Secondo una recente indagine di LinkedIn, il 72% dei leader aziendali in Italia ritiene che l’intelligenza artificiale generativa (AI) porterà vantaggi significativi per i dipendenti. Questo studio, condotto su oltre 1.000 leader d’azienda in sei paesi europei, rivela che gli executive italiani vedono nell’AI generativa la possibilità di eliminare attività noiose e ripetitive (49%), aumentare la produttività (45%) e offrire più tempo per il pensiero creativo (40%).
I dati provenienti dal Work Trend Index di Microsoft confermano l’incremento della produttività derivante dall’uso di strumenti di AI generativa come Microsoft Copilot. Il 77% dei primi utenti che hanno testato Copilot per Microsoft 365 ha dichiarato di non poterne fare a meno. Un altro studio ha evidenziato che gli utenti di Copilot sono in grado di eseguire attività come ricerca, scrittura e sintesi di testi con un aumento del 29% nella velocità di esecuzione.
L’AI sta già influenzando il mondo del lavoro, con un triplicarsi delle posizioni di “Head of AI” a livello globale negli ultimi cinque anni. In Italia, gli annunci di lavoro che menzionano l’AI sono aumentati quasi cinque volte negli ultimi due anni.

Gli utenti di LinkedIn sembrano desiderosi di migliorare le proprie competenze in materia di AI, con un aumento dell’80% di utenti che hanno seguito corsi di apprendimento sull’AI nei tre mesi precedenti. Inoltre, le competenze di AI generativa, come “Chat GPT”, “prompt crafting” e “Copilot for Microsoft 365”, sono state aggiunte ai profili dei membri con un incremento mensile del 60% dal gennaio 2023.

Nonostante la crescita dell’intelligenza artificiale, sia i leader aziendali che i professionisti concordano sul fatto che le competenze umane rimarranno fondamentali per il successo futuro. In Italia, il 93% degli executive ritiene che le soft skills siano più importanti che mai. Le competenze come la comunicazione (45%), la flessibilità (53%) e il problem-solving (58%) sono considerate sempre più cruciali nell’evoluzione del mercato del lavoro.

Marcello Albergoni, Country Manager di LinkedIn Italia, sottolinea l’entusiasmo per l’AI, evidenziando la possibilità di eliminare attività quotidiane e ripetitive, consentendo ai team di concentrarsi sulle persone e fornendo maggior valore sia ai dipendenti che alle aziende.

LinkedIn consiglia alle aziende di preparare la forza lavoro ai cambiamenti futuri attraverso la mobilitazione dei dipendenti sull’AI, l’investimento nelle soft skills e l’implementazione mirata di strumenti di AI generativa per compiti specifici. L’obiettivo è creare una forza lavoro resiliente e agile che possa affrontare le sfide del futuro del lavoro. LinkedIn offre inoltre nuovi strumenti basati sull’IA e un’esperienza Premium mirata a un gruppo selezionato di abbonati per aiutarli a navigare in un mondo del lavoro in evoluzione continua.

*immagine di copertina creata con il prompt: Create an image depicting the benefits of generative AI in an office setting. The scene should show a modern office environment with employees appearing relaxed and content. Include visuals of employees engaging in creative tasks or collaborating casually, while computers and other devices display AI interfaces, suggesting they are handling routine or complex tasks autonomously. The atmosphere should convey a sense of efficiency and ease, highlighting how generative AI aids in reducing workload and stress, allowing employees to focus on more creative and strategic aspects of their work.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *