Un giorno a Genova con NH Hotel

genova_citta

Milano piazza Cadorna. Piove.

Un comodo van della società Elite Rent-a-Car ci aspetta per portarci a Genova a conoscere l’offerta globale di NH hotel Group nel capoluogo ligure. Il programma prevede anche diverse visite, per cui speriamo che il tempo in riviera sia più clemente.

E così è: a Genova ci aspettano un bel sole e – sulla porta dell’hotel NH Genova Centro – il general manager dell’albergo, Paolo Saglietti, insieme a Graziano Cavallo, Marketing e Communication Director NH Italia, e a Marco Gilardi, Regional Operations Director.

nh_genova-centro

L’occasione è l’evento per la riapertura ufficiale dell’hotel dopo una totale ristrutturazione, con un investimento a sei zeri che ha interessato entrambi gli immobili che compongono la struttura, e che una volta erano due alberghi separati, il Plaza e l’Eliseo. Un investimento importante che conferma la posizione strategica che riveste la Liguria dove sono presenti quattro strutture – due a Genova, una a Savona e una a La Spezia. Ora l’hotel coniuga lo stile inconfondibile del gruppo – linee pulite, legni chiari, pavimenti in parquet e letti extra confortevoli – con elementi originari dell’epoca, come il pavimento in marmi policromi dell’entrata dell’edificio storico.

Ma procediamo con ordine. Si comincia con un lunch a base di specialità liguri, focaccia genovese, trofie al pesto e altre prelibatezze. Durante il pranzo si parla dell’andamento positivo del gruppo nei principali mercati in cui opera, che hanno permesso di segnare nei primi sei mesi del 2016 un aumento del 7,5% del fatturato, che sale a 715 milioni di euro.

E il caffè? Prima sorpresa: ci viene servito sulla grande terrazza della camera 258 che si affaccia sulla piazza. La statua di Giuseppe Mazzini in qualche modo sovrasta il monumento equestre dedicato a Vittorio Emanuele II, che campeggia nella sottostante e adiacente piazza Corvetto, tanto per capire a chi andava la simpatia dei cittadini…

Comincia così la site inspection che ci porta a scoprire alcune delle 141 camere e suite dell’hotel, alcune delle quali ricavate eliminando camere singole non più in linea con le esigenze attuali della clientela che in settimana è prevalentemente business, grazie alla presenza di sei sale meeting – la più grande per 80 persone – e alla posizione strategica in centro, mentre nei weekend è soprattutto leisure, data l’attrattiva crescente della Liguria e del suo capoluogo.

Si parte poi per la visita della città cominciando a scendere da uno di quei vicoli in discesa, le creuze, celebrati da tanti cantautori, De André in testa, e che un tempo servivano da mulattiera. Felice di aver scelto come sempre scarpe comode e piatte, arrivo per prima nel cuore della città vecchia inoltrandomi nei tanti caruggi fino all’elegante via Garibaldi, una volta nota come Strada Nuova, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco con i suoi palazzi rinascimentali e barocchi.

Qui ci viene incontro niente meno che la duchessa di Galliera, Maria Brignole – Sale De Ferrari, che verso la fine dell’Ottocento donò alla città il Palazzo Rosso e il Palazzo Bianco, due dimore cinquecentesche che oggi costituiscono un nucleo museale di grandissimo interesse, dove sono conservate opere di Dürer, Veronese, Guercino, Van Dyck, e perfino una tela del Caravaggio. Ed è Michelangelo Merisi in persona, detto appunto il Caravaggio, che ci dà il benvenuto a Palazzo Ducale.

Si tratta naturalmente di attori consumati che raccontano la città in modo piacevole e diverso dal solito: anche questa una scelta vincente, frutto dell’attenzione di NH nei confronti dei suoi ospiti.

A Palazzo Ducale ci aspetta la visita guidata della mostra di Alfons Mucha, esponente ceco dell’Art Nouveau, che deve la sua fama planetaria al sodalizio con la grande attrice teatrale Sarah Bernhardt, di cui curò i manifesti pubblicitari. L’esposizione si è conclusa in settembre, ma le sale del Palazzo Ducale si preparano ad accogliere dal 21 ottobre al 26 febbraio 2017 un altro grande evento, la mostra dedicata a Andy Wharhol e alla Pop Society, imperdibile occasione per tornare a Genova di cui purtroppo, in un solo giorno, possiamo cogliere solo qualche atmosfera e la magica luce.

nh-marina

Ed è già l’ora di trasferirsi al Porto Antico per visitare la seconda struttura della città, l’NH Collection Genova Marina, fiore all’occhiello dell’offerta cittadina che, come ci racconta Marco Scola, general manager, “set the price for all other hotels”, anche quelli a cinque stelle.

Il Genova Marina è uno dei dieci hotel in Italia firmato NH Collection, brand di riferimento per il segmento lusso che è stato lanciato in tutto il mondo nel luglio del 2014 a Venezia, con l’inaugurazione di NH Collection Venezia Palazzo Barocci. Da quel momento, NH Hotel Group ha aperto altri nove hotel NH Collection ad Amalfi, Taormina, Firenze, Milano, Genova, Torino e Roma e 48 nel mondo. Entro la fine del 2016 raggiungerà un totale di 68 strutture.

Dedicato sia al segmento MICE che alle famiglie e al leisure, l’NH Collection Genova Marina si protende nel mare con la sua struttura a due piani che fa da contrappunto all’Acquario di Genova, che sorge sul molo accanto, e al celebre galeone dei Pirati di Polanski, attrazione imperdibile per i più piccoli.

Nella grande hall dalla tipica atmosfera di un piroscafo, i nostri nomi scritti sullo specchio a darci il benvenuto ci confermano l’attenzione al dettaglio tipica della catena spagnola. Siamo pronti per la visita delle stanze, che sono 140, tutte con vista sul porto, del ristorante Il Gozzo dove si possono degustare i piatti della tradizione Mediterranea, e delle sale meeting che sono sette, con la sala plenaria capace di ospitare 200 persone.

Il giro si conclude in fretta, e quasi dispiaciuti stiamo per congedarci quando ci avvertono che dobbiamo fare la visita dall’esterno. Sarà…!

Ed ecco l’ultima, gradita sorpresa: la visita dell’esterno si fa… in barca a vela, all’ora del tramonto, con un raffinato cocktail servito a bordo e un brindisi alla città e a NH che ci ha permesso di coglierne alcuni aspetti molto piacevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *