Il Dipartimento della Cultura e del Turismo di Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi) ha illustrato i suoi piani per la crescita nel 2023, volti a promuovere, salvaguardare e sviluppare i settori della cultura e del turismo di Abu Dhabi e risultato delle ottime performance del 2022, guidate dall’innovazione, dalla resilienza e dall’integrazione di questi settori.
S.E. Saood Al Hosani, Sottosegretario del DCT Abu Dhabi, ha sottolineato che la cultura è al centro dei piani di DCT Abu Dhabi, giocando un ruolo chiave nella creazione di comunità innovative e resilienti. Nell’ambito dell’obiettivo strategico di promuovere una forte identità nazionale, DCT Abu Dhabi continua il suo mandato di promuovere e diffondere il patrimonio e l’identità culturale degli Emirati.
Sua Eccellenza Saood Al Hosani, Sottosegretario della DCT di Abu Dhabi, ha dichiarato: “Con la cultura al centro di tutto ciò che facciamo, abbiamo fissato obiettivi audaci e ambiziosi per il 2023, promuovendo, salvaguardando e dando nuovo impulso ai settori della cultura e del turismo ad Abu Dhabi. Siamo orgogliosi di condividere alcuni dei nostri risultati per il 2022, che dimostrano con forza come abbiamo riacceso il motore della crescita, grazie a questi settori resilienti, a una leadership visionaria e a partnership chiave tra le diverse industrie creative”.

“Stiamo facendo progredire Abu Dhabi creando nuove opportunità di lavoro e di carriera e consentendo la crescita del settore culturale attraverso le industrie culturali e creative (CCI), permettendo al contempo al turismo d’affari e leisure di prosperare. Il nostro scopo è condividere Abu Dhabi con il mondo e arricchire le vite delle persone in visita”, ha aggiunto.

Piani 2023: arricchire la vita e alimentare la crescita

Con la promozione e la tutela della cultura al centro del proprio mandato, DCT di Abu Dhabi lavora sull’eredità del defunto sceicco Zayed, padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, per rafforzare l’identità nazionale, coltivare i talenti, creare una maggiore consapevolezza del patrimonio e dei valori emiratini e sviluppare una scena culturale solida e innovativa. Il dipartimento continua a sviluppare politiche per preservare il patrimonio di Abu Dhabi, i musei e i siti culturali dell’emirato e a curare programmi di arti visive e performative, attirando un pubblico eterogeneo dagli EAU, dalla regione e dal mondo.

DCT di Abu Dhabi considera la cultura e il turismo come importanti fattori di sviluppo sociale ed economico della nazione e il sostegno del Dipartimento all’ICC riflette il suo impegno a costruire un’economia diversificata, dinamica e sostenibile per l’emirato.

In qualità di custode delle industrie culturali e creative (CCI) e in collaborazione con i suoi partner, DCT Abu Dhabi sosterrà la creazione di oltre 300 posti di lavoro nel settore in rapida crescita dell’e-gaming. Il target sarà distribuito tra più di 20 nuove aziende con un potenziale di espansione significativo, per guidare un ecosistema di gioco ed e-sports di successo nella capitale degli Emirati Arabi Uniti.

Inoltre, DCT Abu Dhabi promuove e tutela la lingua araba, assicurando che le sue numerose iniziative siano radicate nel territorio e nel contesto dell’emirato. L’Abu Dhabi Arabic Language Centre (ALC) continua a sostenere la conoscenza dell’arabo tra la comunità degli Emirati Arabi Uniti, facilitando al contempo la crescita dell’industria editoriale araba attraverso progetti chiave come Kalima ed Esdarat. I piani e le strategie dell’ALC Abu Dhabi per il 2023 sono stati rafforzati per attirare un maggior numero di visitatori alle fiere e ai festival del libro.

“Tutti questi piani contribuiscono a consolidare la nostra posizione di piattaforma chiave per la cultura e la creatività, dove prosperano la leadership di pensiero, lo scambio interculturale e l’innovazione. A questo proposito, siamo orgogliosi di proseguire nel percorso di sviluppo di musei chiave per Abu Dhabi, come lo Zayed National Museum, il Natural History Museum Abu Dhabi e l’Al Ain Museum, e di ospitare eventi culturali come il prossimo Culture Summit Abu Dhabi che si terrà quest’anno. In questa sesta edizione riuniremo ancora una volta i leader del settore delle arti, del patrimonio culturale, dei media, dei musei, delle politiche pubbliche e della tecnologia, individuando i modi in cui la cultura può trasformare le società e le comunità di tutto il mondo”, ha aggiunto S.E. Al Hosani.

Obiettivi turistici ambiziosi

Per sostenere l’obiettivo del Dipartimento di accogliere più di 24 milioni di visitatori nel 2023 – dai 18 milioni del 2022 – l’offerta della destinazione è in continua crescita, come dimostrano le recenti aperture di molte nuove attrazioni come SeaWorld Yas Island, Abu Dhabi, Pixoul Gaming, Adrenark Adventure e Snow Abu Dhabi, attrazioni che incentivano i visitatori a scegliere di tornare ad Abu Dhabi per sperimentare tutto ciò che l’Emirato ha da offrire.

Experience Abu Dhabi, il marchio di destinazione di DCT Abu Dhabi, promuove l’emirato come destinazione turistica per tutto l’anno, capace di offrire esperienze emozionanti, stimolanti e rigeneranti da vivere al proprio ritmo, tra cui l'”oasi vivente” di Al Ain, un’esperienza autentica per i visitatori regionali e gli amanti della cultura.

Nel corso del 2023, Experience Abu Dhabi raggiungerà più di 40 mercati a livello internazionale, attraverso 22 campagne creative. Nell’ambito di questi sforzi, la destinazione ha introdotto una serie di campagne specifiche per il mercato nel 2023, tra cui una prima campagna video in arabo per il CCG con Ahmed Helmy e Mona Zaki, e ha siglato un accordo biennale di brand ambassadorship con la star di Bollywood, Ranveer Singh, per raggiungere il pubblico indiano.

Gli eventi e le esperienze di Abu Dhabi durante tutto l’anno sono raccolti nel calendario di Abu Dhabi, ricco di azione, intrattenimento e concerti per le famiglie, affiancati da collaborazioni con partner IP globali, come l’UFC, l’NBA e la Formula 1. Questo include anche festival stagionali di vendita al dettaglio, una ricca scena culinaria e altri appuntamenti che giocano un ruolo chiave nella crescita della destinazione.

2022: buon anno per turismo e MICE ad Abu Dhabi

DCT Abu Dhabi ha svelato i dettagli relativi ai visitatori del 2022, dati contenuti nel Rapporto annuale del Dipartimento, sottolineando come Abu Dhabi abbia raggiunto i 18 milioni di visitatori nel corso dell’anno, con un aumento del 17% rispetto all’anno precedente, nell’ambito della ripresa dalla pandemia. La crescita del turismo nazionale e internazionale dimostra la maggiore consapevolezza di Abu Dhabi come destinazione e l’ampia attrattiva esercitata da una gamma ampliata di esperienze culturali, intrattenimento, eventi sportivi, fiere e roadshow internazionali, disponibili tutto l’anno.

DCT Abu Dhabi ha confermato la crescita delle visite sia leisure che MICE, rivelando che i tassi di occupazione alberghiera per il 2022 hanno superato il 70%, superando la media del Medio Oriente. Ciò ha comportato un aumento del 24% dei pernottamenti in hotel, che hanno raggiunto i 4,1 milioni, rispetto al 2021, mentre la durata media del soggiorno per visitatore è stata di tre notti, con un significativo aumento del 18% su base annua dei ricavi per camera disponibile, rispetto al 2021.

Con una reputazione di lunga data come centro globale per gli affari, la posizione di Abu Dhabi come destinazione principale per gli eventi aziendali è stata rafforzata dall’accoglienza di oltre 600.000 visitatori MICE e dall’ospitalità di 1.210 eventi MICE nel 2022, che hanno messo in mostra le sue sedi, gli hotel e le strutture di supporto leader a livello mondiale.

L’aumento dell’attività MICE è stato favorito dal rinnovato programma Advantage Abu Dhabi 2.0 di DCT Abu Dhabi, che offre agli organizzatori di eventi un’opportunità unica di ottenere un valore orientato alla destinazione, con un supporto personalizzato.

Per quanto riguarda il futuro dell’attività MICE nell’emirato, DCT Abu Dhabi ha recentemente vinto la gara per ospitare la 13a Conferenza Ministeriale (MC13) dell’Organizzazione Mondiale del Commercio. Ospitare per la prima volta questo evento biennale nella capitale degli Emirati Arabi Uniti posiziona ulteriormente Abu Dhabi come una destinazione con la capacità e le competenze necessarie per ospitare convegni di rilevanza globale.

DCT Abu Dhabi continua a lavorare a stretto contatto con Miral, Etihad Airways, ADNEC e altri partner MICE per attirare nell’emirato un numero ancora maggiore di gruppi per meeting e incentive, visto che Abu Dhabi è stata recentemente nominata dall’International Congress and Convention Association (ICCA) la migliore città del Medio Oriente per i meeting associativi.

Autore

  • Redazione Qualitytravel.it

    Qualitytravel.it è un web magazine b2b di approfondimento su turismo, business travel, marketing ed eventi: un punto di vista autorevole sui trend di settore e un utile strumento di lavoro per tutti i lettori. Il pubblico a cui ci rivolgiamo è prettamente professionale ed è composto da tutti coloro che lavorano nella filiera del turismo e degli eventi: gestori di hotel e di location, tour operator e agenzie viaggi, dmc e tmc locali, fornitori di servizi e agenzie di organizzazione eventi, trasporti e infrastrutture, attività di ristorazione e catering, divisioni marketing, travel, eventi ed hr delle aziende. Il nostro impegno è quello di fornire un’informazione puntuale su novità e trend del settore, raccontare case study e consigli utili per l’attività quotidiana, offrire uno spaccato del mondo del lavoro e notizie di attualità su business, marketing, bandi e gare di settore.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *