In un mese di agosto segnato dal calo delle presenze turistiche di connazionali negli hotel italiani, il settore del turismo extralberghiero, che comprende case vacanza, b&b e agriturismi, dimostra di avere più resilienza con strutture piene a Ferragosto, soggiorni più lunghi e operatori in gran parte soddisfatti della stagione turistica. Un recente rapporto del quotidiano “Il Sole 24 Ore” sottolinea infatti l’effetto negativo dei rincari sulla stagione turistica 2023 sul turismo interno, con le associazioni degli albergatori che riscontrano diminuzioni tra il 20% e il 30% della domanda nelle destinazioni nazionali e un cambiamento nelle preferenze degli italiani verso mete più economiche come Tunisia, Egitto e Albania.

Questo trend ha però intaccato meno il settore extralberghiero, più adatto a ospitare famiglie e gruppi numerosi. Secondo i dati del Ministero del turismo nel mese di agosto la saturazione media dell’extralberghiero sulle OTA è del 60% contro il 39% medio delle strutture ricettive online (che sale al 43% sulle località balneari).

Non è dunque un caso che i 25mila agriturismi italiani, di cui 20mila con servizi di alloggio, abbiano ospitato oltre 500mila italiani nel ponte di Ferragosto secondo i dati di Coldiretti. E neanche che Airbnb abbia registrato negli ultimi due anni un aumento del soggiorno medio del 15% con ormai oltre il 50% delle prenotazioni superiore alle 7 notti, anche per via del progressivo affermarsi dello Smart working in vacanza.

Un’ulteriore dimostrazione del maggiore appeal della ricettività alternativa arriva dalla community “Vivere di Turismo” che su Facebook raccoglie oltre 12mila operatori dell’extralberghiero tra gestori di case, agriturismi, b&b e property manager. Un sondaggio svolto tra gli iscritti alla community sull’andamento dell’estate ha rivelato che il 59% dei rispondenti ha avuto risultati pari o superiori allo scorso anno e solo il 5% riscontra perdite di prenotazioni superiori al 10%. Numeri quindi decisamente in controtendenza rispetto all’andamento del settore turistico in questo periodo.

Secondo Danilo Beltrante, fondatore della community Vivere di Turismo, sono 3 i motivi alla base di questi dati: “L’attenzione personalizzata al cliente, la flessibilità nelle offerte e la conoscenza del prodotto turistico locale consente ai gestori extralberghieri di fornire offerte su misura e instaurare relazioni più strette con i clienti che tornano anno dopo anno. Questa resilienza delle piccole strutture ha un effetto positivo sull’intero ecosistema turistico, sostenendo l’occupazione locale e offrendo stabilità economica in un periodo di forti spinte inflattive, come dimostrano i risultati della nostra indagine i cui risultati completi saranno presentati i prossimi 7 e 8 novembre a Rimini durante il Vivere di Turismo Festival, l’evento che chiama a raccolta tutti gli operatori dell’extralberghiero”.

“Vivere di Turismo” non è infatti solo una community, ma una filosofia di lavoro e un metodo di collaborazione che promuove l’innovazione, la collaborazione e l’adattabilità. Da quest’ anno la community si riunisce nel corso del Vivere di Turismo Festival, l’evento annuale che sottolinea questa missione e offre a tutti gli operatori strumenti, dati e formazione per migliorarsi, apprendendo dai leader di mercato e dalle best practice di settore. Il festival, di cui Qualitytravel è media partner, è un’opportunità per tutti gli operatori dell’extralberghiero di riunirsi e scambiare idee, esperienze e successi. Per maggiori informazioni e dettagli sul festival, si può visitare il link www.viverediturismofestival.it . Ai lettori di Qualitytravel che intendono partecipare offriamo uno sconto del 5% inserendo il codice coupon 01QT al momento dell’acquisto.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *