Per la prima volta, Expedia Group ha presentato una panoramica completa delle tendenze dei viaggiatori di Expedia, Hotels.com e Vrbo nel mondo dei viaggi nel 2023. Questi trend, ricavati dai dati dell’azienda e da ricerche personalizzate condotte su migliaia di viaggiatori e professionisti del settore in diversi 17 Paesi, dimostrano che nel 2023 tutti i viaggi saranno diversi e personalizzati secondo le esigenze dei consumatori. Sarà un anno caratterizzato dalla “non normalità”.
“Analizzando nel loro insieme i dati di Expedia, Hotels.com e Vrbo, vediamo un quadro dettagliato e solido dei viaggi nel 2023”, ha dichiarato Jon Gieselman, presidente di Expedia Brands. “Stiamo assistendo ad un aumento dei viaggi nelle capitali della cultura, a una nuova ondata di interesse per i soggiorni benessere e a una crescita della domanda per destinazioni all’aria aperta: non si tratta di una nuova tendenza, ma di persone che si orientano verso mete insolite, in quella che chiamiamo la ‘non normalità'”.

Tendenze di viaggio nel 2023

Set-Jetters

I set-jetters sono coloro che prenotano un viaggio dopo aver visto una serie TV: questo diventerà un vero e proprio trend nel 2023. Una ricerca di Expedia conferma che i film e i programmi televisivi trasmessi in streaming sono ora le principali fonti di ispirazione per i viaggi (40%), superando l’influenza dei social media (31%). Inoltre, il piccolo schermo è considerato alla pari delle raccomandazioni di amici e familiari quando si tratta di scegliere la prossima destinazione.
Negli Stati Uniti, più di due terzi (68%) dei viaggiatori hanno preso in considerazione l’idea di visitare una destinazione dopo averla vista in uno spettacolo o in un film e ben il 61% ha prenotato il viaggio.
Tra le destinazioni più gettonate figurano la Nuova Zelanda, i cui paesaggi quest’anno sono stati protagonisti di un’importante epopea fantasy, il Regno Unito, Parigi e New York, nonché le splendide località balneari delle Hawaii.

Capitali culturali

I parchi nazionali e i rifugi rurali sono stati luoghi gettonati negli ultimi due anni, ora è il momento del ritorno delle città. I viaggiatori sono alla ricerca sempre più di città ricche di cultura, dove le esperienze artistiche e culturali stanno tornando a pieno ritmo:

  • Edinburgo, Scozia
  • Lisbona, Portogal​lo
  • Tokyo, Giappone
  • Dublino, Irland​a
  • New York, USA​
  • Sydney, Australia​
  • Dubai, Emirati Arabi Uniti
  • Montreal, Canada​
  • Monaco, Germanyia
  • Bangkok, Thailandia

Hotel a tre stelle

I viaggiatori cercano modi più efficienti per scoprire il mondo, senza compromettere il comfort o il fattore “cool”. Negli Stati Uniti, quasi un terzo (32%) dei viaggiatori ammette di essere più attento al rapporto qualità-prezzo rispetto al passato. I dati di Hotels.com mostrano che l’interesse per gli hotel a tre stelle è aumentato di oltre il 20% a livello globale.[2]

Nel 2023, il 40% dei viaggiatori statunitensi prevede di soggiornare in hotel a 1-3 stelle e il 34% di prenotare soggiorni con benefit, come articoli da toilette o colazione gratuita. Inoltre, un terzo dei viaggiatori preferisce fare più viaggi in strutture a tre stelle piuttosto che concedersi un’unica grande esperienza di lusso.

Nuova ondata di benessere

Più della metà (53%) degli americani è oggi più che mai incline a soggiorni benessere, ma ha paura di annoiarsi e ha voglia di sperimentare qualcosa di più eccitante nel 2023. I Millennials sono i principali promotori di questo fenomeno, dato che il 60% degli intervistati tra i 25 e i 34 anni cerca modi alternativi per godersi le proprie vacanze. Gli Stati Uniti sono al centro dell’attenzione, poiché la maggior parte dei viaggiatori desidera recarsi in questi luoghi per esplorare nuove offerte. Tuttavia, la generazione Z ha una visione diversa e preferirebbe prenotare un’avventura in Norvegia, Turchia, Svizzera, Islanda o Sri Lanka.

Nuovi hotel in tutto il mondo

In tutto il mondo stanno aprendo nuovi hotel che rispondono alle esigenze in continua evoluzione dei viaggiatori. Queste proprietà offrono molto più di un luogo per dormire; offrono infatti ristoranti, spazi di co-working e splendidi interni. Dal centro artistico di Londra al lusso sfrenato di Roma, ecco gli hotel più interessanti da tenere d’occhio nel prossimo anno:

  • La Palma | Capri, Italia
  • 100 Princes Street | Edinburgo, UK
  • Ikos Odisia | Corfu, Grecia
  • Celestial Suites | Cefalonia, Grecia
  • 1 Hotel Hanalei Bay | Princeville, Kauai
  • Four Seasons Resort Tamarindo | Tamarindo, Messico
  • Alila Kothaifaru Maldives | Maldive, Oceano Indiano
  • Six Senses | Roma, Italia
  • Atlantis The Royal | Dubai, UAE
  • art’otel London Battersea Power Station|Londra, Gran Bretagna

Amanti del buon cibo

Fornire delle cucine attrezzate è un obbligo, in quanto i viaggiatori spesso hanno voglia di preparare in casa pranzi e cene durante i loro viaggi. Cucinare a casa può essere conveniente e quasi la metà dei viaggiatori statunitensi (43%) usa questo metodo per ridurre i costi. Nelle case vacanza private di Vrbo, le tre principali richieste sono la cucina esterna, il forno per la pizza e la friggitrice ad aria.

Le persone che desiderano soggiornare in case vacanza private tramite Vrbo sono più interessate alle esigenze del loro gruppo che alla posizione della casa stessa. Infatti, più della metà (57%) dei viaggiatori preferirebbe prenotare una soluzione unica per stare con i propri amici in una destinazione meno conosciuta piuttosto che una meno attrezzata in una zona popolare.

Vacanze da cowboy

Le fughe verso mete rurali sono in aumento, poiché i viaggiatori desiderano case vacanza private con ampio spazio e viste incantevoli. Le cosiddette ‘vacanze da cowboy’ offrono una fuga intima nella natura selvaggia. La domanda di case Vrbo nelle destinazioni occidentali degli Stati Uniti è aumentata di oltre il 30% da settembre 2021 ad agosto 2022, poiché i viaggiatori cercano di riconnettersi con la natura. Inoltre, il 42% dei viaggiatori statunitensi trova ispirazione nelle destinazioni all’aria aperta e nei paesaggi mozzafiato.

I viaggiatori possono vivere le loro fantasie western prenotando un lussuoso lodge, un ranch o un agriturismo adatto a tutto il gruppo. Saltano subito in mente le destinazioni in Montana, Colorado e altri Stati dell’Ovest, ma la vacanza da cowboy non è limitata solo agli Stati Uniti. In Europa, i viaggiatori prenotano fienili e case riconvertite nelle campagne in Italia, Spagna, Francia e Regno Unito. Anche in Australia, sono popolari le case situate su terreni di cantine e boscaglia selvaggia.

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *