Ostelli AO: un drink gratis per rinunciare alla pulizia della camera

La catena berlinese di ostelli AO ha calcolato che per una sessione di pulizie giornaliere vengono consumati ben 7,5 litri d’acqua (tra scarico del WC, pulizia del lavandino e della doccia, pulizia del pavimento e altre superfici) e 0.07 kWh di elettricità, per un aspirapolvere utilizzato mediamente 5 minuti a stanza. Per questo l’azienda ha iniziato a proporre ai propri ospiti la possibilità di rinunciare, volontariamente, alla pulizia giornaliera della stanza offrendo in cambio un simbolico drink in omaggio. Una tecnica che ha funzionato: sono ben 10mila gli ospiti che in 2 mesi hanno optato per il drink al posto della pulizia, contribuendo alla sostenibilità ambientale. Sperando, quanto meno, che per il drink non siano stati usati bicchieri e cannucce monouso.

“In generale, l’idea di rinunciare alla pulizia quotidiana della stanza non è nuova, ma non per questo meno efficace, ed è comunque un tassello in più verso la riduzione del consumo energetico e idrico.” Spiega Matthias Posth, Project Manager Operations di aohostels.com.
“10.000 pulizie giornaliere in meno in soli due mesi è un gran risultato. Questo ci ha permesso di risparmiare, tra le altre cose, ben 75.000 litri d’acqua, 708 kWh di elettricità e 20.000 sacchi dell’immondizia.”

Entro la fine dell’anno dovrebbe essere pronto il primo rapporto di AO sulla sostenibilità, rapporto che verrà poi pubblicato annualmente. Posth, che è anche il responsabile dei progetti “green” del gruppo, ha aggiunto: “Non vogliamo solo parlare di sostenibilità, ma vogliamo essere attivi anche su più ampia scala con azioni concrete. La sostenibilità è più importante di qualsiasi altro tema, e in futuro saranno sempre più presenti nelle nostre strutture questionari come quello fatto qualche mese fa. Molti dei nostri clienti sono giovani e
possiamo imparare molto dalle loro esigenze e aspettative.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *