In tre intensi giorni, ben 17 rappresentanti della filiera turistica argentina hanno affrontato oltre 400 appuntamenti a Rimini: l’affluenza costante allo stand da parte di agenti, operatori, media e stakeholder testimonia l’importanza della destinazione argentina in Italia. Bariloche, porta della Patagonia, ha ottenuto un notevole successo grazie alla sua offerta versatile che permette di vivere l’esperienza delle montagne innevate anche durante l’estate italiana, oltre a offrire un turismo attivo con focus sul trekking e sull’escursionismo durante tutto l’anno. Questa destinazione ha stabilito un contatto privilegiato con il mercato italiano, attirando l’attenzione di operatori come Tour 2000 e Latitud Patagonia, che hanno aumentato le proposte legate a Bariloche e la Patagonia settentrionale nei loro cataloghi.

“I numeri degli appuntamenti e l’esito estremamente positivo della partecipazione dell’Argentina a questa edizione del TTG di Rimini, vetrina di primo piano per la nostra offerta, riflette perfettamente il tenore dell’andamento del mercato italiano che rapidamente sta tornando alle cifre del periodo pre-pandemia e la sua rilevanza per la destinazione. Le nostre DMC presenti alla fiera sono molto soddisfatte della qualità degli appuntamenti, dell’interesse degli operatori e degli accordi conclusi. Anche realtà, per esempio, come Cafè de Los Angelitos”, che organizza show di tango in un luogo storico straordinario, sono state oggetto di molta attenzione”, ha commentato Natalia Pisoni, coordinatrice dei mercati di INPROTUR (Istituto Nazionale di promozione Turistica).

Guardando al futuro, nel 2024, l’Argentina si impegnerà a rafforzare la collaborazione con il trade turistico italiano, organizzando iniziative formative in diverse città italiane e fam trips per far conoscere direttamente il prodotto argentino. Le fiere rimarranno un punto focale delle attività promozionali, sia nel settore B2B che B2C.

“Bariloche accompagna Visit Argentina agli appuntamenti nell’ambito del mercato italiano già da 4 anni. Sappiamo che l’Italia è un mercato strategico in cui, in particolare, il pubblico giovane ama le destinazioni legate al turismo di avventura, il trekking e le escursioni. Inoltre, anche se in numero minore, esiste un pubblico di appassionati di sci che sa che a Bariloche trova una delle migliori stazioni sciistiche d’America. In questa occasione, e dopo diversi anni di presenza sul mercato, siamo lieti che operatori italiani come Tour 2000 e Latitud Patagonia, che sono tra quelli che inviano il maggior numero di passeggeri in Argentina, abbiano aumentato significativamente il numero di proposte che includono San Carlos de Bariloche e la Patagonia settentrionale nei loro cataloghi”, le fa eco Fernando Amer, direttore del trade per la destinazione.

L’obiettivo principale per il 2024 è duplice: consolidare il mercato italiano, sfruttando gli operatori e i collegamenti aerei diretti di Aerolíneas Argentinas e ITA Airways, e diversificare ulteriormente il prodotto, concentrandosi su nicchie di mercato come il turismo avventura, esperienziale e l’enogastronomia. L’Argentina sta per ottenere riconoscimenti nella Guida Michelin, che daranno visibilità al suo ricco patrimonio culinario e agroalimentare. Si mira a raggiungere 150.000 arrivi dall’Italia nel 2024.

L’importanza del mercato italiano è evidente, con circa 70.000 italiani che hanno visitato l’Argentina nei primi nove mesi del 2023 e previsioni di 100.000 arrivi entro la fine dell’anno. I collegamenti aerei diretti tra Roma e Buenos Aires, con voli operati da Aerolíneas Argentinas e ITA Airways, svolgono un ruolo fondamentale nell’agevolare questi flussi di turisti.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *