Nuova nomina a Taormina per il gioiello di Ragosta Hotels Collection direttamente sulla spiaggia: Alfonso Cerreti è il Resort Manager per la Plage Resort Taormina, che gode di una posizione privilegiata di fronte Isola Bella.
Il resort sorge all’interno della riserva naturale tra pini marittimi secolari e giardini profumati ed è caratterizzato da bungalow che si celano perfettamente nella natura, con spiaggia privata e splendida vista ed è facilmente collegato al centro storico con la funivia a pochi passi.

A Cerreti è affidato il compito di guidare il resort per una stagione che si preannuncia proficua ed intensa. Nato a Messina il 15 ottobre 1972, Alfonso Cerreti, ha un’esperienza specifica in Sicilia, dove negli ultimi anni ha contribuito all’apertura e alla direzione di alcune realtà nel settore dell’ospitalità, dall’Hotel Borgo Pantano di Siracusa a Palazzo Gatto Art Hotel & Spa (TP), dal Sicilia’s Art Hotel & Spa (CT) al Principe di Belmonte Sicily Hotels Group.

“E’ per noi un piacere dare il benvenuto ad Alfonso Cerreti, che si unisce alla nostra squadra, suddivisa tra Costiera Amalfitana, Roma e, appunto, Taormina” – ha dichiarato Giuseppe Marchese, CEO di Ragosta Hotels Collection. “Stiamo lavorando a pieno regime nelle nostre 4 strutture in Italia già con ottimi risultati per questa parte dell’anno e proiezioni positive per il futuro.”

Luoghi da sogno dove poter scegliere un soggiorno secondo i propri gusti, celebrare un momento speciale, organizzare un incontro o anche prenotare un tavolo per gustare le specialità della cucina o ancora farsi coccolare nelle qualificate Spa: queste le caratteristiche dei 4 alberghi lusso di Ragosta Hotels Collection, da Vietri sul Mare dove si trovano l’Hotel Raito Amalfi Coast con vista mozzafiato (77 camere e suite)  e il Relais Paradiso Amalfi Coast (villa privata con 22 camere e suite), a Taormina con La Plage Resort Taormina (59 camere e suite), fino a Roma con Palazzo Montemartini Rome, A Radisson Collection Hotel accanto alla Terme di Diocleziano (82 camere e suite).

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *