Palladium Hotel Group conclude la stagione estiva nelle Isole Baleari e in Costa del Sol con dati di chiusura molto positivi e prevede un autunno e un inverno sulla stessa scia per i suoi hotel a Tenerife, Madrid e nei Caraibi, rafforzando così la previsione stabilita al FITUR di superare le cifre di fatturato per il 2019.
Gli hotel delle Isole Baleari e della Costa del Sol hanno registrato picchi di occupazione fino al 90% a luglio e agosto. A settembre, invece, i risultati hanno superato quelli raggiunti nel 2019, con cifre intorno all’85%, e intorno al 70% a ottobre per gli hotel stagionali.
Questa evoluzione positiva fino ad oggi nel 2022 è frutto di diversi fattori, secondo Palladium Hotel Group. Da un lato, la domanda contenuta che è finalmente esplosa negli ultimi mesi grazie all’attenuazione dell’effetto pandemia, e che si è notata durante tutta la stagione, il cui inizio è stato addirittura migliore del previsto. D’altra parte, anche l’inizio anticipato della stagione – che ha reso questa una delle più lunghe – ha giocato un ruolo importante, insieme all’apertura di due nuovi hotel: TRS Ibiza Hotel e Hard Rock Hotel Marbella, e il consolidamento di marchi come BLESS Collection Hotels, con alberghi a Madrid e Ibiza.

Destinazioni e hotel: dati di occupazione

Per quanto riguarda l’Europa, gli hotel delle Isole Baleari, della Costa del Sol, di Tenerife e della Sicilia hanno raggiunto cifre di occupazione intorno al 73%.

Per quanto riguarda gli hotel nelle Americhe, il Messico spicca con un’occupazione superiore al 70%. Si prevede infatti che nei suoi resort situati in Riviera Maya, Costa Mujeres e Riviera Nayarit il Messico registrerà un dato cumulativo annuale tra il 72% e il 76%. Punta Cana, invece, rimane al di sopra del 65% e si prevede che raggiunga il 67% di occupazione annuale cumulativa. Infine, Brasile e Giamaica hanno tassi di occupazione intorno al 70% e si prevede che si mantengano su questi livelli.

Nuove aperture in Spagna

Secondo Sergio Zertuche, Chief Sales & Marketing Officer di Palladium Hotel Group: “Senza dubbio questa è stata una delle stagioni più emozionanti. Non solo per il ritorno alla normalità, ma anche per l’apertura in Spagna di due nuovi hotel in cui abbiamo riposto tutta la nostra fiducia: TRS Ibiza Hotel e Hard Rock Hotel Marbella. Due destinazioni che negli ultimi anni hanno dimostrato di essere di enorme qualità, riconosciuta sia a livello nazionale che internazionale.”

TRS Ibiza Hotel è il primo del brand TRS Hotels ad arrivare in Europa, dopo il successo ottenuto nei Caraibi. Si tratta di un resort unico nel suo genere, che combina un servizio di lusso all-inclusive in un ambiente consigliato agli adulti, cosa che finora non si era mai vista a Ibiza.

Hard Rock Hotel Marbella, situato a Puerto Banús e terzo del franchising Hard Rock Hotels gestito da Palladium Hotel Group, ha festeggiato la sua prima estate con una grande accoglienza che mira a replicare il successo dei suoi predecessori a Ibiza e Tenerife. Il concetto di intrattenimento unico di questa nuova struttura, così come il servizio accurato, la proposta gastronomica e l’offerta di eventi musicali, rendono la società “certa che Hard Rock Hotel Marbella diventerà un punto d’incontro non solo per i viaggiatori ma anche per il pubblico locale”.

Ripresa dei viaggiatori internazionali e del settore MICE

La ripresa generalizzata da parte di tutti i mercati è stata evidente per tutta la stagione e l’interesse a viaggiare è stato confermato. Tanto che, secondo Zertuche, “i turisti internazionali sono tornati, soprattutto nel caso delle isole.

Spicca anche la ripresa del segmento MICE, soprattutto a Madrid e Ibiza, dove ha superato di oltre il 50% i livelli del 2019. Secondo Borja Martinez Junquera, Regional MICE Senior Manager Europe, ciò è dovuto “alla domanda di pacchetti per il 2020 e il 2021″. Guardando all’ultima parte dell’anno, la domanda è più contenuta, anche se il tono positivo continuerà”. La distribuzione per mercati, sebbene con cifre abbastanza simili tra loro, è guidata da Spagna, Regno Unito e Germania, seguiti da Francia, Svizzera e Italia.

Riflettori puntati sui Caraibi per la stagione invernale

Mentre diversi hotel del portfolio di Palladium Hotel Group in Spagna hanno ancora una promettente stagione autunnale/invernale davanti a sé, in particolare Hard Rock Hotel Tenerife – dove si attendono le prenotazioni dell’ultimo minuto del turismo domestico – e degli hotel urbani del gruppo che beneficeranno della ripresa del turismo d’affari – la verità è che è nei Caraibi che si concentrano le aspettative per i prossimi mesi.

Secondo Zertuche “finora quest’anno i dati di occupazione dei nostri hotel nei Caraibi sono davvero positivi e le stagioni invernale e natalizia si prospettano buone, quindi siamo soddisfatti dello sviluppo”.

Oltre alla buona performance degli hotel del gruppo, la recente alleanza di Palladium Hotel Group con Wyndham Hotels & Resorts, la più grande società di franchising alberghiero al mondo e con la maggiore capacità di distribuzione negli Stati Uniti, è un’importante pietra miliare che rafforzerà la capacità di distribuzione degli hotel caraibici in due mercati prioritari per loro: Stati Uniti e Canada. Grazie a questo accordo, 14 hotel dei brand Grand Palladium Hotels & Resorts e TRS Hotels, situati in Messico, Repubblica Dominicana, Giamaica e Brasile, sono entrati a far parte del portfolio del brand di lusso Registry Collection Hotels della società nordamericana.

Un’altra importante pietra miliare per gli hotel della società nelle Americhe è rappresentata dalla ristrutturazione del Grand Palladium Jamaica Resort & Spa, che sarà completata entro la fine dell’anno e che si prevede sarà accolta positivamente.

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *