Per chi lo sente nominare per la prima volta, il Blue Friday, manifestazione giunta alla sua seconda edizione, si propone di ridefinire il significato del Black Friday, tradizionalmente associato a uno sconsiderato consumismo, trasformandolo in un’opportunità per promuovere la salvaguardia e la rigenerazione dell’oceano ed è un’iniziativa della Commissione Oceanografica Intergovernativa (IOC) dell’UNESCO. L’evento si svolgerà il 24 e il 25 novembre a Venezia, coinvolgendo diverse location della città con un programma ricco di panel e iniziative culturali aperte a tutte le generazioni. La Tavola Rotonda di apertura (24/11 – ore 17.30) vedrà la partecipazione di Francesca Santoro, Senior Programme Officer per IOC/UNESCO e responsabile dell’Ocean Literacy per il Decennio del Mare. Durante l’incontro, saranno esplorati temi cruciali come il bluewashing, la salute in relazione ai cambiamenti climatici, l’eco-ansia e la solastalgia. Il Blue Friday ospiterà anche personalità di spicco come il navigatore Giovanni Soldini e la presentatrice svedese Filippa Lagerbäck.

Photo by Arthur Daniel

In un contesto in cui l’oceano assume un ruolo sempre più centrale nell’agenda politica internazionale, il Blue Friday assume una rilevanza particolare in vista della COP 28, il vertice ONU sul clima che si terrà a Dubai dal 30 novembre. Questo appuntamento si configura come una chiamata all’azione rivolta a cittadini, istituzioni, aziende e centri di ricerca, proponendosi come momento cruciale per l’Educazione all’Oceano, al fine di aumentare la consapevolezza sull’importanza dell’oceano e degli ecosistemi marini.

Durante il Blue Friday, IOC/UNESCO presenterà i risultati del lavoro “Collaborating with the ocean: a new model for ocean-literate corporate action”, realizzato con Onde Alte per individuare le operazioni di bluewashing. Questo approccio, analogo al “greenwashing” ma incentrato sulla sfera “blu” del pianeta, mira a distinguere le attività sostenibili solo di facciata da quelle effettivamente virtuose, fornendo alle aziende strumenti per scelte più consapevoli e sostenibili nei confronti dell’oceano.

Il programma del Blue Friday 2023 include panel dedicati a imprenditoria, moda e finanza blu, rendendo l’evento accessibile a una vasta audience. La manifestazione si aprirà con una Tavola Rotonda presso l’Hotel Ca’ di Dio, moderata dalla giornalista Diana de Marsanich e coinvolgente figure di spicco nel panorama ambientale e marino.

Ci saranno testimonianze di aziende nei settori della moda, del lusso, del turismo sostenibile e della tecnologia che hanno scelto di sostenere l’iniziativa. Fabio Murzi, Presidente della Fondazione Acqua dell’Elba, illustrerà il contributo di Acqua dell’Elba, una manifattura artigianale di profumi, nella salvaguardia e valorizzazione del mare tramite la sua Fondazione. L’azienda, partecipando al Blue Friday, ha deciso di non promuovere sconti per il Black Friday, preferendo donare ai clienti una “Green Box”. I proventi netti di questa operazione saranno destinati a sostenere i progetti della Fondazione Acqua dell’Elba.

Stefano Sogne, Brand Manager di Made by Turisanda (Alpitour World), presenterà il progetto “Sensibility”, uno degli obiettivi di Made che propone viaggi in luoghi suggestivi ma fragili dal punto di vista sociale e naturale. L’approccio si basa sui principi del minimo impatto e del “viaggiare nel rispetto”, coprendo itinerari dal Nord Europa all’Africa Orientale e Australe, dal Sud America all’Antartide.

Nella stessa location, l’Aperitivo Blu – Un Totem per l’Oceano (ore 19.30) sarà condotto da Filippa Lagerbäck, nota conduttrice televisiva attivamente impegnata nella promozione di uno stile di vita sostenibile. Durante l’evento, intervisterà il biologo marino e National Geographic Explorer Giovanni Chimienti. Il format, ideato da Anna Peregrini, Diana de Marsanich e Marc Teynier con il contributo di Francesca Santoro, ha lo scopo di raccontare l’impegno di ricercatori, scienziati, imprenditori, artisti e cittadini per la salvaguardia del “Pianeta Oceano”.

Il Blue Friday proseguirà il 25 novembre con il tour degli Atelier Aperti (prenotazione obbligatoria), organizzato insieme a Venezia da Vivere. L’itinerario partirà da Campo dei Frari alle 09.50, permettendo di visitare botteghe e laboratori veneziani di alto artigianato.

Alle 11.30, a Palazzo Zorzi, sede dell’Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa, ci sarà la presentazione del libro “Il capitale naturale. Idee e soluzioni per fare pace con il Pianeta”. Il libro, curato da Daniele Moretti, sarà presentato insieme a Francesca Santoro di IOC/UNESCO e includerà contributi di figure di spicco come Stefano Boeri, Johan Rockström, Roberto Cingolani e altri, affrontando la crisi ambientale con idee e soluzioni.

Il programma sarà preceduto dall’intervento di Giovanni Pelizzato sulla storia della Libreria Toletta, la più antica a Venezia, e del nuovo spazio eventi in Piazza San Marco alle Procuratie Vecchie. L’evento si concluderà con uno speciale Cocktail Blu offerto in collaborazione con Venice Cocktail Week, presentando il cocktail “Sospiro” di Lorenzo Di Cola per Altamura Distilleries.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *