Villa La Massa annuncia la riapertura il 1° luglio

Villa La Massa riapre le sue porte il giorno 1 luglio, felice di accogliere i propri ospiti nella sua oasi di pace e relax, quest’anno in modo ancora più intimo ed esclusivo.

Immersa nelle colline del Chianti Rufina è situata a Candeli, sulle rive dell’Arno, a soli otto chilometri da Firenze. Avendo come priorità il benessere dei propri ospiti, Villa La Massa opera nel pieno rispetto di tutte le normative, continuando a garantire un servizio d’eccellenza e ad offrire un’esperienza unica. La vasta estensione della proprietà consente ai clienti di godere appieno degli spazi esterni e dei giardini offrendo numerose opportunità per ritagliarsi la propria privacy.

Le soluzioni previste per questa stagione prevedono l’uso esclusivo del Villino e della Casa Colonica, offrendo così a famiglie o gruppi di amici la massima libertà.
“Sospeso” sul fiume Arno, il Villino di inizio Novecento conta 7 camere, tra cui la suite Presidenziale con la sua magnifica terrazza sul fiume e accesso diretto al parco e al giardino privato.
Risalente a metà dell’Ottocento, la Casa Colonica con corte interna all’aperto, presenta, invece, 4 suite, di cui due comunicanti. Dispone anche di cucina attrezzata e antico forno a legna con possibilità di chef privato su richiesta.

Novità di quest’anno sono Villa Hombert, risalente al 1700, con 3 appartamenti da 60, 70 e 80 metri quadri, con piccole cucine attrezzate; la nuova piscina esterna riscaldata nel giardino con vista sulle colline toscane, e L’Oliveto bistrot ricavato nell’antico fienile appena ristrutturato con possibilità di una saletta privata nell’altana.

Fiore all’occhiello della struttura è lo splendido parco, che si estende per dieci ettari e si affaccia sull’ansa dell’Arno, al suo interno tante varietà di piante e fiori, un orto, e la nuovissima piscina con annesso lounge bar.

Villa La Massa, grazie alla sua posizione strategica, è anche punto di partenza per tour culturali, paesaggistici ed enogastronomici della Toscana.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *