Le “Libertà dell’aria” rappresentano un insieme di diritti negoziati tra gli Stati che regolano il traffico aereo internazionale. Questi diritti sono cruciali per facilitare il trasporto aereo globale, permettendo alle compagnie aeree di operare voli tra diversi paesi con maggiore flessibilità. Le prime cinque libertà sono le più fondamentali e spesso utilizzate. Il termine nasce a metà del secolo scorso quando iniziano ad essere scritti i primi trattati commerciali che regolano il trasporto aereo, sui servizi aerei di transito e sul trasporto aereo internazionale. Questi trattati definiscono alcune fondamentali libertà per il trasporto aereo, di seguito, una spiegazione dettagliata di ciascuna di esse.

Prima libertà: il diritto di sorvolo

La Prima Libertà consente a una compagnia aerea di sorvolare il territorio di un paese senza atterrare. Questo diritto è essenziale per permettere alle compagnie di scegliere le rotte più dirette ed efficienti per i loro voli internazionali.

Esempio pratico: un volo della compagnia aerea Qatar Airways da Doha a Londra potrebbe sorvolare l’Italia senza necessità di atterrare.

Seconda libertà: il diritto di scalo tecnico

La Seconda Libertà permette a una compagnia aerea di atterrare in un paese straniero per motivi tecnici, come rifornimento o manutenzione, senza imbarcare o sbarcare passeggeri o merci.

Esempio pratico: un volo di Singapore Airlines da Singapore a New York potrebbe atterrare in Anchorage, Alaska, solo per fare rifornimento.

Terza libertà: il diritto di trasportare passeggeri da casa verso l’estero

La Terza Libertà consente a una compagnia aerea di trasportare passeggeri, merci e posta dal proprio paese verso un altro paese.

Esempio pratico: un volo di Ita Airways che parte da Roma e arriva a Londra.

Quarta libertà: il diritto di trasportare passeggeri dall’estero verso casa

La Quarta Libertà è il contrario della terza: consente a una compagnia aerea di trasportare passeggeri, merci e posta da un paese straniero verso il proprio paese.

Esempio pratico: un volo di British Airways che parte da New York e arriva a Londra.

Quinta libertà: il diritto di trasportare passeggeri tra due paesi stranieri

La Quinta Libertà permette a una compagnia aerea di trasportare passeggeri, merci e posta tra due paesi stranieri durante un volo che inizia o termina nel proprio paese.

Esempio pratico: un volo di Emirates da Dubai a New York che fa scalo a Milano, dove può imbarcare e sbarcare passeggeri tra Milano e New York.

Vantaggi delle cinque libertà dell’aria

  1. Maggiore flessibilità operativa: le compagnie aeree possono pianificare rotte più efficienti e ottimizzare l’utilizzo della loro flotta.
  2. Migliore connettività globale: i passeggeri hanno accesso a una rete di voli più ampia, migliorando la connettività tra diverse parti del mondo.
  3. Aumento della competitività: maggiore concorrenza tra le compagnie aeree può portare a tariffe più basse e a un miglioramento dei servizi.

Impatto economico e geopolitico

Le libertà dell’aria non solo facilitano il trasporto aereo, ma hanno anche importanti implicazioni economiche e geopolitiche. Permettono di sviluppare il turismo, promuovere il commercio internazionale e favorire le relazioni diplomatiche tra paesi. Tuttavia, la negoziazione di questi diritti può essere complessa, richiedendo accordi bilaterali o multilaterali che bilanciano gli interessi di tutti i paesi coinvolti.

Autore

  • Domenico Palladino

    Domenico Palladino è editore, consulente marketing e formatore nei settori del travel, della ristorazione e degli eventi. Dal 2019 è direttore editoriale di qualitytravel.it, web magazine trade della travel & event industry. Gestisce inoltre i progetti editoriali di extralberghiero.it, dedicato agli operatori degli affitti brevi e cicloturismo360.it, per gli amanti del turismo su due ruote. Ha pubblicato per Hoepli il manuale "Digital Marketing Extra Alberghiero". Laureato in economia aziendale in Bocconi, indirizzo web marketing, giornalista dal 2001, ha oltre 15 anni di esperienza nel travel. Dal 2009 al 2015 è stato web project manager del magazine TTG Italia e delle fiere del gruppo. Dal 2015 al 2019 è stato direttore editoriale di webitmag.it, online magazine di Fiera Milano Media dedicato a turismo e tecnologia.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *