Gli italiani pensano a vacanze più lunghe e spenderanno più del solito quest’estate per compensare la mancanza di viaggi all’estero negli ultimi due anni. Le nuove statistiche pubblicate da Marriott Bonvoy, il programma di Marriott International, evidenziano come, esaminando il 52% circa degli italiani che hanno in programma di viaggiare all’estero quest’estate (tra giugno e settembre), nove su dieci (88%) dichiarino che spenderanno più del solito rispetto alle vacanze estive precedenti alla pandemia, in media circa € 1.177 a persona.
Questo aumento della spesa si prospetta soprattutto tra i viaggiatori più giovani che hanno in programma di viaggiare all’estero, tre quarti dei quali (76%) tra i 18 e i 24 anni e otto su dieci (79%) tra i 25 e i 34 anni. Nonostante si tratti probabilmente della fetta di popolazione che ha un guadagno inferiore, gli adulti under 25 prevedono di spendere €1.553 in più del solito, ovvero più di qualsiasi altra fascia d’età. La ricerca è tratta dal rapporto Joy of Travel di Marriott Bonvoy, condotta su 14.000 consumatori in Europa e Medio Oriente.

Il ritorno della vacanze estive di due settimane

Non è solo una spesa maggiore, quella che i viaggiatori italiani prevedono per le vacanze estive di quest’anno, ma anche più tempo del solito. Tra quelli che viaggeranno all’estero, circa la metà (45%) dichiara di avere in programma una permanenza più lunga del normale, raggiungendo il 58% tra i viaggiatori della generazione Z tra i 18 e i 24, e il 57% tra quelli tra i 25 e i 34.
Una conseguente tendenza importante è il ritorno delle due settimane di vacanza. In precedenza la scelta più comune, questo lasso di tempo si è notevolmente ridotto negli ultimi anni a causa del costo contenuto dei voli, che ha portato i consumatori a favorire viaggi più frequenti e di minore durata. Infatti, circa un terzo degli interpellati (30%) dichiara di non aver effettuato un viaggio di due settimane nel corso degli ultimi dieci anni o più.
Sembra però che questa tendenza stia attenuandosi, in quanto il 32% dei viaggiatori intervistati ha pianificato almeno una vacanza da due settimane o più. I dati rilevati da Marriott Bonvoy mostrano come quest’anno in Europa e Medio Oriente la percentuale di viaggiatori che ha prenotato vacanze estive più lunghe di 8-14 giorni sia raddoppiata rispetto al 2019.

Nel frattempo, moltissimi per quest’estate hanno in programma anche più di una vacanza. Più di 4 viaggiatori su 10 (41%) dichiarano che quest’anno faranno più viaggi del solito tra giugno e settembre, tra questi il 58% costituito da under 25 e il 57% da persone tra i 25 e i 34 anni.

Per molti è il primo viaggio dopo tre anni

L’aumento nella spesa e nel tempo trascorso in vacanza è il risultato diretto della pandemia, poiché molti vogliono recuperare la mancanza di viaggi degli ultimi due anni. Infatti, solo il 17% degli italiani dichiara di essere stato in vacanza all’estero dall’inizio della pandemia. Il 53% non ha messo piede fuori dall’Italia dall’estate del 2019, quasi 3 anni fa.

Tre persone su dieci infatti (30%) dicono di essere determinati a viaggiare quest’estate, e il 37% tra questi dichiara di aver pensato che le vacanze all’estero fossero troppo rischiose durante gli ultimi due anni.

Priorità al relax e alla comodità

Probabilmente anche a seguito della pandemia, quest’estate i vacanzieri italiani cercano viaggi dediti al relax e alla comodità. Quasi un terzo (32%) dice che la priorità per la propria vacanza è che sia “il più rilassante possibile” mentre il 30% dichiara di voler solamente fare “una pausa in un resort all-inclusive”. Nel frattempo, un terzo (25%) di coloro che viaggeranno ha in programma di trascorrere una vacanza da sogno da ‘una volta nella vita’, cosa che probabilmente contribuirà all’aumento generale della spesa.

Neal Jones, Chief Sales & Marketing Officer di Marriott International per Europa, Medio Oriente e Africa dichiara: “I viaggiatori italiani desiderano una vacanza vera e propria quest’estate, e la pianificano su due settimane. Molti hanno previsto di spendere molto più del solito e di trascorrere più tempo in vacanza rispetto a prima della pandemia, per compensare la mancanza di viaggi degli scorsi due anni. Si tratta di una novità positiva per l’industria di viaggio, dopo due anni durissimi. I nostri clienti quest’anno stanno dando priorità alle vacanze “zero stress”, durante le quali potersi semplicemente rilassare e lasciarsi coccolare. Il mio consiglio a chiunque volesse fare lo stesso è quello di prenotare al più presto, se non l’ha già fatto, così da poter godersi un meritato break estivo nel proprio Paese o all’estero.”

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *