É nato in Puglia il Movimento Turistico dell’Olio, associazione che persegue un duplice obiettivo: da un lato, la diffusione della cultura dell’olio nel segno della qualità, lo sviluppo della cultura dell’accoglienza e la valorizzazione del paesaggio italiano legato all’ulivo, dall’altro, far comprendere le potenzialità attrattive che hanno l’olio e coloro che lo producono.

uliveto

Presentato presso la Masseria Torre Coccaro, in provincia di Brindisi, in occasione dell’iniziativa “ABC Olio – Impariamo a conoscere gli extravergine di Puglia”, il progetto ha come ideatore il Movimento Turismo del Vino, che ha fatto da apripista per l’enoturismo in Italia con gli eventi Cantine Aperte. Non a caso, il presidente nazionale di MTV, Carlo Pietrasanta, sarà alla guida anche di MTO, affiancato dalla vicepresidente Serenella Moroder (vicepresidente di MTV Italia e presidente di MTV Marche) e da cinque consiglieri. Come sede dell’associazione è stata scelta Bari.

“Con il Movimento Turismo del Vino – spiega Serenella Moroder – abbiamo contribuito a sviluppare l’economia dei vignaioli aggiungendo valori, primo fra tutti la qualità della cultura dell’accoglienza. Ora trasferiremo nell’olio questa nostra esperienza, con l’obiettivo di dare valore al prodotto, comunicarlo a milioni di enoturisti che visitano la nostre cantine e unire i produttori in un progetto di idee comuni”

olive

A MTO possono associarsi frantoiani, produttori e aziende che accanto al vino producono olio. Il movimento mira infatti anche a rendere consapevoli i numerosi olivicoltori del valore turistico del paesaggio degli uliveti, la cui bellezza non può che costituire il contorno di una cultura della qualità del prodotto. Il concetto di qualità è il valore centrale dell’associazione e farà da fil rouge in tutte le iniziative. “Partiamo con ABC Olio in Puglia per arrivare a un grande evento nazionale rivolto a tutti, appassionati e professionisti del settore, sulla scia di quanto già accade con Cantine Aperte” ha concluso la vicepresidente.

logo-mto

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *