Le aziende tornano a programmare i grandi incentive

Le aziende italiane tornano a credere nei viaggi incentive. Il mercato era in ripresa nell’ultimo biennio ma ora sono aumentati in modo esponenziale, soprattutto quelli di grandi dimensioni. Le aziende mostrano di aver assimilato l’importanza di far leva su aspetti che gratificano il personale, aspetti non tangibili ma profondi.

La dimostrazione arriva dalla Divisione Logistica di Gattinoni&Co srl che ha registrato nel 2017 e anche nel 2018 una crescita costante su tutte le tipologie di eventi. Tra il secondo semestre 2018 e l’inizio 2019 si è rilevato un incremento importante degli incentive e ancor più i grandi viaggi anche grazie ad alcune grosse operazioni.

Silvia Pozzi

Alcuni esempi: per un gruppo bancario è stato inventato un abbinamento inedito, Perù con Turks & Caicos; i quasi 200 invitati si sono spostati da una destinazione all’altra con un trasporto charter esclusivo. Per un brand del beverage è stata studiata una speciale combinazione in Myanmar. Per un’azienda termoidraulica, sono state movimentate 1700 persone sull’isola di Zanzibar tramite una serie di back to back di 300 persone a turno.

Il trend si conferma anche per il periodo estivo 2019; in questa stagione vince il corto raggio, Ibiza in primis. Si lavora sull’abbinata convention o lancio di prodotti più soggiorno balneare e questa tipologia di viaggio premio coinvolge anche i familiari dei partecipanti.

La Divisione Logistica riceve richieste per ogni mese dell’anno e approccia ogni viaggio come se fosse l’unico che sta curando. La volontà è di attuare una ricerca e un approfondimento costante in merito a nuove destinazioni, nuove infrastrutture alberghiere e un nuovo modo di esplorare entrambe.

L’obiettivo è confezionare viaggi esperienziali, con una gamma di attività che in solitaria i comuni viaggiatori non riuscirebbero a vivere. Questa continua ricerca e selezione di momenti da vivere deve essere stimolante sia per chi crea viaggi che per chi ne usufruisce. È indispensabile dare un taglio diverso, inventare un fil rouge che colleghi le esperienze, stupisca e coinvolga.

Da gennaio 2019 Gattinoni ha nominato Silvia Pozzi Chief Logistics Officer, assegnandole la responsabilità dell’interno flusso del progetto Logistico, dalla programmazione all’operativo. Un unico ruolo per rendere più efficace il workflow, come spiega Silvia stessa: “I nostri punti di forza sono molteplici; la curiosità che ci spinge e ci motiva nella ricerca di novità, la meticolosità e la passione con cui gestiamo ogni viaggio come se fosse l’unico, la professionalità degli staff che affiancano i clienti in loco. Non esiste un incentive simile a un altro, è una promessa verso chiunque si rivolga a noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *