Cresce nel mercato italiano WebBeds, che sale a duemila strutture alberghiere nel Belpaese disponibili sulle sue piattaforme b2b e sigla un accordo con Thomas Cook per il Mare Italia, con particolare attenzione al Sud. Il gruppo di bedbank di proprietà dell’australiano Webjet, operatore digitale di viaggi, si mette così in evidenza nell’arena delle banche letti e mostra l’intenzione di farsi strada in Europa.

Si tratta del secondo provider b2b di hotel al mondo e quello che cresce più velocemente: WebBeds riunisce sei marchi che insieme contano 95 anni di esperienza nel rendere disponibili sistemazioni alberghiere a tariffe competitive su un inventario globale e attraverso piattaforme di distribuzione evolute. Nel portafoglio di WebBeds ci sono anche activities, transfer e tour sia per gruppi sia per individuali. I brandb2b della famiglia Webbeds sono JacTravel, Sunhotels, Lots of Hotels, Totalstay, Fit Ruums, Destinations of the World. Ad essi si aggiungono le due Ota leader in Australia e Nuova Zelanda, Webjet.com.au e Online Republic.

WebBeds inizia la strategia di acquisizioni nel 2013 a Dubai per completarsi nel 2018 sempre nell’emirato, con Destination of the World, la cui forza è nel segmento alberghiero luxury di cui offre tariffe estremamente vantaggiose. D’interesse per gli albergatori italiani è la rete di agenzie di viaggio internazionali con le quali WebBeds li mette in contatto, in virtù di accordi esclusivi. Tra le partnership di rilievo quella con British Airways Holidays di cui è fornitore ufficiale (la compagnia aerea ha 10 voli al giorno su Roma e permette il dynamic packaging dal proprio sito) e con il network agenziale indipendente inglese Trailfinders che realizza un catalogo europeo con il prodotto contrattualizzato da WebBeds.

“Puntiamo a contratti di lungo periodo con gli albergatori italiani e paghiamo al momento della prenotazione attraverso una nostra carta di credito, un metodo che dà estrema sicurezza. Operiamo attraverso un contract manager unico per tutti i brand del gruppo – osserva Riccardo Schirru, Regional Director of Contracting Central Med -. L’hospitality italiana di lusso è fortemente richiesta dal turismo mediorientale con il quale abbiamo relazioni preferenziali”. Attraverso il brand Fit Ruums, infatti, che realizza il catalogo Travel Aggregator, e-magazine mensile distribuito a 10mila agenzie di viaggio asiatiche più una brochure annuale pubblicata a gennaio, WebBeds promuove l’hotellerie di alta gamma al target famiglie e coppie.

WebBeds ha realizzato 2,4 milioni di prenotazioni nel 2018, conta oltre 10 mila clienti tra tour operator, compagnie aeree e agenzie. Contrattualizza 250mila hotel in 190 paesi. Ha 1500 dipendenti in 45 uffici: 17 in Europa, 6 in America, 10 in Medio Oriente e 12 in Asia.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *