Agrifeudi valorizza la cultura del territorio

Articolo di Francesco Fravolini, giornalista professionista, per la rubrica Local Tourism

Nuovi paradigmi economici e sociali si impongono con determinazione nel terzo millennio, proprio in conseguenza dei cambiamenti e delle impellenti esigenze ambientali. Il modo di vivere una vacanza è al centro dei molteplici stravolgimenti culturali. A piccoli passi scopriamo un modello di sviluppo totalmente innovativo in grado di favorire uno stile di viaggio integrato con altre realtà locali. L’esperienza del momento di relax è portata in primo piano nel cuore e nello spirito dei luoghi e delle persone che vivono il territorio. Nel XXI secolo è consigliato privilegiare la terra, la storia e la cultura per cercare di valorizzare quegli elementi basilari che fanno parte dell’esistenza dell’essere umano. La grande innovazione tecnologica affascina le persone ma è sempre bene conferire quella giusta importanza al bene primario: ambiente. Se non valorizziamo ciò che rischia di essere seriamente danneggiato perdiamo i nostri beni vitali: natura e terra. La cultura è una ricchezza da tenere in debita considerazione perché le tradizioni di una località costituiscono il patrimonio del Paese.

La storia del luogo

Agrifeudi vuole esaltare la terra, la storia, la cultura per coinvolgere i turisti a immergersi nella straordinaria avventura della scoperta dei luoghi caratteristici. È una realtà impegnata nel turismo e composta a maggioranza di donne, in grado di proporre un nuovo stile di viaggio per far vivere profondamente il luogo. Il viaggiatore diventa un assoluto protagonista di una coinvolgente rappresentazione territoriale. Il modello organizzativo valorizza quella particolare località con una costante ricerca delle eccellenze del posto. Le zone di Agrifeudi sono le cittadine di Soleto, Corigliano, Galatina, Marina di Stigliano, Zollino e Calimera. Il territorio è raccontato nelle sue interessanti declinazioni: arte, architettura, simboli del potere, sapori e racconti tradizionali. Tutto comincia dal racconto della tradizione musicale per concludere nella natura, mediante escursioni e laboratori a tema. Agrifeudi propone teatro didattico e calendari periodici di esperienze durante tutto l’anno: folklore e tradizione enogastronomica, natura e paesaggio, arte e cultura, proles (animazione) e benessere. La ricerca dei luoghi e degli operatori si concentra sul Salento, in particolare Lecce e la Grecìa Salentina. Oltre alla minuziosa selezione Agrifeudi ha fornito un supporto di formazione, per implementare gli standard di qualità su diversi livelli. Ogni struttura scelta ha condiviso valori e codice etico Agrifeudi.

Galatina – foto di Paolo Margari, da flickr.com CC BY-NC-ND 2.0

Percorsi sensoriali

Sono presenti i racconti interattivi, i percorsi sensoriali di terra e di mare, i laboratori artigianali e la partecipazione attiva a tradizioni e manifestazioni folkloristiche locali. Non mancano i percorsi nei parchi e nelle riserve naturali alla scoperta delle specie floreali e delle bellezze faunistiche protette, esperienze naturalistiche guidate, a piedi, in bicicletta, mountain-bike e altri mezzi ecologici. Per i bambini è prevista un’animazione diversa: giochi e piccole avventure per imparare, divertendosi, l’identità del luogo, le sue tradizioni, la sua storia. La premessa di Agrifeudi ai suoi viaggiatori è il biglietto da visita del primo viaggio alla riscoperta delle radici, dei luoghi, delle tradizioni, delle emozioni. Questa straordinaria proposta innovativa coinvolge l’alimentazione favorendo una precisa filosofia di vita con l’obiettivo di valorizzare il benessere.

Local Tourism – una rubrica a cura di FuTurismo

Il racconto dai territori “in diretta” dalla viva voce di chi lo vive quotidianamente come professionista del turismo o imprenditore. È questo l’obiettivo della rubrica coordinata da Andrea Succi e Giancarlo Dell’Orco, due fra i co-founder di Futurismo, la prima Community di riferimento che integra l’Extralberghiero e il Turismo Esperienziale con il Marketing Territoriale.

Per maggiori informazioni:
Andrea Succi – Temporary Manager per le Destinazioni – Coach di Coordinatori Turistici Locali.
Giancarlo Dell’Orco – Destination Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *