Dopo una perdita di quasi il 100% nei mesi estivi dovuta alla pandemia di Covid-19 la catena di ostelli tedesca AO Hotels and Hostels ha lavorato a business alternativi per sostenere il periodo di crisi e l’ha trovato, inaspettatamente nella formula del “Long Stay”.
“Lo sconforto iniziale è stato tanto” spiega Oliver Winter, CEO di AO Hostels, “ci sentivamo smarriti, come molti, ma non abbiamo mai perso la speranza e la voglia di rialzarci in piedi e riprendere in mano la situazione, adattandoci alla nuova condizione.
La scorsa estate le strutture di AO Hostels hanno registrato un’occupazione media del 25% nei giorni infrasettimanali e del 55% nei weekend, con Amburgo, Berlino e Dresda in cima alla classifica degli ostelli più prenotati. Ovviamente, le camerate solitamente piene, quest’anno sono rimaste per lo più vuote, ma hanno “spopolato” le camere doppie e familiari, anche perché gli ospiti sono stati prevalentemente giovani famiglie sotto i 40 anni e coppie.
Con l’arrivo dell’autunno e dei nuovi lockdown sparsi per l’Europa, il turismo è stato messo ancora una volta con le spalle al muro, per questo l’azienda è corsa ai ripari con due proposte concrete:

  1. Cancellazione gratuita del soggiorno e di tutti i servizi prenotati entro le 18 del giorno di arrivo – i clienti hanno la libertà di prenotare senza stress, sicuri di non perdere i propri soldi in caso di disdetta all’ultimo minuto
  2. Possibilità di prenotare la stanza per un periodo prolungato a un prezzo speciale – tariffe agevolate e sconti per chi sceglie di soggiornare in struttura per più di 14 notti

La formula del long stay, ovvero il soggiorno prolungato, sta prendendo sempre più piede nelle strutture ricettive. “Nel post-Covid sono nate nuove situazioni ed esigenze, come la quarantena fiduciaria o lo smart working, che portano le persone a cercare delle sistemazioni “ibride”, un posto dove potersi sentire come a casa, ma senza il vincolo di un affitto a lungo termine.” Spiega Winter e conclude: “Pensare a degli utilizzi alternativi per le nostre strutture è di vitale importanza in questo periodo, ma non ci vogliamo fermare alla soluzione temporanea, le offerte di soggiorni prolungati avranno per noi un importante ruolo anche in futuro.”
Così nell’ostello AO Hostels di Copenaghen un’azienda spagnola di costruzioni che sta lavorando alla nuova metropolitana nella capitale danese, ha affittato 35 stanze per i propri costruttori che resteranno nella struttura per almeno 6 mesi. In Italia, nell’ostello AO Hostel Venezia Mestre, di tutti gli ospiti attualmente presenti in struttura il 60% sono long stay, composti da: lavoratori in trasferta sui cantieri, quarantene fiduciarie, ospiti con situazioni di disagio arrivati grazie alla collaborazione con il Comune di Venezia e, in generale, persone che hanno bisogno di un alloggio temporaneo. Per venire incontro a questa nuova tipologia di ospiti, sono stati creati speciali pacchetti e tariffe per chi soggiorna per più di 14 o 30 notti, con sistemazione in camere singole o doppie, in base al caso, e bagno privato, biancheria e WiFi veloce inclusi nel prezzo.
Gli ospiti hanno anche la possibilità di accedere agli spazi comuni come l’apposita cucina, la zona relax, lo spazio di lavoro, la lavanderia a gettoni e il bar. Inoltre, si applica una riduzione anche per il parcheggio coperto che, nel caso di soggiorni long stay, passa da 10€ a 6€ al giorno a veicolo.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *