Continua la crescita di cesarine.com, piattaforma che porta turisti di tutto il mondo nelle case degli italiani per vivere esperienze gastronomiche customizzate e autentiche. Il network, che riunisce oltre 1.500 cuoche di casa in più di 450 destinazioni, negli ultimi mesi ha raggiunto risultati record. Nel solo mese di giugno ha superato quota 550 mila euro, un risultato di quattro volte superiore il miglior mese pre-pandemia, ovvero settembre 2019, caratterizzato da 140mila euro di ricavi. Oggi la piattaforma – nel cui capitale figurano Niccolò Branca, dell’omonima azienda di amari, Daniele Ferrero, Ad di Venchi, Finalca (family office famiglia Cazzola) e Cdp Venture Capital – si sta irrobustendo ulteriormente: lo conferma l’ingresso di Pietro Ferraris come Head of Product.
“Cesarine rappresenta per me una nuova e avvincente sfida. Nel 2022 è cresciuto molto rapidamente sia il numero delle Cesarine nella nostra community sia quello degli ospiti desiderosi di vivere un’esperienza in una delle case delle Cesarine. Questa crescita ha portato con sé nuove opportunità che vanno esplorate agilmente e che richiedono di migliorare e far crescere il prodotto ma anche nuove complessità che vanno gestite al meglio. In questi primi mesi mi sto occupando prevalentemente di fare alcuni esperimenti di validazione su nuovi mercati e prodotti e di rivedere i processi di gestione delle prenotazioni e di interazione con le Cesarine al fine di dare un servizio sempre migliore sia agli ospiti che alle Cesarine, che rappresentano il cuore di questa azienda” spiega Pietro Ferraris

Laureato in ingegneria elettronica, Ferraris negli ultimi anni ha lavorato al fianco di startup italiane e Internazionali. Nel suo percorso: la fondazione, nel 2006, di Econoetica, attiva nel settore delle tecnologie wireless; un trasferimento nel 2011 a San Francisco dove fonda e guida come CEO map2app, Inc – startup che ha sviluppato una piattaforma web per la creazione di applicazioni mobile per la promozione turistica – acquisita nel 2015 da Lastminute.com Group. Ferraris rimane poi in Lastminute.com come responsabile della strategia mobile del gruppo fino al 2017 quando rientra a Bologna come Responsabile del Programma di Accelerazione con G-Factor, specializzato in imprese lifescience di Fondazione Golinelli e dal 2020 Responsabile di Prodotto e membro del CDA di start2impact, azienda in ambito edutech.

Afferma Davide Maggi, CEO di Cesarine: “In questi ultimi mesi stiamo assistendo a un rinnovato entusiasmo in termini di prenotazioni e curiosità. Cesarine.com, negli ultimi mesi ha raggiunto risultati record e la crescita è sicuramente un nostro obiettivo anche per il 2023; proprio per questo abbiamo deciso di dare un ulteriore sprint alla nostra PMI innovativa assumendo Pietro Ferraris come Head of Product” Complice il ritorno dei turisti e una rete di cuoche (e cuochi) unica nel suo genere, cesarine.com punta a chiudere il 2022 con un giro d’affari nella forchetta tra i 3,5 e i 4 milioni di euro; l’anno dalle migliori performance.

Le sfide in paniere sono già tante e Pietro Ferraris avrà un ruolo chiave nello sviluppo di quelle all’orizzonte: aumentare la capacity italiana, lavorare ancora di più con il target locale e puntare all’espansione estera, sia aprendo un servizio di Cesarine italiane in altri Paesi sia sviluppando una verticale di cucina in diverse località, per esempio Spagna e Francia.

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *