorate da statue e i suoi giochi prospettici Trompe l’Oeil.

Palladio, il Teatro Olimpico di Vicenza

Durante la cena di gala c’è stata anche il riconoscimento delle realtà che hanno meglio interpretato Food for Good, il progetto volto al recupero delle eccedenze alimentari degli eventi che unisce Federcongressi&eventi alle onlus Banco Alimentare ed Equoevento.

LA PRIMA GIORNATA

La prima parte della mattinata è stata dedicata alla presentazione del bilancio, dei nuovi soci e dei candidati per il Comitato Esecutivo per il mandato triennale 2019-2022.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza il sindaco di Vicenza Francesco Rucco e di Claudio De Donatis, Direttore della Direzione Promozione economica e internazionalizzazione della Regione Veneto, intervenuto al posto dell’assessore Federico Caner.

Sul palco insieme ad Abarelli anche Lorenzo Cagnoni, Presidente di Italian Exhibition Group, e Stefania Agostini, direttrice della divisione Event & Conference di IEG, di cui fa parte il Vicenza Convention Center.

Il pomeriggio si apre con il ROI dell’emozione, con Max Galli di vanGoGh Creative e Federico Buffa, telecronista sportivo che ha battezzato un nuovo modo di raccontare lo sport e il mondo.

Si prosegue con 4 sessioni parallele, una Tavola Rotonda su “ECM come catalizzatore dei processi evolutivi nell’assistenza sanitaria”, moderata da Susanna Priore, e tre seminari: “Open Agent®: nuove competenze per sviluppare organizzazioni aperte, tenuto da Paolo Bruttini di Forma del Tempo, “Le ultime scoperte della neuroscienza al servizio della venditacurato da Tiziana Tronchin e infine “Headwinds or Tailwinds? 15 big trends that will re-define the MICE world over the next 3 years”, sessione in inglese sponsorizzata da Convention Bureau Italia e tenuta dall’ istrionico guru di SoolNua Patrick Delaney. Tra i tanti esempi internazionali e spunti di riflessione che ha proposto, uno mi ha lasciato il segno in particolare: non è più tempo di B2B né di B2C ma di H2H, e cioè Human to Human.

Patrick Delaney di SooloNua e Carlotta ferrari del CVB Italia

L’ultima giornata si apre con la sessione plenaria “Il mondo è cambiato, ora tocca a noi” in cui il business coach Caludio Belotti racconta le abilità necessarie e le caratteristiche richieste al giorno d’oggi ai nuovi “super eroi” perché non basta Think Different, come recitava un vecchio slogan di Apple, ma Play Different, vivere, lavorare e giocare in modo diverso.

Tre chat box permettono ai soci un momento di confronto e approfondimento. Per la categoria Destinazioni e sedi si parla di Garantire la sicurezza a clienti, partecipanti, organizzatori e sedi, introdotto da Gabriella Ghigi, per la categoria Organizzazione congressi ed eventi si affronta il problema della Comunicazione degli eventi dopo l’introduzione del GDPR, con la moderazione di Simona Parini e l’inquadramento normativo di Mauro Zaniboni, mentre per la categoria Servizi e Consulenze Paolo Novi di Integrare presenta i coach Roberto Barison e Marco Marchegiani che con 90 minuiti per noi: engagement & Well-being stimolano i partecipanti a suerare condizionamenti e abitudini nell’ottica di un concreto networking fra i soci.

Networking con Integrare

Chiude la mattinata Alberto Mattiello, direttore di Future Thinking Project J. Walter Thompson che parla di Driving Experience Forward, e cioè di come la trasformazione digitale impatti sulla creazione dei servizi o sulla relazione con i visitatori e approfondisce cosa significhi rivedere nuovi modelli di business in ottica “Digital First”.

La Convention si chiude con la consegna degli attestati agli entusiasti giovani partecipanti del Progetto Mentore che ha permesso a 20 giovani che frequentano Master e Università di entrare in contatto diretto coi protagonisti della Meeting Industry.

I ragazzi del Progetto Mentore

Il programma completo dell’evento si può trovare qui

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *