Riapre in grande stile il Principi di Piemonte di Torino

Gruppo UNA ha celebrato ufficialmente la riapertura dell’hotel 5 stelle Principi di Piemonte | UNA Esperienze, storica icona torinese e nuova punta di diamante della più grande catena alberghiera italiana. Dopo 15 mesi di lavori, per i quali è servito un investimento di circa 6 milioni di euro, il Grand Opening dell’albergo, a pochi passi dalle centralissime via Roma e piazza San Carlo, riconsegna uno dei gioielli architettonici più raffinati di Torino alla città, in seguito alla conclusione dei lavori di ristrutturazione che hanno principalmente interessato le camere, il ristorante, il bar, gli spazi comuni e gli esterni.

In occasione dell’inaugurazione, Gruppo UNA ha svelato il volto rinnovato del grandioso edificio, perfetta espressione dello stile razionalista italiano. I lavori di ristrutturazione sono stati finanziati da Gruppo UNA S.p.A. e dal Fondo di Investimento Immobiliare Athens R.E. Fund, proprietario dell’immobile e gestito da UnipolSai Investimenti S.G.R. S.p.A.

“Con grande emozione restituiamo a Torino un simbolo della sua ospitalità, fatta di eleganza e raffinatezza, e con orgoglio oggi celebriamo un passo importante nel percorso di sviluppo strategico intrapreso fin dalla presentazione della nuova brand identity Gruppo UNA. A un anno esatto dal lancio del progetto, Principi di Piemonte | UNA Esperienze è prova fondamentale di quanto sia concreta e tangibile la nostra ambizione di offrire agli ospiti italiani e internazionali la miglior espressione dell’ospitalità italiana” – commenta Fabrizio Gaggio, Direttore Generale Gruppo UNA.

“Dopo i tre prestigiosi ingressi già annunciati, la collezione UNA Esperienze punta a essere il riferimento in fatto di servizi d’eccellenza, location da sogno e perfetto connubio tra arte, cultura e ospitalità. Sono questi i valori che esprimono l’essenza del nostro brand più prestigioso e dell’hotel di Torino, a servizio della città per sostenerla come destinazione di punta in Italia – spiega l’AD di Gruppo UNA, Luca Zaccherini – la nostra operazione è servita semplicemente per togliere la polvere di dosso a uno dei gioielli più splendenti di questa città con un intervento fatto in maniera non invasiva”.

L’edificio degli anni Trenta unisce la dimensione architettonica e mondana a un’offerta d’eccellenza, grazie a cui l’hotel mira ad affermarsi come punto di incontro privilegiato della città. I recenti interventi strutturali e stilistici, in grado di coniugare design e tecnologia, hanno conferito nuovo splendore alla struttura, eliminando ogni elemento superfluo per offrire ambienti che possano essere il preludio perfetto all’eleganza regale e dorata del magnifico Salone delle Feste decorato da Venini Murano.

Il Salone delle Feste è sola una delle 6 sale per eventi distribuite su 2 piani della struttura, spazi multifunzionali che si prestano a molti tipi di format, da eventi bancari e presentazioni di prodotto a sfilate di moda e shooting fotografici. Il Piano A dell’hotel ha una capienza di circa 250 posti mentre il Piano B arriva a 600 persone grazie al Salone delle Feste, sala Palazzo Madama e sala Venaria.

Principi di Piemonte UNA Esperienze mette a disposizione degli ospiti 100 camere e suite interamente rinnovate, distribuite negli ultimi otto piani dell’edificio, tra i più alti del capoluogo piemontese: questa particolarità regala una meravigliosa vista su Torino e su tutto l’arco alpino che la circonda. Punta di diamante della struttura è la Presidential Suite di 140 mq, situata al piano più alto dell’hotel, dotata di anticamera di ingresso, due camere matrimoniali, tre sontuosi bagni, sala e sala da pranzo, in cui lo stile Art Déco è impreziosito da elementi di design contemporaneo ed eleganti finiture e materiali.

L’appuntamento serale in programma per il Grand Opening è un momento speciale per mostrare gli eleganti ambienti dell’hotel e le ampie sale per eventi. Rappresenta anche la prima occasione per condividere la collaborazione tra Principi di Piemonte | UNA Esperienze e alcune importanti realtà locali come Francesco Ciocatto maestro cioccolatiere di Pfatisch, Xerjoff fragranze artistiche e il Museo del Cinema di Torino.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *