Summer vacation during quarantine and coronavirus, woman in a hat and yellow suitcase sitting on the bed, holidays in quarantine, woman packing suitcase, home isolation

Bene rifugio, fonte di reddito e casa vacanza: gli italiani da sempre credono e investono nel mattone. Ma se lo sviluppo di piattaforme per la gestione fai-da-te degli affitti ha visto negli ultimi anni una crescita esponenziale dello short rent, l’attuale emergenza sanitaria mette i locatori di fronte a un nuovo scenario. Secondo la survey condotta da RE/MAX Italia sugli oltre 4.000 affiliati del network si prevede un incremento della domanda di immobili in affitto (48,17%), determinata da diverse congiunture sociali ed economiche e nuove dinamiche per le località turistiche.

Dario Castiglia

Durante il lockdown è stata stimata una cancellazione dell’80/100% delle prenotazioni per affitti brevi, derivanti ovviamente dall’annullamento di vacanze e trasferte di lavoro. “Se per alcuni la seconda casa è destinata a luogo dove trascorrere le ferie in famiglia, per molti rappresenta, oggi più che mai, una fonte di reddito”, afferma Dario Castiglia, CEO & Founder di RE/MAX Italia, gruppo in franchising leader dell’intermediazione immobiliare. “Dalla nostra indagine emerge dunque che, nella nuova normalità, i locatori privilegeranno sempre di più affitti a medio/lungo termine, considerati più sicuri e gestibili, affidandosi ad intermediari immobiliari”. Questi ultimi, infatti, così come per le compravendite, potranno gestire, nel rispetto delle normative e con l’ausilio di tecnologie votate alla riduzione dei contatti interpersonali, la locazione degli immobili in massima sicurezza.

Nuove tendenze si prospettano, dunque, per le case di villeggiatura dove, a fronte dell’incertezza degli affitti brevi con richiesta di cancellazione garantita, i proprietari sceglieranno di utilizzare l’immobile per trascorrere le proprie vacanze in famiglia oppure opteranno per locazioni residenziali o a vocazione turistica ma per periodi più lunghi. Se da un lato la stessa Organizzazione Mondiale del Turismo afferma che, “vista la costante evoluzione del contesto, è molto complicato fare stime sugli effetti che il COVID-19 avrà sul turismo internazionale”, dall’altro il Governo italiano si appresta a lanciare la campagna “Viaggio in Italia” per favorire il turismo interno. Altre novità saranno le mete per le ferie estive: non solo le già note località di mare e montagna, ma anche luoghi inediti per le vacanze, che secondo il Touring Club risponderanno all’emergente “undertourism”, ovvero un turismo che privilegerà l’Italia meno nota e affollata dove godere di vacanze open air e ritmi lenti.

A fronte di un aumento della domanda, si prevede anche una crescita dell’offerta di immobili in affitto, con prezzi tendenzialmente allineati al periodo pre-Covid, più alti per case con pertinenze oggi molto appetibili, come terrazzi e giardini (75,41%), più bassi per quelle che al contrario manifestano maggiori limiti in caso di un ritorno alla quarantena (piani intermedi senza balconi). “Il nostro network, sempre operativo da remoto anche durante il lockdown, oltre alle compravendite, ha gestito numerose richieste anche in ambito di locazione”, aggiunge Castiglia. “Ai requisiti da sempre apprezzati come la prossimità a servizi quali mezzi pubblici (49,75%) e aree verdi (52,26%), si sono aggiunte nuove esigenze come la vicinanza a piste ciclabili, supermercati e farmacie (58,29%)”.

Dal 4 maggio la Fase 2 ha visto la riapertura del real estate e quindi delle agenzie immobiliari che, nel caso del network RE/MAX, sono tornate ad esercitare, nel rispetto delle normative, offrendo nuovi servizi anche per la locazione come la sanificazione degli ambienti, i virtual tour, la realtà aumentata, i formulari editabili on line e la firma a distanza, particolarmente utili per chi, per lavoro o per turismo, deve affittare immobili in una città diversa da quella di residenza.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *