Malta Tourism Authority è l’ente preposto a Malta al rilascio della certificazione che garantisce la conformità delle strutture ricettive che seguono gli standard di sicurezza necessari in questo periodo.

Elementi come il distanziamento sociale, il potenziamento delle pratiche igieniche e la minimizzazione dei rischi di infezione da COVID-19, sono solo alcuni dei criteri stabiliti da MTA per l’ottenimento della certificazione. La procedura, varata lo scorso 22 maggio, è stata formulata seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie internazionali e maltesi, nonché attingendo alle buone pratiche condivise da altri paesi che stanno già ricevendo flussi turistici e hanno messo a disposizioni dati aggiornati sull’andamento del controllo del virus.

Le strutture sono autorizzate alla riapertura solo una volta soddisfatti gli standard di sicurezza e le autorizzazioni sono concesse un poco alla volta in linea con il cronoprogramma delineato a livello nazionale per la fase di transizione e che prevede dapprima una riapertura al turismo domestico e poi a quello internazionale.

Malta Tourism Authority precisa che a seguito del rilascio della certificazione saranno comunque messi in atto successivi controlli periodici ed ispezioni per continuare a garantire la validità della certificazione.

Queste le categorie che possono ottenere la certificazione:

• Strutture ricettive (suddivise tra alloggi collettivi e locali arredati per le vacanze)

• Luoghi di ristorazione

• Strutture all’aperto tra cui lidi, piscine e aree di intrattenimento esterne

• Spiagge, stabilimenti balneari e concessioni sulla spiaggia

Si tratta di un provvedimento importante adottato con ragguardevole rapidità allo scopo di salvaguardare la salute dei turisti. Gli efficienti metodi di contenimento della pandemia a Malta sono stati lodati dalle autorità sanitarie europee ed infatti attualmente il numero di contagi si è azzerato. Malta Tourism Authority sta lavorando in sinergia con gli stakeholder maltesi al fine di riaprire al più presto l’aeroporto e di conseguenza i flussi turistici internazionali in tutta sicurezza su una cui ipotetica data si attendono imminenti novità.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *