La Spagna è tradizionalmente una delle mete più gettonate quando si parla di vacanze estive e non solo. Il motivo è facile da intuire se pensiamo alle splendide coste iberiche, alle Isole Baleari e a città incredibili come Madrid, Barcellona, Siviglia e Valencia. In realtà, la Spagna è molto di più delle destinazioni classiche. Che dire, ad esempio, di una città come Malaga che da il meglio di sé proprio nei mesi estivi? Oggi parleremo proprio di lei e andremo a scoprire perché potrebbe rivelarsi la meta perfetta per questa estate 2024.

Malaga è una città capace di accontentare ogni tipo di viaggiatore.

Iniziamo da chi viaggia soprattutto per scoprire la natura e ama il verde. A loro il capoluogo andaluso offre splendidi parchi e giardini come il Paseo del Parque, famoso per le sue enormi palme (provvidenziali viste le temperature estive nella regione), il Paseo de España, giardino costellato di piante tropicali e il Giardino Botanico La Concepción, una vera e propria oasi naturale con migliaia di specie diverse, cascate e laghetti artificiali.

Negli ultimi anni Malaga si è anche affermata come meta top per gli escursionisti di tutto il mondo. Buona parte del merito è del Caminito del Rey, un percorso ad alto tasso di adrenalina fatto di passerelle di legno attaccate a pareti di roccia che sovrastano il fiume Guadalhorce. E per chi soffre di vertigini e preferisce itinerari più tranquilli a disposizione ci sono il percorso della Muralla de Gibralfaro, 30 minuti fatti di panorami splendidi sulla città, e l’escursione lungo il Sentiero dei Torrijos, nel cuore del Parco Naturale dei Montes.

Tra un’escursione e l’altra una tappa obbligata sarà quella al celebre Casinò Torrequebrada, una delle strutture più belle della Spagna in cui si tengono alcuni degli appuntamenti più importanti del mondo per quanto riguarda il poker sportivo. Elegante, con servizi di primo livello e con tanto di spettacoli di cabaret, il casinò ci farà respirare la magica atmosfera di Las Vegas trasportata davanti al mare iberico.
Sempre in ambito strutture, impossibile non parlare di Malaga senza citare il Museo Picasso Malaga (MPM), il palazzo più visitato dell’intera città. Fu lo stesso Pablo Picasso a chiedere che le sue opere venissero raccolte ed esposte nella sua città natale e 40 anni dopo il suo desiderio trovò realizzazione. Il museo è stato inaugurato all’interno di Palazzo Bevilacqua nel 2003 e oggi ospita una collezione di oltre 200 capolavori del genio spagnolo con testimonianze legate a tutte le fasi della sua carriera. Assolutamente imperdibile per riscoprire uno dei più grandi geni della modernità.

Proseguendo nel percorso culturale e monumentale, una delle attrazioni da non perdere a Malaga è la Cattedrale de la Encarnacion, soprannominata dagli abitanti della città “La Manquita” (monca) poiché ha una delle due torri campanarie non terminata. Al di là di questa particolarità, la Cattedrale è un incredibile esempio del rinascimento andaluso con le sue colonne corinzie, gli archi in marmo multicolore e la parte interna, un mix di stili diversi in cui sono conservate pregiatissime opere d’arte.

E per chi vuole una vacanza all’insegna del divertimento? Niente paura. Malaga offre attrazioni per tutti i gusti. Una delle più coinvolgenti in assoluto è la Feria de Malaga che si celebra ad agosto e ha una particolarità: durante il giorno le attrazioni si svolgono in centro città. Alla sera si spostano fuori dal centro, nel recinto ferial. Una festa unica nel suo genere con tanto di fuochi d’artificio, spettacoli musicali e teatrali, rievocazioni storiche e molto altro.

L’altro appuntamento estivo da non mancare è il Festival di Cala Mijas che si svolge ogni anno in tre giornate di fine agosto. Evento musicale, nelle scorse edizioni ha ospitato star del rock e dell’elettronica internazionale come gli Arctic Monkeys e i Chemical Brothers. Il tutto incastonato in una delle spiagge più belle della Costa del Sol. Se è questa la meta, però, meglio informarsi prima di partire. L’edizione 2024 non è ancora stata confermata.

Autore

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *