Ryanair ha annunciato il 4 dicembre una nuova base a Treviso, dopo 22 anni dall’inaugurazione del primo volo per l’Italia della compagnia. La base sarà operativa dal 31 marzo 2021 con due aeromobili e 18 rotte nuove (su un totale di 45, 6 nazionali e 39 internazionali), che collegheranno la città veneta con oltre 20 Paesi d’Europa. Un investimento importante, 200 milioni di dollari, e un segnale forte in un momento di incertezza che conferma l’Italia, e il Veneto, in posizione sempre rilevante nella strategia globale del vettore. Del resto con 29 aeroporti serviti e 15 basi, Ryanair si conferma come la compagnia numero uno nel nostro Paese.

Ryanair torna a investire fortemente in una regione, il Veneto, dove opera su 3 aeroporti – Venezia Marco Polo, Verona Catullo e Treviso Canova – con 60 rotte in totale, di cui 15 nazionali, che porteranno oltre 3 milioni di clienti all’anno e supporteranno, si prevede, oltre 2.000 posti di lavoro. Treviso in particolare avrà un mix di destinazioni business e leisure con nuovi scali tra cui in Italia, Alghero, Pescara e Trapani, e all’estero Alicante, Francoforte-Hahn, Paphos, Riga, Tel Aviv e Salonicco. Su Venezia ci sarà un aumento delle frequenze su 3 rotte, tra cui Barcellona (fino a 10 per settimana), Londra Stansted (fino a 19 per settimana) e Palermo (fino a 12 per settimana), mentre a Verona ci sarà un aumento delle frequenze su Birmingham (fino a 2 per settimana) e Cagliari (fino a 4 per settimana).

Un tassello importante anche in vista delle Olimpiadi Milano-Cortina del 2026, come sottolineato nei loro interventi sia il presidente del Gruppo Save, Enrico Marchi, che l’emozionatissimo sindaco di Treviso, Mario Conte. Per festeggiare l’apertura della sua prima base in Veneto, Ryanair ha lanciato una promozione sui voli da / per Treviso, Venezia Marco Polo e Verona, con tariffe disponibili a partire da soli 24,99 €, per i viaggi da aprile a ottobre 2021, che devono essere prenotati entro la mezzanotte di lunedì (7 dicembre) solo sul sito Ryanair.com.

Eddie Wilson, Ceo di Ryanair, ha sottolineato l’importanza del modello di business di Ryanair e della sua vision, come dimostra la partnership con il gruppo Save che gestisce gli aeroporti di Venezia, Treviso e Verona, e mette in risalto la solidità della compagnia. Lo conferma anche l’annuncio che il 3 dicembre Michael O’Leary, Ceo di Ryanair Holdings, ha firmato a Washington l’ordine di ulteriori 75 velivoli B737 Max che porta il totale a 210 per le compagnie della Holding Ryanair. È un aereo che garantisce il 4% in più di posti, il 16% in meno di emissioni di Co2 e il 40% in meno di inquinamento acustico. Il velivolo si chiamerà 737-8200.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *