Non ci sono giudizi finali e verità assolute, soprattutto nelle premiazioni, dove le valutazioni finali sono spesso guidate da fattori economici più che da reali giudizi di merito.

Ovvio che senza scomodare il Premio Nobel, esistono manifestazioni che fanno eccezione. Manifestazioni storiche che hanno colto con anticipo sviluppi futuri, come quelli legati al benessere aziendale.

Alessandro Zollo – CEO Great Palce to Work Italia

È il caso di Great Place to Work, che nasce nel 1981 quando un editor di New York chiese a due giornalisti finanziari di scrivere un libro dal titolo “The 100 best places to work in America”. Nella scrittura del libro i due scoprirono sul campo che l’elemento chiave degli ambienti di lavoro eccellenti non era un insieme di benefit, programmi e politiche per i dipendenti, ma una serie di relazioni di qualità basate su fiducia, orgoglio e cameratismo. Fattori chiave che contribuivano a migliorare le performance aziendali.

Queste idee portarono alla fondazione del Great Place to Work Institute, che nel 1997, negli Stati Uniti e in Brasile, stilò la prima classifica dei Best Companies to Work For. Negli anni successivi vennero aperti uffici in 47 paesi nel mondo, tra cui l’Italia.

Nel gennaio 2001 nasce l’avventura di Great Place to Work Italia con la pubblicazione della prima lista nazionale nel gennaio 2002 in collaborazione con il Sole 24 Ore e dal gennaio 2013 con Corriere della Sera-Economia.

Ogni anno l’instituito collabora con oltre 6000 organizzazioni per un totale di 11 milioni di dipendenti.

Il 3 marzo 2017, presso l’Unicredit Pavillion di Milano sono stati assegnati i premi annuali. Per la categoria large companies, sul gradino più alto del podio si è piazzata una catena alberghiera di fama internazionale come Hilton. Seguita da due aziende del ramo finanza come ConTe.it – Admiral Group plc e American Express.

Tra le medium companies trionfa Cisco Systems, davanti ad Amgen (biotecnologie e prodotti farmaceutici) e Vetrya (telecomunicazioni)

Nelle small companies vince Cadence Design Syistems (Information technology) seguita da Volvo Servizi Finanziari ed ETAss, azienda che offre Servizi professionali per la formazione.

 

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *