È il più grande investimento mai fatto da Lufthansa Group: 2,5 miliardi entro il 2025 per rivoluzionare il servizio di bordo con il più grande restyling della sua storia.
Punta di diamante del progetto globale è Allegris, il nuovo prodotto della Compagnia per i viaggi a lungo raggio, una nuova esperienza di viaggio che garantisce un comfort e soprattutto una personalizzazione ai massimi livelli.
Ne hanno parlato – in occasione dell’evento di presentazione in Italia della “First Class Suite Plus” il 6 luglio a Milano, in un truck allestito appositamente – Gabriella Galantis, Senior Director Sales Southern Europe del Gruppo Lufthansa, e Bjorg Becker, Program Manager del progetto Allegris, che sarà introdotto entro al fine del 2023 sui Boeing 787.
«Ogni ospite ha la propria concezione di premium, motivo per cui ci concentriamo sull’individualità ed esclusività ai massimi livelli. La First Class Suite Plus trasmette la sensazione di privacy e individualità simile a una camera d’albergo – solo a un’altitudine di 11mila metri», – ha spiegato Gabriella Galantis. -«La gamma Allegris assicura individualità, esclusività e servizi premium lungo l’intera catena dei viaggi firmati Lufthansa». Più di 80 aeromobili Lufthansa nuovi di zecca, come Boeing 787-9, Airbus A350 e Boeing 777-9, voleranno verso destinazioni in tutto il mondo con il nuovo prodotto che sarà introdotto anche sugli aeromobili già in servizio con Lufthansa, come ad esempio il Boeing 747-8. In totale verranno sostituiti 27mila sedili, fatti con materiale riciclabile.

Lufthansa Allegris la Suite-Plus di Prima Classe che sarà presente sugli A350 dal 2024

Lufthansa Allegris
Ed è proprio Becker a presentare l’esperienza di viaggio Allegris per tutti i clienti e in tutte le classi di viaggio disponibili: Economy, Premium Economy, Business e First Class. Un progetto nato e sviluppato con i clienti che si basa su cinque pilastri: varietà di scelta, comfort, tecnologie all’avanguardia, semplicità e offerta personalizzata.
Fiore all’occhiello, la nuovissima cabina doppia di prima classe, Suite Plus che sarà introdotta sugli A350 appena consegnati a partire dal 2024. Si tratta di una vera e propria piccola camera d’albergo di quasi 4 mq, per un utilizzo individuale o in due persone, con porte a tutta altezza, due sedili che diventano un letto doppio, uno schermo da 40 pollici, un piccolo armadio per cambiarsi, un tavolo che si può condividere con il compagno di volo, controllo individuale del riscaldamento dei sedili, pasto on demand con scelta dal menu gourmet da consumare nella suite o nel tavolo della First Class. Un prodotto rivoluzionario che non ha eguali in nessuna compagnia aerea europea o americana, studiato, come ci tiene a sottolineare Becker, in collaborazione con gli utenti high-spending della Compagnia e tenendo conto delle esigenze della clientela premium nei prossimi venti anni.


Il concetto di personalizzazione è declinato al top nella Business Class, con ben sette opzioni tra cui scegliere. Anche i viaggiatori business hanno a disposizione nella prima fila una suite doppia nel centro (singola ai lati) che offrirà ancora più comfort e privacy grazie a pareti alte e porte scorrevoli, comprensive di guardaroba e minibar, maggiore spazio personale e per i propri effetti e un monitor fino a 27 pollici ad alta definizione (4K). Oltre alla suite ci sono il sedile extra space, nel centro, perfetti per il lavoro, il sedile doppio in ultima fila, la cui console centrale può essere retratta per trasformarsi in una superficie reclinabile per due persone, e quello con il letto extra lungo di 2.20 metri. Tutti gli altri sedili si trasformano in un letto lungo almeno 2 metri e offrono tavoli da pranzo di ampie dimensioni, ricarica wireless, cuffie antirumore e connettività Bluetooth. Le alter tre opzioni sono il window seat, il window seat con baby bassinet e il classico sedile di Business con accesso diretto al corridoio.
In entrambe le classi, un’unità di controllo grande come un tablet consente di accedere a tutte le funzioni di seduta, illuminazione, riscaldamento/raffreddamento e intrattenimento.

La Suite di Business Class di Lufthansa – Allegris

Premium Economy e Economy: più spazio, più scelta
La nuova classe Premium Economy è già stata introdotta in SWISS Airlines nella primavera del 2022. Il sedile Allegris offre maggiore spazio, un poggia-gambe pieghevole e un’inclinazione maggiore, dato che è integrato in un guscio rigido in maniera da non disturbare i passeggeri della fila posteriore, con tavolo e monitor sempre in posizione, pitch da 99 cm., ricarica wireless, cuffie antirumore, un kit da viaggio realizzato con materiali sostenibili.
Lufthansa desidera offrire ai suoi ospiti una scelta molto più ampia anche in Economy Class. In futuro, i viaggiatori avranno la possibilità di prenotare posti aggiuntivi nelle prime file, che offrono più spazio per le gambe, o un posto libero accanto a loro. Da sottolineare il pitch di 79 cm, che nelle prime file arriva a 86 cm.

L’importanza dell’Italia
«Oggi non mi sentirete parlare di Ita Airways» – afferma Gabriella Galantis durante la presentazione. – «Il percorso di integrazione sarà lungo e si aspetta il via libera della Commissione Europea, quindi al momento attuale Ita è ancora un competitor a livello commerciale».
Galantis parla invece dell’importanza dell’Italia per il Gruppo, presente nella nostra penisola dal 1958, col primo volo da Roma Ciampino. «Festeggiamo i 65 anni con un aumento della capacità del 12% rispetto al 2022, con 162 voli giornalieri da 21 aeroporti, anche se siamo ancora al di sotto dei numeri del 2019 (-14%). La richiesta c’è, ma vorremmo avere ancora più aeromobili. Il segmento Corporate è cresciuto del 74%, ma ancora più forte è stata la crescita del leisure, con un incremento del 133% delle prenotazioni da parte dei tour operator».
Le destinazioni finali degli Italiani sono USA, Giappone, Canada, Thailandia, Brasile, Cina, Sud Africa e India, e, quanto a incoming, i passeggeri provengono dagli stessi Paesi con l’aggiunta di Corea del Sud, Messico e Argentina.
Parlando di Allegris, Galantis sottolinea come la clientela premium sia strategica in Italia, (a livello globale siamo al secondo posto al di fuori di Germania, Austria e Svizzera) anche se la domanda di Business Class e di Premium Economy non si limita solo al corporate, ma anche nel settore leisure c’è sempre più richiesta.

Autore

  • Roberta F. Nicosia

    Laureata in Geografia, giramondo e appassionata di fotografia, Roberta F. Nicosia parla quattro lingue ed è la nostra inviata speciale. A dieci anni, complice la copia di National Geographic che ogni mese trovava sulla scrivania e i filmini Super8 del papà, sapeva già dove erano il Borobudur, Borocay o Ushuaia e sognava di fare il reporter. Sono suoi quasi tutti gli articoli sulle destinazioni e le foto apparsi sul nostro Magazine. Dopo una parentesi con ruoli manageriali nel campo della comunicazione e dell’advertising, si è dedicata alla sua vera passione e negli ultimi vent’anni ha collaborato con riviste leisure come Panorama Travel, D di Repubblica, AD, specializzandosi poi nel MICE con reportage di viaggio, articoli su linee aeree e hotellerie. È stata caporedattore e direttore di diverse riviste di questo settore, e ha pubblicato una trentina di Guide Incentive con la collaborazione degli Enti del Turismo italiani.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *