Aeroporti: nel 2020 si teme più per i cambiamenti climatici che per la sicurezza informatica

Secondo la Willis Towers Watson Airport Risk Community (ARC), la comunità che riunisce i principali operatori aeroportuali di tutto il mondo, il cambiamento climatico è uno dei principali rischi per gli aeroporti e solo in secondo luogo la sicurezza informatica.

Durante la recente conferenza mondiale, è stato chiesto ai membri dell’ARC quali siano i principali pericoli per gli operatori aeroportuali. L’86% ha dichiarato che gli aeroporti sono molto esposti ai rischi legati al cambiamento climatico, in particolare le inondazioni individuate dal 48% degli intervistati come il principale rischio meteorologico.

Tra gli altri rischi individuati come principali fonti di preoccupazione sono stati il guasto dei sistemi IT, considerato come un pericolo primario dagli operatori, e il rischio informatico derivante dalle violazioni di dati sensibili. Tra le nuove minacce sono emersi il rischio proveniente dai droni, con i conseguenti danni alla reputazione dell’aeroporto, e, in generale, i problemi inerenti alla sicurezza. Problemi di grande importanza che anche nel 2019 hanno causato blocchi aeroportuali e brecce nella sicurezza del trasporto aereo ma che non vengono percepiti alla stessa stregua del cambiamento del clima.

“Conoscere quali siano le preoccupazioni degli operatori aeroportuali – spiega Gianmarco Tosti, Country Manager Willis Towers Watson Italia – ci permette di aiutarli ad affrontare i rischi con la maggiore preparazione possibile. In un mondo che sta diventando sempre più complesso e interconnesso, siamo convinti che la resilienza di infrastrutture chiave come gli aeroporti sia non solo strategica per il settore, ma anche estremamente importante per la crescita economica e il benessere della comunità”.

Ugo de Carolis, Amministratore Delegato di Aeroporti di Roma S.p.A., che ha aperto l’evento, ha sottolineato l’importanza del ruolo di ARC nel dibattito sui rischi per il settore: “Poiché l’industria aeronautica continua a crescere, i rischi aumentano, quindi la necessità di discutere e condividere le conoscenze è fondamentale per sostenere e costruire un’industria aeronautica più forte e resistente”.

Javier Echave, CFO di Heathrow Airport Holdings, ha condiviso, come esempio virtuoso di impegno per la salvaguardia dell’ambiente, la strategia a zero emissioni di carbonio di Heathrow affermando che: “L’aviazione non è il nemico, lo è il carbonio […] insieme alle autorità dell’ICAO – International Civil Aviation Organization, e del Regno Unito dobbiamo sviluppare una tabella di marcia per l’adozione di carburanti sostenibili nel nostro settore”.

Francesco Alessi, Head of Aviation Willis Towers Watson Italia, ha dichiarato: “Abbiamo istituito la Airport Risk Community per identificare i principali rischi che interessano la comunità aeroportuale. I clienti degli aeroporti hanno le idee molto chiare riguardo i rischi del cambiamento climatico e il loro impatto sul funzionamento dell’aeroporto. Il nostro impegno nell’affrontare questi rischi ci consente di fornire una guida per identificare e mitigare il problema”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *