L’obiettivo 2018 di Gattinoni & Co: fare innovazione nel Mice e attrarre eventi in Italia

Gattinoni & Co, società del gruppo Gattinoni che raggruppa le business unit  Incentive & Event, Healthcare, Made in Italy (incoming eventi) e Communication, ha chiuso il 2017 con un fatturato di 41,5 milioni di euro, di cui 36 milioni prodotti dalla Business Unit Incentive&Event, 4,5 milioni da Communication e 1 da Healthcare.

La crescita percentuale di Gattinoni&Co è in linea con quella del mercato e ha rispettato le previsioni. La parte più performante è stata quella della logistica, che ha visto la riconferma di clienti storici come L’Oréal, ma il connubio tra logistica e comunicazione ha permesso l’ingresso nel portfolio di nuove aziende fra cui LG, Peroni, Heineken e San Benedetto.

Per quanto riguarda il MICE Gattinoni è cresciuto nel corso di questi ultimi anni affiancando al mondo Incentive una costante affermazione nel mondo degli eventi. Due specializzazioni fortemente trainate dalla capacità di creare e veicolare esperienze emotionally driven.  L’obiettivo per l’anno 2018 e dei prossimi anni non è semplicemente di presidiare il mercato, consolidare il posizionamento e ampliare i volumi, ma è anche quello di “fare innovazione”, attraverso personalizzazione dell’offerta e attenzione all’aspetto tecnologico. Aspetto funzionale nei viaggi e sempre più strategico negli eventi, perché consente l’arricchimento e l’amplificazione dei contenuti trattati, favorisce meccanismi di coinvolgimento e ingaggio del pubblico in ogni fase, facilita l’analisi e l’elaborazione dei dati di partecipazione.

La divisione Healthcare è stata lanciata nella seconda metà del 2017 e la sua specializzazione ha già iniziato a produrre risultati. Nell’arco di un semestre ha prodotto più di 1 milione di euro, consolidando il peso dei clienti pharma già presenti nel portfolio del Gruppo e acquisendo nuovi rilevanti player. Importanti risultati sono attesi per la fine dell’anno.

Isabella Vallini, Chief Operating Officer Gattinoni&Co

A fine 2017 sono iniziati gli investimenti anche nella divisione Made in Italy, che ora vive un’accelerazione. Il core business è l’incoming degli eventi: stimolare clienti esteri e aziende multinazionali a scegliere l’Italia come location e una società italiana per realizzare eventi di medie e grandi dimensioni. Vengono ideate proposte all’insegna dell’unicità e della spettacolarizzazione, in sinergia con il prodotto leisure del Gruppo Gattinoni.

Commenta Isabella Vallini, Chief Operating Officer Gattinoni&Co: “In Gattinoni&Co lavorano 70 professionisti. Ogni divisione è guidata da una forte cultura cliente-centrica, dalla cura maniacale del dettaglio e dalla massima attenzione alla qualità della delivery. Siamo orgogliosi di aver attuato grande trasversalità interna per creare sinergie”.

Sulle prospettive 2018 continua Vallini: “È fondamentale realizzare investimenti tecnologici e lavorare sul pensiero strategico; questi sono i nostri obiettivi per il 2018, unitamente a un incremento del fatturato stimato a doppia cifra. Il 2017 è stato un esercizio positivo, in cui siamo stati premiati anche da nuovi clienti del calibro di LG, Peroni, Heineken, Banca Fideuram. Nel 2018 continueremo a coltivare le nostre competenze legate all’ideazione artigianale degli eventi, valorizzando i brand e i loro prodotti, e investendo in formazione, un’area dove stiamo sviluppando anche collaborazioni più mirate. Il mercato chiede soluzioni nuove ed efficaci, progetti fluidi e integrati, idee capaci di stimolare l’audience e farla interagire: noi siamo pronti per la sfida”.

Condividi: