Secondo gli ultimi dati del Dubai’s Department of Economy and Tourism (DET), Dubai ha accolto 14,36 milioni i visitatori internazionali nel 2022, segnando un incremento del 97% rispetto ai 7,28 milioni di arrivi turistici nel 2021. Del totale sono stati ben 212.000 gli italiani che hanno visitato la città emiratina nel 2022, pari a un aumento del 100% rispetto al 2021. Questo trend positivo ha permesso alla destinazione di superare i livelli di ripresa del turismo globale e regionale, contribuendo a raggiungere l’obiettivo dell’Agenda economica di Dubai D33 lanciata da Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, per consolidare lo status di Dubai come una delle prime tre città del mondo per viaggi e affari.
Sua Altezza lo Sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Principe Ereditario di Dubai e Chairman del Consiglio Esecutivo di Dubai ha dichiarato: “La capacità di Dubai di accelerare rapidamente la crescita del turismo, che ha portato la città ad essere un precursore nel settore a livello internazionale, dimostra la visione di ampio respiro di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum di trasformare l’emirato in un importante player di riferimento nel modellare il futuro di settori vitali. Il notevole aumento delle visite internazionali nel 2022 sostiene l’ambizioso obiettivo dell’Agenda economica di Dubai D33 di raddoppiare l’entità dell’economia dell’emirato entro il 2033. Il settore del turismo e dei viaggi contribuisce in modo significativo all’obiettivo della leadership di rendere l’emirato un modello di eccellenza nell’economia globale.
“L’eccezionale incremento dell’afflusso di visitatori riflette la continua evoluzione di Dubai come una delle città più connesse e la sua determinazione a diventare leader nel mondo delle infrastrutture adibite all’ospitalità e i servizi. L’elevata crescita dimostra al mondo che non ci adagiamo mai sui nostri successi e lavoriamo costantemente per aumentare i nostri parametri di riferimento. Sono fiducioso che Dubai sarà un catalizzatore per la crescita del turismo globale e l’accessibilità legata al viaggio negli anni a venire.”

Avvicinandosi ai 16,73 milioni di visitatori pre-pandemia registrati nel 2019, la performance turistica di Dubai nel 2022 ha convalidato la sua posizione di destinazione globale No.1 ai Tripadvisor Travellers’ Choice Awards 2023 per il secondo anno consecutivo, diventando la seconda città nella storia ad aver raggiunto questo traguardo.
Gli ultimi dati della United Nations World Tourism Organization (UNWTO) mostrano che i viaggi turistici internazionali nel 2022 sono stati inferiori del 37% rispetto al 2019. Il Medio Oriente ha registrato il più forte incremento relativo, con arrivi che raggiungono l’83% dei numeri pre-pandemici. Dubai ha superato i barometri turistici di ripresa sia globali che regionali, con un numero di visitatori nel 2022 che hanno raggiunto l’86% dei livelli pre-pandemici.

Sua Eccellenza, Helal Saeed Almarri, Direttore Generale del Dipartimento di Economia e Turismo di Dubai, ha detto: “In linea con la visione di Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, di rendere Dubai la destinazione più visitata del mondo, le performance del nostro settore nel 2022 mostrano gli straordinari progressi compiuti dalla città negli ultimi due anni. Mentre l’economia globale rimane in uno stato di flusso, Dubai è emersa come un chiaro leader nel settore del turismo. Le performance positive testimoniano il ruolo crescente di Dubai come attore di primo piano nella ripresa del turismo globale. L’impulso positivo dimostra anche che il turismo contribuisce in modo significativo alla crescita economica della città e allo sviluppo sostenibile, avvicinandosi sempre di più all’obiettivo dell’Agenda economica di Dubai D33 per rafforzare lo status di Dubai come una delle prime tre città del mondo per il turismo e le imprese.

La performance positiva del 2022 presenta alcuni picchi notevoli nei tradizionali mercati chiave di Dubai e una forte crescita nei mercati emergenti. Dubai è rimasta una destinazione di viaggio sicura per i visitatori provenienti dai mercati di riferimento della città.

Da una prospettiva regionale, gli stati dell’Europa occidentale e le regioni del CCG hanno rappresentato ciascuna una quota del 21% degli arrivi. L’area del GCC in particolare ha visto un aumento esponenziale degli arrivi passando dal 13% nel 2021 al 21% dello scorso anno. L’Asia meridionale ha contribuito per il 17% dei volumi totali, mentre segue la regione MENA con il 12%, rafforzando ulteriormente l’attrattività di Dubai per i turisti dei mercati di prossimità. Le Americhe hanno rappresentato il 7% degli arrivi, mentre l’Asia del Nord, il Sud-Est asiatico e l’Africa hanno contribuito per il 5% ciascuno e l’Australasia per il 2%.

Sua Eccellenza, Issam Kazim, CEO della Dubai Corporation for Tourism and Commerce Marketing, ha dichiarato: “Mentre Dubai continua a crescere in modo esponenziale in linea con l’Agenda Economica di Dubai D33 lanciata dalla nostra leadership visionaria per rendere la destinazione una delle prime tre città al mondo per il turismo e gli affari, la città si impegna a migliorare le infrastrutture, le esperienze e le attrazioni per renderle uniche e innovative a livello mondiale. La diversità della proposta di destinazione e il crescente profilo di Dubai come destinazione sicura, aperta e accessibile hanno fatto sì che la città sia stata scelta come destinazione globale numero 1 per il secondo anno consecutivo nei Tripadvisor Travellers’ Choice Awards 2023. I nostri partner hanno svolto un ruolo fondamentale nel raggiungimento della prima posizione in classifica, grazie al loro significativo contributo alla crescita turistica di Dubai e alla spinta del settore a livello globale, nonché alla loro partecipazione attiva a tutte le nostre campagne globali e alle attività di marketing che hanno fatto permesso a Dubai di essere considerata la destinazione preferita dai viaggiatori di tutto il mondo. L’eccezionale sostegno dei nostri stakeholder partner del settore pubblico e privato sarà determinante per aumentare la nostra capacità di presentare la nostra offerta senza eguali ideata per soddisfare le diverse esigenze e budget dei viaggiatori internazionali, mentre ci prepariamo ad accogliere un numero ancora maggiore di visitatori a Dubai nel 2023″.

Il settore alberghiero di Dubai, che continua ad essere parte integrante dell’offerta dell’emirato e della crescita complessiva dell’industria del turismo, ha continuato a performare in modo eccellente rispetto a tutti i parametri dell’ospitalità.

L’occupazione media per il settore alberghiero nel 2022 è stata del 73%, uno dei più alti a livello internazionale, in crescita rispetto al 67% del 2021; il dato si avvicina al livello di occupazione del 75% registrato nel periodo pre-pandemico del 2019. L’elevata occupazione è particolarmente degna di nota in quanto è stata raggiunta nonostante un aumento del 16% dell’offerta di camere nel 2022 rispetto al 2019. L’offerta degli hotel di Dubai alla fine di dicembre 2022 comprendeva 146.496 camere in 804 strutture alberghiere, rispetto alle 126.120 camere disponibili alla fine di dicembre 2019 in 741 strutture. Il numero totale di hotel nel 2022 ha segnato una crescita del 6% rispetto al 2021 (dove figuravano 755 strutture alberghiere con 137.950 camere), cifre che evidenziano la continua fiducia degli investitori nel settore del turismo di Dubai.

Il settore alberghiero ha superato i livelli pre-pandemici in tutti i parametri chiave dell’hotellerie: – pernottamenti per notte, tariffa media giornaliera (ADR) e ricavi per camera disponibile (RevPAR). Le strutture alberghiere di Dubai hanno raggiunto il record di 37,43 milioni di pernottamenti nel 2022, registrando un aumento del 19% rispetto al 2021 (31,47 milioni) e un aumento del 17% rispetto al periodo pre-pandemico del 2019, con un dato di 32,11 milioni di camere occupate.

L’ADR di AED536 nel 2022 ha superato l’ADR sia per il 2021 (AED451) che per il 2019 (AED415), con aumenti rispettivamente del 19% e del 29%. La solida performance del settore alberghiero è evidente anche nella crescita del RevPAR – che ha registrato un’impennata del 30% rispetto al 2021 (AED391 contro AED301) e un aumento del 25% rispetto al periodo pre-pandemico del 2019 (RevPAR di AED312).

Autore

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *