Il leggendario brand Orient Express, parte del gruppo mondiale Accor, ha firmato un accordo di partnership con il gruppo italiano Arsenale S.p.A. volto all’apertura del secondo hotel a marchio Orient Express in Italia, all’interno del meraviglioso Palazzo Donà Giovannelli a Venezia.
Per la progettazione degli spazi e dei decori, è stato scelto l’architetto e interior designer Aline Asmar d’Amman e il suo studio Culture in Architecture.
Venezia, un tempo porta di Costantinopoli e mitica fermata del leggendario treno Orient Express – che aprì le porte ai primi passeggeri nel 1919 con il completamento del tunnel del Sempione che collegava la Svizzera all’Italia – sarà la sede del secondo hotel Orient Express, la cui apertura è prevista nel primo quarter del 2024.
Situato a soli dieci minuti dalla stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia, vicino al quartiere dello shopping di Cannareggio, e radicato nelle origini della Città dei Dogi, il Palazzo Donà Giovannelli è un prezioso palazzo costruito nel 1400 dall’architetto Filippo Calendario, noto per il famoso Palazzo Ducale di Venezia. Antica dimora del Duca di Urbino, mecenate delle arti, è stato ristrutturato due volte, in particolare nel 1800 dall’architetto Gian Battista Meduna. Un tempo pinacoteca, diventò successivamente proprietà delle famiglie Donà e Giovannelli.
Un’ode al patrimonio veneziano, ispirato alle varie culture ed epoche che ne hanno caratterizzato la presenza lungo il corso della storia, l’Hotel Orient Express Venezia ospiterà 45 camere e suite, tutte con vista sui giardini e sui canali di Venezia. Il bar dell’hotel sarà situato al piano principale dell’hotel, nell’ex sala da ballo del Piano Nobile. Un ristorante di fama internazionale introdurrà gli ospiti ai sapori della gastronomia italiana. Terrazze nascoste sui tetti dell’hotel offriranno panoramiche sulle meraviglie della Serenissima.

All’apertura dell’hotel, i passeggeri del futuro treno Orient Express La Dolce Vita potranno sbarcare direttamente alla stazione di Venezia Santa Lucia e raggiungere l’Orient Express Hotel a piedi o in barca.

Orient Express Venezia, tra Oriente ed Occidente

“L’Hotel Orient Express Venezia incarna un incontro unico tra due leggende e icone: il leggendario marchio di lusso e il Palazzo Donà Giovannelli. È un’opera architettonica posta al crocevia tra due culture, un ponte tra l’Oriente e l’Occidente, ancorato all’eternità e pronto a tornare in vita per echeggiare un’arte di vivere teatrale, contemporanea ed intrisa di infinita eleganza”, ha detto Aline Asmar d’Amman.

Nata in Libano, Aline Asmar d’Amman, attraverso il suo studio Culture in Architecture, crea progetti che collegano passato e futuro, dove la cultura simboleggia un ponte tra i continenti. Convinta che la bellezza restituisca “l’anima poetica del mondo”, ha progettato l’architettura d’interni di numerose residenze private e ha assunto la direzione artistica di hotel di lusso, come l’Hôtel de Crillon a Parigi, e di ristoranti emblematici, come il Jules Verne sulla Torre Eiffel. Ha anche collaborato con Karl Lagerfeld ad una collezione di ambientazioni e di oggetti e mobili in marmo. Lo scorso aprile, ha anche progettato il padiglione libanese alla Biennale d’arte di Venezia.

Un viaggio alla scoperta del Palazzo Donà Giovannelli Con Aline Asmar D’Amman

Dall’ingresso principale e dal giardino, che si possono raggiungere dalla stazione ferroviaria lungo la Strada Nova, o dalle facciate neogotiche e multistrato, che si possono visitare dal Rio de Noal in barca, Palazzo Donà Giovannelli è pieno di bellezza e grandezza. È un’isola nell’isola, dove porte e finestre ancorate nel mare sembrano parlare direttamente al cielo soprastante.

Un solo passo all’interno di questo palazzo evoca una sensazione di completo incanto. Si entra come se si sfogliassero le pagine di un libro che viaggia indietro nel tempo. È un tuffo in un romanticismo senza età, dove l’eredità della pietra sembra essere congelata nel tempo, destinata a sussurrare storie di epoche passate. Dall’entrata, scolpita nel marmo e le pareti intonacate di un rosa sbiadito, si affaccia una magistrale scala ottagonale di stile neogotico disegnata dall’architetto Meduna. Sui suoi soffitti a volta, le cupole e gli stucchi richiamano la luce e la teatralità.

Al piano principale, o piano nobile, i suoi numerosi saloni e sale da ballo ospitano 800 anni di storia. È un viaggio attraverso le epoche, una miscela di stili barocco, neoclassico e gotico insieme allo splendore della fantasia orientale, un esotismo che trascende le possibilità. Le stanze sono decorate con motivi, mosaici, stucchi, dipinti, affreschi tinti con colori dimenticati e meravigliosi putti. Tutto è lì, tra queste pareti che abbondano di enigmi destinati a non essere mai risolti.

Stephen Alden, CEO Raffles & Orient Express, Accor ha annunciato: “L’arrivo dell’Orient Express a Venezia si coniuga perfettamente con la storia propria del marchio. Segna un ritorno di una leggenda che trova la sua massima espressione nel Palazzo Donà Giovannelli. Spinta dalla sua formazione multiculturale, dal suo amore ossessivo per Venezia e dal suo linguaggio poetico unico, Aline Asmar d’Amman sublimerà uno dei palazzi più carismatici del mondo”.

Paolo Barletta, CEO Arsenale S.p.A. ha aggiunto: “Il connubio tra Venezia ed il nuovo Hotel Orient Express rappresenta un altro grande passo nel progetto che Arsenale, grazie anche alla partnership con Orient Express, sta portando avanti per il rilancio di un turismo di lusso che trova nella nostra Penisola un patrimonio artistico e culturale inedito.
Con il suo design eccezionale, la sua storia e il suo patrimonio, Palazzo Donà Giovannelli è destinato a diventare un punto di riferimento a Venezia, unico nel suo genere. La minuziosa cura e l’esperienza eclettica di Aline Asmar d’Amman, darà nuova luce alle antiche bellezze del Palazzo contribuendo a diffondere un messaggio di eccellenza da Venezia a tutto il Mondo”.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *