Oggi vi porto nel giardino dell’Eden. Si trova – e non potrebbe essere diversamente – nella magica Sicilia.

Ci avviciniamo a bordo di un treno storico della Fondazione FS, la Ferrovia dei Templi, che passa nel bel mezzo delle affascinanti e aride colline della Valle dei Templi di Agrigento e si ferma di fronte a questo pezzo di paradiso terrestre: verde, fiorito e profumato, chiamato Giardino della Kolymbethra.

Si tratta in realtà di una vallata che una volta era il bacino idrico dell’antica città Akragas, dei cui templi greci oggi si possono ancora ammirare le imponenti rovine – difatti gli antichi greci la chiamavano “la Piscina degli Dei” (Kolymbethra in greco significa “piscina”… )

Grazie all’antico sistema idraulico di cunicoli e canali che garantivano in tutte le stagioni l’acqua necessaria per le piante si è potuto creare questo lussuoso giardino. Una grande vasca-vivaio, insomma.

Oggi il Giardino della Kolymbethra è sotto la tutela e gestione della nostra Fondazione. Il FAI ha ripristinato gli antichi acquedotti, creato una rete di sentieri che attraversano le piantagioni di agrumi, rivitalizzato gli uliveti e mandorleti attigui, regalando uno spazio di piacevole relax sotto l’infinito cielo siciliano e sullo sfondo degli imponenti templi greci.

Da febbraio ha inizio la fioritura dei mandorli che si vedono appena scesi dal treno alla fermata del Tempio di Vulcano.

Se invece arriviamo a marzo e aprile ci dà il benvenuto l’intenso profumo di migliaia di fiori bianchi. È la zagara, la fioritura degli aranci, limoni, bergamotti, cedri, chinotti e mandarini.

A luglio possiamo assistere alla raccolta delle mandorle. In autunno, invece, la raccolta delle olive offre una bella occasione di team-building “verde” per gruppi aziendali.

Un’esperienza unica è sicuramente la visita agli acquedotti ipogei. Muniti di caschi con torce integrate e accompagnati da speleologi esperti, si parte dal Giardino della Kolymbethra per uscire dopo qualche centinaio di metri nel Parco della Valle dei Templi.

Per sfamarsi non c’è posto migliore che stare seduti sotto gli aranci e gustarsi un picnic con i prodotti tipici della tradizione contadina agrigentina in un’area dedicata del giardino. Che, non dimentichiamolo, è un produttore agricolo: si possono quindi acquistare delle eccellenti marmellate e dell’olio d’oliva extra vergine prodotti sul posto. Ottimi come regali aziendali!

Il Giardino della Kolymbethra può – grazie al clima favorevole – essere visitato tutto l’anno. Può completarsi con la visita dell’area archeologica della Valle dei Templi, al centro storico di Agrigento e alla Scala dei Turchi, una scogliera a forma di scala di marna bianchissima che scende verso il mare a pochi chilometri dalla Valle.

A pieno servizio degli ospiti è anche la fitta rete di oltre 60 operatori turistici dell’area agrigentina, dal ristorante stellato al piccolo b&b, che con molto orgoglio collaborano con il “loro” Giardino della Kolymbethra. Si tratta di un progetto di rete molto riuscito.

Nei parcheggi della Valle dei Templi possono entrare anche pullman di grandi dimensioni. Il servizio del treno storico può essere noleggiato.

Il prossimo evento organizzato dal Giardino della Kolymbethra sarà la “Novena dei contadini”, dal 24 dicembre al 6 gennaio 2017, ore 10-14.

Per tutto il periodo natalizio un gruppo di musici intonerà, davanti al presepe contadino realizzato con gli agrumi, le antiche e festose novene natalizie, regalando ai visitatori un’indimenticabile esperienza delle tradizioni del popolo siciliano.

Per il contatto diretto e tutte le info sul Giardino della Kolymbethra:

www.giardinodellakolymbethra.it

Tel. 335 1229042 – Fax 0922 416787

E-mail: faikolymbethra@fondoambiente.it

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *