Un controllo costante e puntuale sul parco veicoli e sulle singole auto, che ne rafforza la sicurezza e aumenta l’efficienza: con questo obiettivo nasce la nuova versione della piattaforma LoJack Connect, annunciata oggi da LoJack, Gruppo CalAmp, società leader nelle soluzioni telematiche per la mobilità e nel recupero dei veicoli rubati.

Le nuove soluzioni offerte da LoJack Connect consentono infatti di tenere sotto controllo in una piattaforma di facile accesso e consultazione, i dati rilevati dagli apparecchi installati nativamente sulla vettura che forniscono precise informazioni sulla diagnostica di bordo, sui chilometri percorsi, sul consumo di carburante e sul livello di carica della batteria.
A questi dati preziosi, disponibili in tempo reale, si aggiungono quelli rilevati dai device LoJack, che vanno dal rilevamento del driving behaviour alla posizione esatta, dalla funzione di geofence alla gestione di eventuali crash, con il sistema CrashBoxx® che permette alle società di noleggio e ai fleet manager di essere informati istantaneamente sui sinistri che vedono coinvolti le auto del proprio parco, il tutto in un’unica dashboard.

“Oggi siamo in grado di offrire al mercato una proposta flessibile, adattabile alle specifiche esigenze della singola flotta e in costante evoluzione. Verificare in tempo reale un incidente, ricevere la segnalazione di un guasto dei veicoli, pianificare in modo smart le attività di manutenzione predittiva, rendono più sicuro il parco auto e consentono di ridurre i costi di gestione,”, osserva Massimo Braga –Vice President e Direttore Generale LoJack Italia, “Con le nostre soluzioni permettiamo ai gestori delle flotte di visualizzare e analizzare rapidamente i KPI e controllarne l’utilizzo per identificare opportunità e ottimizzare l’efficienza”.

Le soluzioni LoJack per le flotte aziendali non riguardano solo auto e veicoli commerciali leggeri, ma si estendono anche a truck, trattori, macchine movimento terra, veicoli speciali. In questi casi il monitoraggio si amplia alle ore di utilizzo, alle durate e soste, al tempo di accensione motore, fino al monitoraggio costante della temperatura e dei parametri ambientali per il trasporto di beni deperibili, anche all’interno di semirimorchi e cargo.

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *