Alitalia ha ripreso dal 2 giugno i voli diretti da Fiumicino per l’aeroporto JFK di New York sospesi il 5 maggio scorso. Il servizio non sarà però giornaliero come inizialmente previsto: si parte con due voli settimanali che diventeranno 4 dal 16 giugno con l’ulteriore apertura delle frontiere. I prezzi inoltre non sono tra i più convenienti: si parte da quasi 800 euro a causa della capienza aerei contingentata. L’aereo è un Airbus 330, parte da Fiumicino alle 10:40 mentre l’arrivo previsto al Jfk è alle 14:25 locali. Il volo Alitalia Fiumicino-New York Jfk Az 608 è l’unico collegamento intercontinentale della compagnia: a causa del crollo del traffico aereo i voli sono stati ridotti da oltre 500 a una cinquantina al giorno. Adesso ci sarà una parziale ripresa, anche grazie al ripristino della continuità territoriale da Alghero e Olbia per Roma e Milano (in aggiunta a Cagliari rimasto sempre attivo) e i voli da Palermo e Catania per Milano Malpensa.

Il volo per New York, riporta il Sole 24 ore, inizialmente era stato previsto tutti i giorni, ma il commissario Giuseppe Leogrande e il d.g. di Alitalia, Giancarlo Zeni, hanno limitato il collegamento a 2 giorni la settimana per contenere i costi dato che la compagnia ha ormai quasi esaurito i 400 milioni che lo Stato ha iniettato a fine dicembre: ora si aspetta la newco a controllo statale autorizzata dal Decreto Rilancio con un’iniezione di capitale di oltre 3 miliardi di euro.


Condividi: