Performance in costante crescita per il turismo in Piemonte, che nel 2023 si conferma tra i settori economici trainanti a livello regionale, registrando tassi di incremento superiori alla media delle altre categorie di consumi non alimentari e culturali. La fotografia del comparto è stata tracciata nell’ambito del convegno “Destinazione Piemonte: presente e futuro del turismo regionale” organizzato da AIAV – Associazione Italiana Agenti di Viaggio – che si è svolto lunedì 6 maggio al Circolo dei Lettori, nel cuore del capoluogo sabaudo in una tavola rotonda moderata dal direttore di TTG Italia Remo Vangelista, con l’obiettivo di identificare le linee guida per garantire un trend altrettanto positivo nei prossimi anni.

Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Turistico della Regione Piemonte nel 2023 le imprese turistiche piemontesi sono aumentate dell’1,1%, con 39.355 aperture e un conseguente incremento del 5,7% del numero di addetti nel terzo trimestre del 2023 rispetto al 2019. A guidare la crescita, la costruzione di nuove strutture ricettive, con oltre 206.500 posti letto aggiunti nel 2023, a cui si sommano i 60.000 posti letto delle case vacanza, che al momento rappresentano il 10% dell’offerta totale di posti letto in regione. 

La crescita dell’offerta si muove in parallelo con i numeri relativi agli arrivi in regione: nel 2023 sono aumentati del 9,3% rispetto al 2022 e del 12,6% rispetto al 2019, mentre le presenze segnano rispettivamente +7,7% e +7,8% a dimostrazione della tendenza ad allungare il tempo di permanenza per approfittare meglio della varietà di opzioni disponibili. Bene anche gli arrivi dall’estero, in crescita del 15,1% sul 2022, con presenze a +14,2%. Numeri accompagnati anche da un ottimo tasso di soddisfazione, con un punteggio medio nelle recensioni online di 87,2/100, superiore alla media nazionale pari a 86,7/100.

La maggior parte dei turisti sceglie il Piemonte per una vacanza in famiglia, in coppia o con gli amici e preferisce soggiornare in hotel. Torino e Langhe, Monferrato e Roero spiccano tra le destinazioni più richieste, mentre per quanto riguarda lo sci, il podio è composto da Sestriere, Bardonecchia e Sauze d’Oulx. Tra le motivazioni della visita in Piemonte spiccano le visite culturali (43%), seguite da attività all’aperto (33%), sport invernali (24%) ed esperienze gastronomiche (13%)

L’incidenza del turismo sul PIL del Piemonte si riflette anche sull’indicatore PILNOW regionale, che nel primo trimestre del 2023 è in crescita dello 0,8% sull’anno precedente, dato migliore della media nazionale.

Fulvio Avataneo, Presidente AIAV, nel suo discorso di apertura dei lavori ha dichiarato: “I numeri ci raccontano di un Piemonte che, prima e più di ogni altra regione, ha saputo capitalizzare le proprie, straordinarie caratteristiche territoriali unendole alle capacità imprenditoriali dei piemontesi. Questo mix di eccellenze ha trovato la sua massima espressione nell’immediato post pandemia, quando la voglia di tornare a viaggiare si è trovata imbrigliata dai mille vincoli che hanno penalizzato i flussi turistici internazionali, favorendo il turismo domestico. Il fatto che la nostra regione viva oggi quello che, per altri territori, è il futuro, non può e non deve lasciare che ci si culli sugli allori: tutto ciò che rappresenta il nostro tesoro naturale deve essere messo a sistema con le nostre professionalità. Questo è ciò che il Piemonte deve fare per continuare a vivere l’oggi con i piedi ben saldi nel domani”. 

Numerosi i relatori presenti, in rappresentanza delle principali istituzioni coinvolte nell’analisi e nel coordinamento delle attività legate al turismo su scala nazionale, regionale e locale

A tracciare il quadro di riferimento su scala nazionale, Ivana Jelinic, AD Enit, che ha descritto le tendenze in corso per il turismo italiano e straniero, e Gianluca Caramanna, Consigliere del Ministro del Turismo per i rapporti istituzionali e Capogruppo Fdi in X Commissione Attività produttive, commercio e turismo, che ha presentato le iniziative allo studio del governo per migliorare le prospettive di sviluppo delle imprese turistiche nei prossimi anni. 

Maurizio Marrone, Assessore Regione Piemonte, con deleghe di “Semplificazione dei percorsi amministrativi ed emigrazione”, ha sottolineato il valore di un turismo inclusivo e l’importanza del cosiddetto “turismo delle radici” nella definizione dei prossimi passaggi chiave del turismo regionale, a cominciare dai Giochi Olimpici Universitari del 2025. 

Focus anche sulle opportunità per il tessuto produttivo, alla presenza di Guido Bolatto, Segretario Generale della Camera di Commercio di Torino, che ha evidenziato il lavoro svolto per attrarre nuovi grandi eventi internazionali e i progetti in corso per la valorizzazione delle eccellenze territoriali, che possono essere gli strumenti a disposizione delle imprese per sviluppare nuovi servizi, prodotti e itinerari turistici. 

In rappresentanza del Capoluogo è intervenuto Domenico Carretta, Assessore Sport, Grandi Eventi, Turismo e Tempo Libero della Città di Torino, che ha dedicato una parentesi a Turismo Torino, Convention & Visitors Bureau specializzato nelle attività di accoglienza, promozione e comunicazione della città e del suo territorio provinciale: da segnalare le ricadute turistiche dei grandi eventi più recenti e un cambio di paradigma nella comunicazione della città all’estero, funzionale all’incremento dei flussi incoming. 

Matteo Dispenza, Consigliere Delegato CTC Centro Turistico Cooperativo – Confcooperative, ha dedicato il suo intervento al ruolo del turismo cooperativo e di comunità: tassello importante per lo sviluppo dei borghi e delle aree interne, tanto in Piemonte quanto su scala nazionale, allo scopo di rivitalizzare e valorizzare territori che altrimenti rischierebbero spopolamento e desertificazione sociale e culturale, trasformando un turismo da sempre considerato “minore” in un fiore all’occhiello. 

Riccardo Beltrame, Responsabile Turismo e Commercio CNA Torino, si è infine concentrato sulle opportunità aperte dal turismo esperienziale e dall’artigianato, come driver di nuovi flussi turistici. 

Nelle parole dei relatori anche diverse indicazioni programmatiche per il futuro del turismo regionale, all’insegna di innovazione, formazione e sostenibilità

Mettere a sistema tutte le risorse di cui il Piemonte dispone richiede in primo luogo un forte intervento sulla digitalizzazione, che non può e non deve essere lasciata solo all’iniziativa dei privati: l’ambito Pubblico deve favorirla, sostenerla e soprattutto condividerla, perché pubblico e privato devono camminare insieme. Per far sì che territorio e innovazione diano il miglior risultato possibile è necessario anche formare una nuova generazione di figure professionali, partendo dagli istituti scolastici fino alle prime fasi dell’avviamento al lavoro, e assicurando alle nuove leve quelle sicurezze che, oggi, sono fortemente carenti. E, infine, perché il tutto possa agire in perfetta armonia, è necessario focalizzarsi sulla sostenibilità: prestare il massimo rispetto alle risorse naturali e umane, preservandole e curandole per poter soddisfare la domanda di oggi senza compromettere le opportunità disponibili per le generazioni future.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *