Il Garda veneto cresce come destinazione congressuale

Dal lato congressuale il Garda è spesso più conosciuto dal lato Trentino per la presenza di un polo important come quello di Riva del Garda Fierecongressi, ma non bisogna sottovalutare il lato Veneto che negli ultimi anni sta emergendo grazie a molte strutture di pregio già esistenti tra hotel e edifici storici di pregio come la Dogana Veneta a Lazise. Inoltre ci sono diverse nuove location in apertura, come il Quellenhof Luxury Resort, sempre a Lazise, paradiso del benessere con 2.000 mq di Spa con spaziose camere con terrazza, sale conferenze fino a 40 persone e lusso a 5 stelle che ha aperto i battenti a fine febbraio 2019.

Facilità di raggiungimento via autostrada e vicinanza di un aeroporto lo rendono logisticamente semplice da raggiungere mentre il territorio e il microclima fanno sì che la destinazione sia confortevole in ogni periodo dell’anno, cosa che rende il settore particolarmente adatto alla bassa stagione e adatto ad attirare turisti quando non c’è la congestione turistica, come ci hanno raccontato in fiera.

Il Mice dunque, può essere visto come una soluzione all’overtourism, argomento di cui si è dibattutto a Bit 2019 proprio allo stand della Regione Veneto alla presenza del Governatore Zaia e dell’assessore al turismo Caner. Gli attori del congressuale coincidono come descrizione a quelli che nel corso dell’incontro Marianna Marcucci ha definito nanoinfluencer:” Oggi nel digital marketing trasparenza, autenticità e fiducia guidano i viaggiatori nella scelta delle destinazioni. In questo contesto è fondamentale il ruolo dei nano influencer, persone che non hanno un alto numero di follower ma generano altissimi tassi di coinvolgimento nel pubblico che li segue. Con il mercato dei Social Media Influencer destinato a superare i 9 miliardi di dollari entro il 2020, stiamo soltanto iniziando a vedere quanto possano essere importanti per il mondo del travel, come possano offrire accesso a un pubblico molto più di nicchia e rilevante che, a sua volta, offre elevati tassi di engagement a un costo molto inferiore. Per questo è importante saperli riconoscere e avere una strategia digitale per renderli ambasciatori di una destinazione”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *