Palacongressi e “Al Mèni”, il recupero del cibo tra le best practice UE

Il Palacongressi riminese di IEG era stato il primo dei centri congressuali italiani a avviare la fase di sperimentazione del progetto “Food For Good” e il suo passaggio a pratica costante nella sua attività. Iniziativa a cui, prima tra tutte le grandi manifestazioni italiane dedicate alla cultura del cibi e della tavola, ha aderito dalla scorsa edizione anche la kermesse riminese “Al Mèni”. E dal mese scorso, “Food For Good”, nato dalla partnership tra “Federcongressi&eventi”, l’ associazione che riunisce le imprese della meeting industry italiana e le Onlus “Banco Alimentare” ed “Equoevento”, entra tra le best practice presenti nel protocollo dell’Unione Europea sul contrasto a perdite e sprechi alimentari: “EU Platform on Food Losses and Food Waste”. Piattaforma istituita 2 anni fa nell’ambito del “Piano d’azione UE per l’economia circolare”, mirato a individuare, condividere e sviluppare, soluzioni contro lo spreco nella filiera alimentare e ridurle del 50% entro il 2030.

Nei primi due anni di attuazione, il progetto ha consentito al Palacongressi IEG di recuperare e donare alla mensa dell’Opera Sant’Antonio, oltre 21 mila piatti pronti, e più di 1 tonnellata e mezza tra pane e frutta. Alimenti di altissima qualità, sani e buoni, che hanno creato risparmio economico e, soprattutto, vera solidarietà. Un obiettivo raggiunto anche grazie alla scelta di aderire al progetto di decine di organizzatori, imprese o associazioni, che hanno realizzato eventi al Palacongressi. Ognuna di loro ha, infatti, concordato con gli chef di Summertrade (società di catering e banqueting IEG), la proposta di menù “Second Life” in grado di essere consumati, grazie a un adeguato trattamento e processo di conservazione in linea con il protocollo di legge, nelle 24 ore successive alla manifestazione congressuale.

Un modo concreto di declinare la responsabilità sociale d’impresa, obiettivo a cui da sempreItalian Exhibithion Group riserva grande attenzione e impegno. Il Palacongressi è infatti costruito solo con materiali eco-compatibili, come legno, vetro, pietra. Il sistema energetico consente una riduzione della potenza frigorifera ed elettrica utilizzata del 30%. Sono adottate pratiche di contenimento o azzeramento del consumo di materiali cartacei e plastiche, un’efficiente raccolta differenziata dei rifiuti, la raccolta dei residui organici per il compostaggio e l’uso di prodotti igienici 100% bio. Il tutto senza dimenticare come le manifestazioni fieristiche riminesi e vicentine di IEG offrano anch’esse il loro contributo a “Food for Good” e un evento di livello mondiale quale SIGEP raccolga ogni anno migliaia di Kg di gelato non consumato durante la manifestazione. Il ricavato della vendita al pubblico è utilizzato dal “Banco di Solidarietà” per aiutare famiglie riminesi che vivono sotto la soglia di povertà.

E a partire da questo fine settimana i riflettori del Palas si accenderanno su importanti eventi finanziari, economici e di web marketing. Il 14 e il 15 Rimini diventerà la capitale degli investimenti on line con la 19^ edizione di “ITForum” (2.500 partecipanti) e in contemporanea con questa manifestazione si svolgerà anche la due giorni di studi della “Conferenza internazionale ERCEA Rimini Centre for Economic Analysis”. Dal 21 al 23 di scena invece il più importante appuntamento italiano sulla comunicazione e promozione commerciale in rete, con in arrivo gli oltre 6 mila partecipanti del “Web Marketing Festival”. Eventi che porteranno a oltre 30 mila il numero delle presenza congressuali richiamate in città, durante giugno, dal Palas.

More 182 posts in Mice e Business Travel
Articolo consigliato
Accordo Emirates – Trenitalia: integrazione treno e aereo con un unico biglietto

Una buona notizia per i business traveller italiani: Trenitalia ed Emirates hanno siglato un accordo di codeshare che permetterà...