Si è svolta dal 2 al 4 settembre la terza edizione dell’evento “Ticino Open Doors” organizzato da Ticino Turismo in collaborazione con le Organizzazioni turistiche regionali, gli albergatori, le agenzie ticinesi e le strutture ricettive congressuali e di eventi. Una cinquantina di professionisti del settore MICE – acronimo di Meetings, Incentives, Conventions e Exhibitions – svizzeri hanno avuto la possibilità di visitare il Cantone a sud delle Alpi ed alcune delle sue strutture adibite all’organizzazione di eventi, meeting e congressi durante tre giorni di porte aperte.

Il 18% di tutti i pernottamenti alberghieri in Svizzera sono legati ad attività MICE con un indotto di affari annuo pari a 1,8 miliardi di franchi.

Proprio per incentivare l’arrivo di questa tipologia di ospiti, Ticino Turismo ha organizzato l’evento “Ticino Open Doors” incentrato sulle visite a nuove strutture per eventi come il Fiore di pietra sul Monte Generoso o il Palacinema di Locarno, a cui si è aggiunto un post tour alla scoperta di tutto quanto il territorio ha da offrire.

“La nostra strategia per quanto riguarda il settore MICE è focalizzata sugli ospiti svizzeri, che generano il 90% dei pernottamenti – ha commentato Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo -. In questo momento dobbiamo consolidare i contatti acquisiti ma anche, ovviamente, generarne di nuovi. Oltre ad avere strutture ricettive adeguate, è importante poter offrire ai gruppi interessanti proposte di attività per il tempo libero. Di recente abbiamo lanciato un nuovo prospetto e abbiamo rinnovato il sito. Una sezione è dedicata proprio alle “Ispirazioni” per il segmento MICE: dai tour in mongolfiera alle cene con delitto, dai corsi di cucina fino alle numerose proposte di sport all’aria aperta. Questa nuova pagina verrà costantemente aggiornata, arricchita e promossa attraverso vari canali”.

Autore

Autore

Condividi: