foto di Luca Aless da Wikipedia

Una primavera di ripartenza è quella che la Città di Venezia ha messo in campo dopo i lunghi mesi difficili della pandemia. Cultura a tutto campo e nautica di eccellenza i punti forti sui quali costruire un palinsesto di attività capace di attrarre un pubblico di visitatori di qualità e dare nuovo impulso all’economia cittadina.
Questo è quanto è stato illustrato nel corso della conferenza stampa promossa dal Comune di Venezia nell’ambito della BIT Digitale Edition 2021 a cui hanno partecipato l’Assessore al Turismo del Comune di Venezia, Simone Venturini, l’Amministratore Unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva, e il Direttore Operativo di Vela Spa, Fabrizio D’Oria.
In particolare, sono state illustrate le iniziative proposte nell’ambito delle celebrazioni per il 1600esimo anniversario della fondazione della città di Venezia, che hanno preso avvio il 25 marzo 2021 e che si protrarranno sino al 25 marzo 2022, coinvolgendo l’intero territorio metropolitano ma anche le regioni italiane che hanno condiviso la storia della città nei secoli passati insieme alle città dell’altra sponda dell’Adriatico. Mostre, convegni, itinerari, e molto altro che intendono valorizzare in modo originale nell’arco di un intero anno una avventura straordinaria, quella della Repubblica Serenissima, esempio di longevità e di buon governo per molti secoli. Una storia importante che serve però anche a riflettere e progettare il suo futuro. Per scoprire le iniziative in programma, aperte a tutte le fasce di pubblico e di interesse, visita il sito www.1600.venezia.it
“Venezia riparte dalla cultura, dalla storia e da grandi eventi come la Biennale di Architettura e il Salone Nautico, le prime due grandi esposizioni in presenza – ha dichiarato l’assessore Venturini – La città in questi mesi ha lavorato molto per garantire la possibilità di ripartire il prima possibile. Abbiamo riaperto immediatamente, appena reso possibile, i Musei Veneziani, a partire da Palazzo Ducale e Museo Correr e le altre sedi espositive della Fondazione Muve, oltre alle principali istituzioni culturali cittadine come Collezione Guggenheim, Fondazione Querini Stampalia e Galleria dell’Accademia. La nostra città ha sempre dichiarato la sua volontà di ripartire in sicurezza e nel rispetto delle normative anti Covid. A Venezia il turismo coinvolge in profondità tantissime filiere come quella agroalimentare, commerciale, artigianale. In questo 2021 Venezia offrirà a tutti i suoi visitatori esperienze uniche e differenziate: dalle meravigliose ed eleganti spiagge del Lido di Venezia, alla straordinaria isola di Pellestrina, immersa nella natura, dalla visita di Burano e Murano alla verde Sant’Erasmo, dai circuiti culturali di Venezia agli eventi legati alle celebrazioni dei 1600 anni. Insomma – conclude l’assessore, – c’è tutto quello che serve per vivere circondati dalla bellezza e dalla natura, in una delle città più sicure al mondo”.
“Pur nelle difficoltà legate alla pandemia, che ha radicalmente cambiato gli scenari internazionali a tutti i livelli” – dichiara l’Amministratore Unico di Vela Spa, Piero Rosa Salva “abbiamo ritenuto di concerto con l’Amministrazione Comunale, anche nel 2020, di tenere fede ad un calendario di eventi consolidato, sia pure rivisitato nelle sue modalità, come segno di continuità nel rispetto delle norme sanitarie imposte dal momento. Di uguale segno sono le celebrazioni inaugurate quest’anno per i 1600 anni di Venezia che, con la grande varietà di proposte arrivate anche da città lontane, costituiscono un importante volano di promozione di Venezia. Città che si accinge questa settimana a festeggiare in modalità rispettosa del momento la Festa della Sensa, uno dei momenti più importanti della tradizione cittadina”.
Improntato più specificatamente sulla cultura del mare e alla messa in valore di quella che rappresenta una delle grandi eccellenze del saper fare italiano, è il Salone Nautico Venezia, alla sua seconda edizione. Ospitato dal 29 maggio al 6 giugno nello straordinario scenario dell’Arsenale veneziano, il Salone è una mostra di architettura navale che porterà in laguna il meglio del design e della cantieristica italiana e internazionale per i maxi yacht e per la vela, ma offrirà anche una importante occasione di approfondimento culturale e scientifico sui temi della sostenibilità ambientale e sulle nuove propulsioni ibride, elettriche ed innovative.
“Siamo ormai prossimi all’imminente edizione 2021 del Salone Nautico Venezia che si svolgerà all’interno dello storico Arsenale veneziano, in naturale continuazione della vicina Mostra di Architettura della Biennale – aggiunge Fabrizio D’Oria – Il Salone permetterà di scoprire gli oltre 40 progetti legati alle tecnologie innovative del “foiling” e del design nautico, di vedere dal vivo i migliori design navali di Yacht e super Yacht, di scoprire la frontiera dell’eco sostenibile con il meglio della tecnologia italiana e europea, di vedere lo showcase delle tecnologie di ricarica di 4 aziende leader nel mercato globale, di ammirare le nuove imbarcazioni a vela nel pontile dedicato ed elettriche con un’area dedicata denominata E-Village”.
Il Salone Nautico sarà anche un’importante occasione di rilancio di un settore strategico per la città di Venezia ma per il Made in Italy in generale, portando anche con sé un messaggio di innovazione tecnologica e di sostenibilità ambientale che hanno trovato proprio all’interno dell’Arsenale da sempre la propria storica fucina.

Condividi: