Non è un mistero che i fatturati dei colossi del web abbiano da tempo superato il Pil di diversi Stati.

Quello che forse è meno risaputo è che gli unicorni, ovvero startup valutate più di un bilione di dollari (sono 271 nel mondo), sommate assieme diventerebbero la prima azienda mondiale: 971 bilioni di dollari, contro gli 806 di Apple, 677 di Google, 608 di Microsoft, 497 di Facebook, 467 di Amazon.

Tutto questo per dire cosa: c’è una strada maestra oggi per creare imprese di successo e si chiama digitale e una macchina per percorrerla che si chiama startup (tradotto investire su giovani smanettoni). Eppure se guardiamo agli investimenti a loro destinati in Italia, pur aumentati negli ultimi 5 anni, sono fermi a 261 milioni di euro, contro gli 1.9 bilioni di Germania, 3.2 bilioni del Regno Unito, 2.7 bilioni della Francia (dati Polihub ndr).

In Italia, manco a dirlo, gli unicorni scarseggiano. L’intervento più importante, in ambito digital, è stato il Piano Calenda per l’industria 4.0, pensato però per le aziende manifatturiere che avevano l’assoluta necessità di mettersi in pari con i competitor europei nell’utilizzo del digitale per quel che concerne i processi industriali, di gestione e di vendita.

La crescita delle startup è stata invece supportata e vincolata al lavoro di Università e Incubatori privati dove troviamo banche, fondazioni e multinazionali.

Così accade che i Governi diventino meri amministratori condominiali e brand come Amazon contribuiscano con investimenti milionari e progetti culturali rivoluzionari al rilancio di interi borghi abbandonati nel Sud Italia, come sta avvenendo per Conflenti, provincia di Catanzaro che si candida a diventare la prima Amazon City.

Il resto è un gran mucchio selvaggio dove si lotta per briciole o torte di fondi regionali, si sputa sangue per tenere in piedi progetti di cui si potrebbe fare a meno, e si chiude la strada a chi prova a superarti sulla destra.

La strada, anzi l’autostrada degli unicorni, è invece libera e scorrevole, il vero problema è che pochissimi hanno capito dove prenderla.

Condividi: