Dal 13 aprile al 13 ottobre Osaka ospiterà l’Expo 2025 con il tema Progettare la società futura per le nostre vite, sviluppato nei tre sottotitoli “Salvare vite, Potenziare vite e Connettere vite”.
A questa edizione dell’Expo (la sesta organizzata in Giappone) partecipano 153 Paesi e 8 organizzazioni internazionali e si attendono 28,5 milioni di visitatori, di cui 3,5 milioni dall’estero.
Ed è proprio l’Expo Osaka 2025 il focus dell’evento che Jnto, l’Ente Nazionale del Turismo Giapponese, ha tenuto nei bellissimi spazi del Tenoha di Milano, alla presenza del direttore esecutivo Yoshiyuki Mizuuchi e di tutto lo staff di Jnto Italia.

Il direttore sottolinea come il turismo italiano sia in crescita, con 152mila presenze nel 2023, ma si augura che raddoppino nel 2024 grazie ai voli diretti che entreranno in vigore quest’anno. Si comincia il 5 marzo con il collegamento giornaliero operato da ITA Airways da Roma Fiumicino a Tokyo Haneda, a bordo di un Airbus A350-900, mentre in autunno è prevista l’apertura della rotta Milano Malpensa – Tokyo Haneda da parte di ANA, All Nippon Airways. Questi voli si affiancano a quelli con uno scalo operato da tutte le principali compagnie del golfo, asiatiche ed europee come Finnair e Turkish Airlines.
L’Expo si terrà sull’isola artificiale di Yumeshima, nella baia di Osaka. Qui è in fase di realizzazione, con tecniche tradizionali, l’anello in legno più grande del mondo, progetto dell’architetto giapponese Sou Fujimoto, che vuole rappresentare il concetto di un cielo: 2 chilometri di circonferenza, un diametro di 675 metri e un’area coperta di 60.000 metri quadrati che proteggerà i visitatori dal sole e dalla pioggia. Una volta completato, il grande tetto ad anello coperto di verde e fiori formerà un corridoio aereo largo 30 metri che darà a milioni di visitatori una vista a volo d’uccello del sito dell’Expo sottostante.
L’Italia è stata la prima nazione a iniziare la costruzione del proprio padiglione progettato dall’arch. Mario Cucinella che si è ispirato alla “Città Ideale del Rinascimento” con un teatro, vero e proprio edificio nell’edificio, che ospiterà eventi culturali.

Yumeshima, il sito dove sorgerà l’Expo 2025

La presentazione dell’Expo è stata occasione per presentare il Kansai al di fuori delle solite rotte che includono Osaka, la seconda città più importante del Giappone, e Kyoto, con i suoi templi meravigliosi. L’obiettivo è quello di combattere l’overtourism di queste località, e a questo proposito sono stati presentati due itinerari tipo, ricchi di esperienze fra natura, cultura e gastronomia.
Uno porta a ovest nelle prefetture di Okayama, Kagawa, Tokushima e l’Isola Awaji, l’altro a est, verso le prefetture di Nara, Mie e Shima.

Il castello di Osaka

Autore

  • Roberta F. Nicosia

    Laureata in Geografia, giramondo e appassionata di fotografia, Roberta F. Nicosia parla quattro lingue ed è la nostra inviata speciale. A dieci anni, complice la copia di National Geographic che ogni mese trovava sulla scrivania e i filmini Super8 del papà, sapeva già dove erano il Borobudur, Borocay o Ushuaia e sognava di fare il reporter. Sono suoi quasi tutti gli articoli sulle destinazioni e le foto apparsi sul nostro Magazine. Dopo una parentesi con ruoli manageriali nel campo della comunicazione e dell’advertising, si è dedicata alla sua vera passione e negli ultimi vent’anni ha collaborato con riviste leisure come Panorama Travel, D di Repubblica, AD, specializzandosi poi nel MICE con reportage di viaggio, articoli su linee aeree e hotellerie. È stata caporedattore e direttore di diverse riviste di questo settore, e ha pubblicato una trentina di Guide Incentive con la collaborazione degli Enti del Turismo italiani.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *