Il Perù è più che una destinazione turistica, è un viaggio attraverso il tempo, la cultura, la gastronomia e la natura. Tra i viaggi in bucket list del 2024 non può mancare uno all’esplorazione delle meraviglie di questo affascinante paese. Molti vanno per visitare l’attrazione più nota, il sito archeologico Inca di Machu Picchu, ma in Perù c’è molto di più: ecco ulteriori 5 motivi per prenotare un viaggio in sud America:

1 – Cultura e storia millenaria

Velero frente a El Candelabro, en la Reserva Nacional de Paracas. Reserva Nacional de Paracas (Ica). Credits Walter Wust

Il Perù è stato di recente riconfermato per la quinta volta come la principale destinazione culturale al mondo ai World Travel Awards (WTA) 2023 per il suo ricchissimo patrimonio frutto della presenza delle antiche civiltà precolombiane ma anche dall’eredità spagnola. Il Perù ospita infatti oltre 5.000 siti archeologici, dei quali molti sono ancora avvolti dal mistero, trasportando il visitatore indietro nel tempo. Oltre al popolare sito di Machupicchu, c’è molto altro da non perdere. Per esempio Ica nel sud del Perù, conosciuta come la “Terra del Sole”, è stata a lungo abitata da diverse popolazioni indigene ed è il punto di partenza per scoprire i resti di antiche civiltà, tra cui quelle dei Paracas e degli Inca. Nei dintorni, la zona desertica di Nasca (Ica) è particolarmente famosa per le misteriose ed enormi linee e geroglifici disegnati per oltre 1.500 anni dalle comunità preispaniche sulle sabbie del deserto e sulle montagne. O ancora la caratteristica Arequipa, situata tra la costa e l’altopiano meridionale del Perù, conosciuta come la “città bianca” per i suoi edifici in stile barocco costruiti con pietra lavica, il “sillar”. La costa del Perù, invece, è stata la culla di alcune delle culture preispaniche più importanti del Sud America, tra cui la cultura Moche, che ha dominato il nord del paese tra il 100 e il 900 d.C. La Ruta Moche che va dalla regione de La Libertad a Lambayeque è un percorso turistico per esplorare le più importanti scoperte archeologiche della zona, come la tomba del Señor de Sipán, il corpo mummificato della Señora de Cao e gli affreschi murari rinvenuti nel Complesso Archeologico El Brujo. E ancora, la più grande città di fango dell’America pre-ispanica si trova nella regione peruviana settentrionale di La Libertad, a Chan Chan. L’antica capitale del regno Chimu originariamente copriva più di 20 km² e si stima che ospitasse più di 35.000 persone. La città, che include piazze, case, magazzini, strade, mura e templi piramidali, era il centro urbano di un grande stato regionale che copriva metà della costa nord del Perù. Le sue imponenti mura sono riccamente decorate con figure geometriche in rilievo, animali stilizzati e creature mitologiche. La Libertad è anche la sede dei Templi del Sole e della Luna, conosciuti anche come Huacas de Moche, che con una storia di oltre 1.500 anni sono i centri cerimoniali più importanti dell’antico regno Moche.

2 – Tradizioni autentiche per immergersi nella cultura locale

Diablada Puneña en la festividad de la Virgen de la Candelaria -. Credits: Renzo Giraldo PROMPERÚ

La cultura peruviana si riflette non solo nei numerosi siti archeologici presenti ma anche nelle tradizioni e nelle celebrazioni delle festività locali. Molti sono infatti gli eventi che coinvolgono turisti e residenti. Ogni anno, a febbraio, le sponde del Lago Titicaca sono teatro di una delle feste più vivaci e autentiche del Perù; la Festa della Vergine della Candelaria, una fusione tra tradizione religiosa dell’epoca coloniale con i riti dell’adorazione della Vergine. In virtù di questa festa, Puno è considerata la capitale del folklore dell’America Latina. La Diablada, una delle danze più affascinanti e rappresentative, riunisce 40 mila ballerini e 200 bande musicali, ed esprime tutta la devozione attraverso costumi tradizionali e un’energia che porta tutti a danzare per due settimane. E ancora il 24 giugno, il dio Sole è il protagonista dell “Inti Raymi” o “Festa del Sole”: migliaia di turisti nazionali e stranieri percorrono le strade del centro storico di Cusco e si riuniscono per vivere da vicino una giornata ricca di attività per conoscere l’eredità Inca. Sono oltre 800 persone, tra attori, ballerini e musicisti che – vestiti con abiti tradizionali – diventano protagonisti di spettacoli tra cui danze, recite realizzate all’esterno del tempio del Qorikancha e del Parco Archeologico di Sacsayhuamán, così come nella Plaza de Armas, cuore della città di Cusco.

3 – Un paradiso culinario

Superfoods. Credits Jimena Agois PROMPERÚ

Tra i motivi per cui visitare il paese c’è anche l’eccellente gastronomia che di recente ha ricevuto numerosi riconoscimenti. La cucina peruviana è una delle più rinomate e variegate al mondo sia per la sua unicità, frutto del passaggio di diverse culture che l’hanno attraversata, sia per la biodiversità dei prodotti e la grande ricchezza di materie prime locali, dovute alla presenza di ambienti naturali straordinari, dall’Oceano Pacifico alla catena montuosa delle Ande, dal deserto alla foresta amazzonica. Proprio quest’anno, tra i vari premi, il Perù si è aggiudicato il titolo di Migliore Destinazione Gastronomica ai World Travel Awards 2023, e ben 9 dei suoi ristoranti compaiono nella prestigiosa classifica The World’s 50 Best Restaurants (1° posizione il ristorante Central di Lima dello Chef Virgilio Martinez). Con una tradizione che mescola influenze indigene, spagnole, africane e asiatiche, italiane, la cucina peruviana offre un viaggio culinario unico. Dal celebre ceviche, un mix di pesce fresco marinato in lime, coriandolo e peperoncino, recentemente dichiarato patrimonio UNESCO, allo squisito riso chaufa, un piatto che fonde la cucina cinese con ingredienti locali. Il Perù è anche rinomato per la sua ampia varietà di prodotti: quattromila varietà di patata, 35 tipi di mais, 650 varietà di frutti e oltre 40 superfoods, che vengono abilmente combinati in piatti molto saporiti. Nel cuore delle Ande, invece, la cucina tradizionale è fatta di stufati, zuppe, carne e dessert a base di mais, latte e frutta. Proprio qui il ristorante Mil Centro (a 50 km da Cusco), guidato sempre dallo Chef Virgilio Martinez, è stato riconosciuto come “World’s Best Fine Dining Experience 2023” ai World’s Culinary Award 2023.

4 – Una destinazione sostenibile

Turistas en la entrada de la cueva de las lechuzas. Parque Nacional Tingo María. Credits Musuk Nolte

Ricco di storia, antiche tradizioni e diversità culturale, il Perù è anche sinonimo di natura ed è uno dei dieci paesi al mondo con maggiore biodiversità e risorse naturali. Ben 8 destinazioni del Paese, tra cui la provincia di Puno, il Santuario Storico di Machupicchu, Los Órganos (Piura), il Parco Nazionale Tingo María (Huánuco) e la Riserva Nazionale di Paracas (Ica), sono state infatti premiate ai Green Destinations Awards 2023, grazie anche al decisivo ruolo delle comunità locali, impegnate nello sviluppo di iniziative di turismo responsabile e sostenibile. La Provincia di Puno, per esempio, è diventata il pioniere del turismo comunitario in Perù, grazie all’impegno delle comunità locali che si sono organizzate per migliorare l’offerta turistica, sviluppando nuovi prodotti, puntando sulla pesca tradizionale, l’artigianato tessile e la gastronomia locale. Un’altra storia interessante è quella di Los Órganos (Piura), sulla costa Nord del Perù, dove Ñuro Cove, la comunità locale, ha deciso di puntare sullo sviluppo di un turismo sostenibile focalizzato sull’attività di avvistamento e protezione delle tartarughe verdi. E infine, nella Riserva Nazionale di Paracas, a sud della capitale Lima, è nata l’associazione “Los Guerreros de Paracas”, un gruppo di volontari locali che hanno dato un contributo decisivo all’implementazione di politiche virtuose, per proteggere l’area dal turismo di massa.

5 – Adrenalina pura, tra arrampicata e trekking

Trekking verso il Parque Arqueológico Choquequirao. Credits Christian Jara

Il Perù è anche il paradiso degli sport da praticare davanti a scenari unici al mondo. Il Paese ospita alcune delle catene montuose più spettacolari al mondo, perfette per gli amanti dell’arrampicata. Tra le vette più famose ci sono l’Huascarán (nella regione di Ancash), la montagna più alta del Perù, e l’Alpamayo, rinomata per la sua forma a piramide. Anche la Cordillera Blanca, nelle Ande settentrionali, è particolarmente popolare per l’arrampicata, ed è da qui che i visitatori possono raggiungere il ghiacciaio Caraz con i suoi laghi e le vette andine coperte di neve. Meno visitata ma altrettanto spettacolare, la Cordillera Huayhuash offre paesaggi selvaggi e sfide tecniche per gli scalatori più esperti. E infine, per chi desidera un’esperienza più tranquilla, il paese conta anche molte altre spettacolari percorsi per il trekking, che vale la pena fare. Per esempio, il sito gemello di Machupicchu, Choquequirao (Cusco), incastonato nella Catena Montuosa di Salkantay, si affaccia sul fiume Apurímac e offre una vista a 360 gradi sulle catene montuose circostanti; il percorso richiede almeno quattro giorni attraverso lo spettacolare Canyon di Apurímac, dove è possibile avvistare il Condor Peruviano. Sempre nella regione di Cusco, il trekking di Lares permette di venire in contatto con le comunità andine dei villaggi, dove si parla ancora il quechua – la lingua degli Inca, e dove vengono preservate antiche tradizioni tessili e si allevano lama ed alpaca. E infine il percorso di Ausangate (Cusco), la quinta montagna più alta del Perù, regala trekking di 5 giorni, con possibilità di arrampicare sul ghiaccio e ammirare tramonti indimenticabili.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *