BITMilano, a Fieramilanocity da domenica 10 a martedì 12 aprile prossimi, ritorna per proporsi come il primo grande appuntamento internazionale del settore per la stagione 2022, puntando alla scoperta del Belpaese e di luoghi magici in giro per il mondo. Un modo di viaggiare più consapevole, responsabile e sostenibile, il turismo “slow”, con proposte ibride e flessibili e, con esse, una nuova mobilità turistica che punta a fondere lavoro e tempo libero.
Secondo i dati del Centro Studi Turistici di Firenze e di Terre di Mezzo, lo Slow Tourist cerca soprattutto esperienze autentiche, da vivere in sicurezza e tranquillità, come risposta al post-pandemia e agli scenari internazionali. Basti pensare che in Italia crescono di oltre il 27% gli appassionati dei cammini, non solo religiosi. Se la motivazione è spirituale per il 25%, il 52% vuole fare trekking mentre il 50% ama stare nella natura e il 46% intende scoprire il territorio.
In questo quadro si inserisce la riscoperta dei borghi, per la loro bellezza, per il patrimonio d’arte, la storia, la cultura e natura Pre-pandemia, negli oltre 5.500 borghi italiani si contavano circa 22,8 milioni di arrivi e 95,3 milioni di presenze, tra italiani e stranieri. Nel decennio scorso gli arrivi nei borghi italiani sono cresciuti del 22,3% e le presenze sono aumentate del 10%, grazie in particolare al significativo aumento dei viaggiatori stranieri.

In Italia, dalle Marche e il Lazio nel Centro, all’Abruzzo e la Basilicata al Sud, fino alla Lombardia e il Friuli Venezia Giulia risalendo al Nord, è un susseguirsi di borghi gioiello e paesaggi da fiaba.
Partendo dal Sud, in Basilicata in primo piano un modo innovativo di vivere la natura con il forest bathing o forest therapy: da soli o con una guida, si sta tra gli alberi, li si abbraccia e ci si predispone all’ascolto per trovare il proprio equilibrio. Chi preferisce, può optare per la meditazione, l’orienteering, lo yoga nei boschi e nei parchi naturali lucani, di cui due nazionali: Parco nazionale del Pollino e Parco nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri – Lagonegrese. Tre i regionali: Parco Regionale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane; Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano e Parco naturale regionale del Vulture. Numerose anche le Riserve naturali tra cui le Oasi WWF di Bosco di Policoro, Pantano di Pignola e Diga di San Giuliano. Un’esperienza wellness da completare in una delle terme lucane, come Latronico alle porte del Pollino; Rapolla, nel cuore del Vulture; Maratea, spa con acqua marina e Honey Spa a Ripacandida.

Punta su una rete diffusa di piccoli ed antichi borghi dal fascino millenario l’Abruzzo, pervasi da aspetti identitari unici della Regione e custodi di un patrimonio esclusivo di beni artistici e saperi tradizionali, con 25 presenze tra i Borghi più belli d’Italia e 46 tra i Borghi Autentici d’Italia, oltre a 7 premiati con la Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Imperdibile Pacentro, dominato dal Castello Caldora risalente al X secolo, nonché – per gli amanti del gossip – paese di origine delle famiglie della popstar Madonna e dell’ex segretario di Stato USA Mike Pompeo. Quasi al confine con le Marche, Civitella del Tronto è invece famosa per la sua maestosa fortezza costruita su una collina a 600 metri d’altitudine e per ospitare la via più stretta d’Italia, la Ruetta. Fuori dal centro storico è possibile fare una bellissima escursione alle Gole di Salinello, un magnifico canyon immerso nel verde.

Al Centro, le Marche vantano una lunga tradizione di turismo lento e all’aria aperta, con un’attenzione al cicloturismo che si esprime in spettacolari percorsi quali quello tra i borghi e castelli della Valle del Metauro, il percorso tra le dimore signorili della Valle di San Bartolo o la Via delle Abbazie di Macerata. A questo proposito, nella regione esistono anche 12 splendidi cammini da fare a piedi, alcuni con connotazioni anche religiose: il più noto è forse la Via Lauretana che, partendo da Assisi, arriva a Loreto toccando tappe di grande valore storico-paesaggistico come l’idillico borgo medievale di Belforte del Chienti o il Castello di Tolentino fino al meraviglioso santuario di Loreto.

Anche per il 2022 il Lazio rinnova la promozione Più notti, più sogni. +Experience, che, regala un pernottamento in più a chi ne utilizza due o tre, e due notti di soggiorno in più prenotandone cinque nella stessa struttura ricettiva. Nella misura rientrano le experience, una serie di attività e servizi: un’opportunità imperdibile per scoprire gioielli come Castel di Tora, arroccato su una collina cui si accede da uno spettacolare ponte che scavalca il Lago di Turano, o Caprarola con il suntuoso Palazzo Farnese e gli Orti farnesiani, splendido esempio di giardino tardo-rinascimentale realizzato attraverso un sistema di terrazzamenti. O ancora Subiaco, una importante tappa del Cammino di San Benedetto. Il borgo è costruito a scalinata su una rupe rocciosa che domina la valle a destra del fiume Aniene.

Risalendo al Nord, tra spazi aperti, natura e una grande varietà di paesaggi in poche centinaia di chilometri da anni il Friuli Venezia Giulia valorizza questo stile di vita, potenziando i servizi e percorsi cicloturistici combinati con l’enogastronomia e la cultura. Un esempio è il marchio Io sono Friuli Venezia Giulia, che unisce aziende sostenibili, prodotti trasparenti e tracciabili realizzati con materie prime locali e ristoranti attenti al Km Zero. Sono ben 453 i prodotti dalla tracciabilità garantita dal Marchio Blu, dai salumi al miele alle composte, che completano con l’offerta enogastronomica esperienze “slow living” come la scoperta dell’area archeologica di Aquileia o una visita slow a Trieste, fra Faro Lanterna, Borgo Teresiano e colli.

La Lombardia riserva piacevoli sorprese agli amanti del turismo all’aria aperta. A complemento dello shopping di Milano, dei laghi e delle città d’arte, oltre che della montagna lombarda, percorsi tutti da scoprire adatti anche ai meno esperti. Per esempio il Sentiero delle Espressioni in Valle Intelvi, una camminata tra natura e arte tra boschi di betulle, verdi pascoli erbosi e paesaggi mozzafiato sul Lario. Ideale per una giornata all’aria aperta con tutta la famiglia la scoperta della Riserva delle Piramidi di Zone, a pochi chilometri dal Lago d’Iseo: oltre alle caratteristiche formazioni rocciose, da non perdere una breve sosta al “Bosco degli Gnomi”, un percorso decorato con sculture di gnomi di legno che incanta tutti i bambini.

Per chi non vuole rinunciare alla vacanza all’estero, le opportunità di vacanza slow sono anche internazionali, tanto a breve quanto a lungo raggio. Vicino a noi, la meravigliosa Formentera è stata la prima destinazione in Europa ad aderire alla Carta della Sostenibilità UNESCO. Qualcosa come 32 percorsi verdi si diramano verso gli angoli meno noti dell’isola, adatti al Nordic Walking come alla bicicletta o il jogging. Oltre all’ampia offerta di sport acquatici, da non perdere un tour dei fari e promontori, dall’altopiano de La Mola a Cap de Barbaria, ammirando panorami spettacolari.

Dall’altro lato del Mediterraneo la Grecia si presenta come un paradiso di biodiversità da scoprire lentamente. Sulla penisola da non perdere il Golfo di Corinto, costellato da piccole baie isolate di roccia calcarea e sabbia, raggiungibili solo attraverso sentieri pedonali attraverso la macchia mediterranea. Alcune baie ospitano anche esperienze slow come corsi di yoga e di biodanza o laboratori per avvicinare i bambini e ragazzi alla biologia marina. Un’oasi ornitologica eccezionale nell’angolo nordoccidentale della Grecia, al confine con l’Albania e la Macedonia del Nord, sono i Laghi di Prespa, costeggiati da sentieri perfetti per le escursioni.

Tra le destinazioni a lungo raggio, l’isola dei Caraibi “slow” per eccellenza è Cuba, dove in molte aree i ritmi sono ancora quelli di decenni fa. Il miglior modo per scoprirle è visitarle on the road, con mezzi pubblici sostenibili anziché l’auto privata: dall’Avana verso San Juan de Remedios lungo la Carretera Central, che attraversa un meraviglioso paesaggio subtropicale costellato da paesini rurali fermi nel tempo. Da San Juan si può proseguire per Cayo Santa Maria, spiaggia di sabbia bianca su un mare turchese, e poi per Santa Clara dove si erge il Mausoleo del Che.

Situata a 800 km dal Madagascar, in pieno Oceano Indiano, l’isola di Mauritius è un autentico paradiso per chi vuole vivere una vacanza green e sostenibile senza rinunciare alle sabbie bianche e le acque cristalline dei mari tropicali. Un soggiorno naturalmente slow anche grazie al carattere tradizionalmente amichevole degli abitanti, plasmato da secoli di convivenza pacifica tra induismo, islam e cristianesimo. Un’isola che si può percorrere tutta anche in una giornata: è facile muoversi con mezzi ecofriendly dalle spiagge ad Est, come Belle Mare, a quelle a Sud-Ovest quali Le Morne, facendo tappa in alcune delle affascinanti attrazioni locali come la storica fabbrica di tè Bois Cheri, il lago Sacro Grand Bassin, le Terre Colorate di Chamarel e, per gli appassionati di rum, la Rhumerie de Chamarel.

Con una folta rappresentanza a BIT 2022, infine, Visit USA mette in scena un Paese in cui la “wilderness” la fa da padrona da sempre. Ecco alcuni suggerimenti per mete wild lontane dal turismo di massa. In Missouri si può fare un giro in zipline tra le cime degli alberi o lungo un’antica ferrovia nel Katy Trail State Park, senza dimenticare i tanti laghi e fiumi. In West Virginiacelebre l’Appalachian Trail, il più lungo sentiero escursionistico continuo del mondo – 2.192 miglia attraverso 14 stati – che presenta in questo stato uno dei segmenti più affascinanti. Ma gli USA non sono solo continentali: alle isole Samoa Americane, oltre alle bellissime spiagge, merita una visita il National Park of American Samoa, l’unico parco nazionale USA a sud dell’equatore e uno dei parchi più remoti e incontaminati del mondo.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *