Settimana toscana per 13 wedding planner internazionali

Tredici event & wedding planner provenienti da quattro continenti, in rappresentanza di grosse event agency o di note multinazionali, hanno piacevolmente trascorso una settimana in Toscana grazie all’iniziativa annuale di Monica Balli Events My Tuscan lifestyle fam trip. Più che un fam trip come se ne fanno tanti, un’autentica full immersion nella regione, nelle sue usanze, nelle sue tradizioni, nel suo cibo e nel suo mare.

Il programma, congegnato per dar modo agli illustri partecipanti di “appropriarsi” del lifestyle locale e di interiorizzarlo, privo della stressante agenda di appuntamenti che normalmente caratterizza educational come questo, ha lasciato adeguato spazio al relax, al divertimento e allo sport, così che ciascuno degli invitati potesse condividere in libertà il suo Tuscan lifestyle.

Ne è sortita una dichiarazione d’amore collettiva per questa regione magica, giustamente preferita dai Vip per i loro matrimoni e dalle agenzie di tutto il mondo per eventi d’incentivazione top.

I partecipanti

Ecco i nomi degli event & wedding planner che hanno partecipato al fam trip: Frieha Altaf (Pakistan), Frank Damgaard (Principato di Monaco), Nadia Duran (Australia), Franc from Weddings by Franc (Irlanda), Monsieur Froonk (Germania), Necip Fuat Ersoy (Turchia), Bünyat Özpak (Turchia), Ayse Sabbatini (Regno Unito), Bhavnesh Sawhney (India), Simone Tostes (Brasile), Renato Urbinder (Brasile), Sarah Young (Malta), Sophia Zaïme (Francia), Anita Yenovkian (Grecia).
Da notare che il giro d’affari mosso dall’insieme di queste società nei rami event e wedding è superiore al miliardo di dollari.

I partner

L’evento è stato realizzato in fattiva partnership con: Baglioni Hotels, Augustus Hotel & Resort, Zung the Ninja Photographer (Malesia), Sam Sacramento photo, Terra Events, Villa Il Garofalo (Firenze), K Over, BeArt, Armilla Beauty.

Spiega Monica Balli: «Sono anni che organizzo questo lifestyle fam trip e la cosa che m’inorgoglisce di più è prendere atto di come l’unanimità dei miei ospiti s’innamori della Toscana e riparta con lo stesso desiderio di tornare che provo io ogni volta che me ne allontano. Il format consente di interiorizzare la bellezza di questa terra e di apprezzarne i valori in relax e libertà. Non lo replico da nessun’altra parte per sottolineare il “My” con cui si apre il pay-off: una cosa così può essere rivolta solo a qualcosa che sento profondamente “mio”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *