Eventi glamour, di formazione e sessioni B2B per il turismo LGBTQ+ dal 26 al 29 ottobre a Milano: la IGLTA Global Convention torna in Europa dopo otto anni e sceglie l’Italia come Paese inclusivo. La Convention IGLTA porterà a Milano i più grandi brand del turismo internazionale che hanno investito sul segmento turistico LGBTQ+. Rappresentanti di catene alberghiere, buyer, agenti di viaggio, tour operator, influencer e media si danno appuntamento alla IGLTA Global Convention per un totale di oltre 700 stakeholder specializzati o con una divisione aziendale incentrata sul segmento LGBTQ+. La stima del volume di affari in servizi ancillari offerti per questo evento in Italia si aggira sui 2 milioni di dollari per la sola città di Milano. 

La 38°Convention Mondiale IGLTA (International LGBTQ+ Travel Association)  promossa da AITGL (Ente Italiano Turismo LGBTQ+) in collaborazione con ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo), Comune  di Milano,  ha il supporto del Consolato USA di Milano e della European Travel Commission. La media partnership, invece,  è affidata alla testata di settore Qmagazine.

Dunque Milano e tutta la filiera turistica si sono preparati ad accogliere le aziende del turismo LGBTQ+ con appuntamenti formativi organizzati  anche recentemente da Sonders&Beach in collaborazione con Formaper e Comune di Milano. Due webinar (27 e 29 ottobre) e un mini evento workshop in aula a Palazzo Giureconsulti di Milano il 10 ottobre.  Senza contare che già da oltre un anno l’Italia si è preparata adeguatamente all’accoglienza avendo generato il protocollo QueerVadis Certified, un label di respiro mondiale volto alla promozione dell’accoglienza turistica della comunità LGBTQ+ certificato da RINA.

Il  programma per la Convention prevede, un  pre-opening esclusivo a Terrazza Martini e per l’inaugurazione un ricevimento  al Castello Sforzesco di Milano. A chiusura della Convention si prosegue  con un press tour per i giornalisti internazionali. La Convention IGLTA Milano  sarà anche occasione  per presentare ricerche universitarie di settore come quella realizzata da Marianna di Salle, coordinatore del Master in Economia del Turismo  dell’Università Bocconi, per AITGL in collaborazione con Sonders&Beach e IGLTA. 

“Abbiamo scoperto che il 74% degli intervistati considera Milano una destinazione LGBTQ+ – afferma Alessio Virgili, presidente AITGL e ceo del gruppo Sonders&Beach – è emerso che l’Italia è al 3° posto come nazione da visitare almeno una volta nella vita, preceduta al primo posto da Stati Uniti e al secondo posto da Francia”. “Questo dato – continua Virgili –  dimostra che il lavoro fatto negli ultimi anni come presidente AITGL e IGLTA Global Ambassador per l’Italia IGLTA al fianco del mondo imprenditoriale e delle istituzioni ha dato i suoi frutti. Basti pensare che la posizione dell’Italia, qualche anno fa, in una analoga ricerca ci vedeva al 5° posto della  classifica”.

La Convention IGLTA avrà  anche sessioni formative uniche, dando alle imprese italiane importanti occasioni di networking e di lavoro sugli obiettivi di volontariato e accoglienza. Non va dimenticato, infatti, che la sostenibilità sociale rientra  tra gli obiettivi Europei come testimonia la normativa ISO 30 415 del 2021 incentrata sulla “Gestione delle risorse umane – diversità e inclusione”.

Condividi:
Un pensiero su “Il turismo inclusivo si prepara per la IGLTA 2022 Global Convention a Milano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *