La vacanza in barca sempre più considerata un’alternativa sicura

Mentre sono in discussione le norme da adottare per le vacanze in spiaggia, gli italiani cercano una soluzione che possa garantire momenti di relax e divertimento unici e, allo stesso tempo, sicurezza in questo momento di lento ritorno alla normalità. Secondo i dati di Sailogy, piattaforma online per il noleggio di barche in tutto il mondo, la vacanza in barca inizia a rappresentare una valida alternativa per non rinunciare alle ferie estive, all’insegna del riposo e della natura, una scelta corroborate dalla maggiore frequenza di ricerche.

Vacanze lunghe per giovani e famiglie

Stare vicino ai propri cari è certamente il modo più sicuro per trascorrere una vacanza serena e circondati dalla tranquillità delle onde del mare: per questo motivo, le richieste da parte di gruppi formati da una o due famiglie rappresentano al momento quasi la metà di quelle registrate dalla piattaforma. In linea con questi dati, aumentano anche le ricerche di catamarani – imbarcazioni ideali per gruppi di 8 o più persone – in crescita del 50% rispetto al 2019. In aumento anche la voglia di salpare degli under 44, che rispecchiano ad oggi il 50% delle query pervenute a Sailogy, a dimostrazione che la barca rappresenta, anche in questo momento, una tipologia di vacanza approcciabile trasversalmente per tutte le età. Le vacanze lunghe prendono il sopravvento in quest’estate particolare e crescono infatti, rispetto alla scorsa stagione, le informazioni relative a noleggi da 2 (+43%), 3 (+93%) e 4 settimane (+138%).

Gli italiani fanno rotta verso Toscana, Eolie e Sardegna

Toscana, Isole Eolie e nord della Sardegna sono le mete privilegiate dagli italiani interessati ad una vacanza in barca; le ricerche in queste zone sono in aumento rispettivamente del 238%, 73% e 140% rispetto allo stesso periodo nel 2019. Si rafforza l’idea di un turismo domestico anche per le imbarcazioni e l’interesse degli italiani per il proprio paese segna un +124% in confronto allo scorso anno. Milanesi, romani e torinesi dimostrano maggior apprezzamento per questa forma di evasione. Con l’incertezza dovuta agli spostamenti, solo pochi ottimisti considerano la possibilità di prenotare per il mese di giugno, mentre agosto (+17%) e luglio (+15%) rimangono i mesi più richiesti. A dimostrazione di un riconoscimento della vacanza in barca come esperienza sicura per l’estate, i new users rappresentano l’86%.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *